I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Fermato dopo aver picchiato un uomo: era evaso dai domiciliari

È successo nel bar e pizzeria La Cueva, ma i Carabinieri hanno rintracciato e catturato il soggetto

Dapprima l'evasione dai domiciliari, poi calci e pugni al marito della titolare de La Cueva Caffè. Il tutto durato lo spazio di pochissime ore. Da Molfetta non s'è mai allontanato. E alla fine, i Carabinieri della locale Compagnia hanno bloccato Cosma Damiano Grosso, arrestandolo.

"Danny", questo l'appellativo del 21enne, scampato ad un agguato il 12 settembre 2015, durante la festa patronale di Molfetta, doveva essere nella sua abitazione di Molfetta, dove era confinato ai domiciliari, poiché arrestato durante l'operazione "Hallowenn" che il 31 ottobre 2017 ha portato al fermo di 17 personaggi della criminalità di Molfetta e Giovinazzo, legati anche ai clan baresi Di Cosola e Diomede.

Invece si è presentato all'interno del bar e pizzeria di via Fermi per regolare conti in sospeso e originati da un movente passionale. È successo nei giorni scorsi in città. Una gazzella del Nucleo Operativo e Radiomobile è stata chiamata dalla titolare. Ma quando i militari sono arrivati sul posto, messi in moto dalla centrale operativa del 112, l'aggressore era svanito nel nulla.

La vittima, invece, era ancora lì, con evidenti segni di percosse ed ecchimosi al volto. A causarle, ha spiegato, proprio il 21enne, sottoposto ai domiciliari e subito dopo allontanatosi, di sicuro anche nella consapevolezza delle conseguenze. Ma, così facendo, peggiorando anche la sua posizione. La descrizione del soggetto da ricercare è stata diramata a tutte le pattuglie presenti sul territorio.

L'uomo, invece, è stato sottoposto alle cure mediche del Servizio 118. Le ricerche, intanto, sotto la regia del capitano Vito Ingrosso, sono andate avanti per tutta la giornata. In serata, i Carabinieri l'hanno riconosciuto, inseguito, catturato e condotto presso gli uffici di via Giovinazzo. Le accuse a suo carico: evasione dalla misura cautelare degli arresti domiciliari e lesioni aggravate.

Non solo ha picchiato un uomo. Ma non doveva neanche uscire di casa: era agli arresti domiciliari. Sentito il pm di turno, il 21enne è stato arrestato e trasportato presso la casa circondariale di Trani. Il fascicolo a suo carico, dunque, si rimpolpa a causa di quest'arresto.
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Cosma Damiano Grosso
Altri contenuti a tema
3 Rapinano commesse mentre vanno a versare l'incasso Rapinano commesse mentre vanno a versare l'incasso Rapina shock questo pomeriggio in via Rattazzi. Bottino ingente, indagano i Carabinieri di Molfetta
Prodotti ittici privi di tracciabilità: sequestrati 60 chili Prodotti ittici privi di tracciabilità: sequestrati 60 chili I controlli di Capitaneria di Porto e Carabinieri al mercato settimanale di via Salvucci
Operazione "Halloween", condanne per oltre 50 anni Operazione "Halloween", condanne per oltre 50 anni 8 anni e 20 giorni per Nicola Abbrescia, di Molfetta. Tra i condannati (a 3 anni e 10 mesi) anche Maria Fiore
4 Tenta di violentare una ragazza. Fugge e ora è ricercato Tenta di violentare una ragazza. Fugge e ora è ricercato La vittima sarebbe stata aggredita da un uomo di colore in via Madonna della Rosa. Nessuna conseguenza, a parte il forte spavento
1 Scarcerato il 45enne ubriaco. Disposto l'obbligo di dimora Scarcerato il 45enne ubriaco. Disposto l'obbligo di dimora Il gip ha deciso la liberazione dell'uomo, prescrivendo però l'obbligo non allontanarsi da Molfetta
Ubriaco semina il panico nel bar, fermato con lo spray al peperoncino Ubriaco semina il panico nel bar, fermato con lo spray al peperoncino Nella notte un 45enne è stato bloccato dai Carabinieri mentre creava problemi di ordine pubblico
Operazione "Pandora", il plauso di Avviso Pubblico Operazione "Pandora", il plauso di Avviso Pubblico L'associazione esprime gratitudine per il lavoro svolto dalla magistratura e dalle forze dell’ordine
«Roberto De Blasio affiliato al clan Mercante-Diomede» «Roberto De Blasio affiliato al clan Mercante-Diomede» L'uomo, imprenditore nel settore della sicurezza privata, è stato espulso dalla Federazione Antiracket
© 2001-2018 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.