La pistola taser
La pistola taser
Cronaca

Forze dell'ordine: anche a Molfetta l'uso della pistola taser

L'annuncio del sottosegretario Molteni. Si tratta di un'arma ad impulsi elettrici per la gestione di situazioni critiche

A partire da lunedì 6 giugno anche a Molfetta sarà possibile utilizzare il taser, l'arma ad impulsi elettrici. L'uso del dispositivo, in dotazione ai corpi dello Stato, è iniziato a marzo solo in alcune città; gradualmente si sta estendendo in tutta Italia.

Una nota del sottosegretario all'Interno, Nicola Molteni, fa sapere che «da lunedì 6 giugno, il taser arriverà anche a Molfetta, Altamura, San Vito dei Normanni e Salice Salentino. A partire da lunedì 6 giugno - spiega l'esponente di governo - saranno 139 le città italiane, da Nord a Sud, in cui la pistola a impulsi elettrici sarà operativa. Per affrontare in maniera efficace l'evoluzione delle minacce alla sicurezza è necessario aggiornare costantemente gli strumenti messi in campo, e il taser risponde all'esigenza di offrire a Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza uno strumento in più a tutela dell'incolumità degli operatori di pubblica sicurezza e dei cittadini».

«Nelle ultime settimane - prosegue Molteni -, ossia da quando è entrato nel vivo il cronoprogramma che sta portando l'arma nelle dotazioni effettive di donne e uomini in divisa in tutta Italia, si sta confermando l'eccellente potenziale di deterrenza di questo strumento. Stiamo continuando a lavorare nella consapevolezza che la sicurezza è, al tempo stesso, un bene da tutelare e un servizio da offrire. Di più, dalla sicurezza passano il rilancio del turismo, la ripresa economica e la capacità di attrarre investimenti. Il governo è assolutamente consapevole della centralità degli investimenti in sicurezza», conclude.

A marzo è iniziato l'uso del taser. In quella circostanza il ministro all'Interno Luciana Lamorgese ha affermato che l'introduzione del dispostivo «costituisce un passo importante per ridurre i rischi per l'incolumità del personale impegnato nelle attività di prevenzione e controllo del territorio», sottolineando anche che «grazie all'adozione del dispositivo, le forze di polizia saranno in grado di gestire in modo più efficace e sicuro le situazioni critiche e di pericolo».

L'utilizzo dello strumento è stato preceduto da corsi di addestramento e formazione del personale.
  • Carabinieri Molfetta
  • Pistola taser Molfetta
Altri contenuti a tema
«C'è qualcuno in quella casa». Era stata occupata abusivamente «C'è qualcuno in quella casa». Era stata occupata abusivamente È successo in un alloggio popolare di via Ruvo, sul posto Carabinieri e Polizia Locale. Denunciate tre persone
In fiamme Miragica. La Procura vuol vederci chiaro, si sospetta il dolo. LE FOTO In fiamme Miragica. La Procura vuol vederci chiaro, si sospetta il dolo. LE FOTO L'intervento dei Vigili del Fuoco s'è protratto sino a sera. Pochi i dubbi sul fatto che dietro vi sia stata la mano dell'uomo
«Nessun legame con la mafia». Colpo di scena: assolto l'appuntato Laforgia «Nessun legame con la mafia». Colpo di scena: assolto l'appuntato Laforgia Non hanno retto le accuse di concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione mosse al militare. È tornato in libertà
Un teschio umano in mare. È mistero nelle acque di Molfetta Un teschio umano in mare. È mistero nelle acque di Molfetta Pesca macabra: è stato recuperato nelle reti a strascico di un peschereccio. Per identificarlo servirà l'esame del Dna
24enne morto nel cantiere, la famiglia chiede «silenzio». Oggi l'autopsia 24enne morto nel cantiere, la famiglia chiede «silenzio». Oggi l'autopsia L'avvocato Petruzzella: «Nella tragedia, una sola certezza: si trattava di un ragazzo per bene». Proseguono le indagini
Tenta di rapinare un anziano in strada: «Minacciato con un paio di forbici» Tenta di rapinare un anziano in strada: «Minacciato con un paio di forbici» È accaduto lungo corso Umberto, l'uomo ha 83 anni ed è ancora sotto shock. Il rapinatore si è dato alla fuga
Agguato in via Ruvo: il 18enne lascia il carcere. Ai domiciliari Agguato in via Ruvo: il 18enne lascia il carcere. Ai domiciliari Il Gip di Trani ha accolto l’istanza dell'avvocato del giovane, riconoscendo l’affievolimento delle esigenze cautelari
Vite bruciate: armiere a 16 anni, proseguono le indagini a Molfetta Vite bruciate: armiere a 16 anni, proseguono le indagini a Molfetta Il minore, che sognava di fare il calciatore, è finito agli arresti domiciliari. Si scava fra le sue frequentazioni
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.