I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Doppia rapina in via Azzarita: è lo stesso rapinatore

I colpi alla tabaccheria Veneziano ed al supermercato Despar. Ad agire un uomo armato di pistola

Mette a segno due rapine da solo, ma non è detto che non vi fosse un complice. Un ragazzo, nella serata di ieri, ha perpetrato due colpi ai danni della tabaccheria Veneziano e all'interno di uno dei supermercati a marchio Despar presenti a Molfetta, quello ubicato in via Azzarita.

L'uomo, casco integrale in testa, si è presentato all'interno della tabaccheria Veneziano di via Azzarita armato di cattive intenzioni e di una pistola, probabilmente giocattolo. E brandendo l'arma come se fosse vera si è fatto consegnare dal titolare l'incasso della giornata, ancora in fase di quantificazione, contenuto nel registratore di cassa. Una volta arraffati i soldi, è fuggito via a piedi, facendo letteralmente perdere le sue tracce.

È questo, in sintesi, il racconto del primo dei due colpi messi a segno da un rapinatore solitario, ieri sera. Il malintenzionato, con il volto coperto per non essere riconosciuto, è entrato in azione quando l'orologio segnava le ore 20.50. La povera vittima, di fronte alla pistola, non ha potuto far altro che consegnare il denaro, senza opporre resistenza. Soltanto quando il rapinatore era ormai lontano stringendo tra le mani il bottino, ha lanciato l'allarme al 112.

Pochi secondi dopo, a qualche metro di distanza, si è presentato nel supermercato Despar, armato di pistola (anche in questo caso non è chiaro se l'arma fosse vera o il classico giocattolo, nda), e ha costretto una delle cassiere a consegnare il denaro custodito nel registratore. La donna non ha opposto resistenza e, in pochissimi secondi, si è vista sfilare tutto il denaro guadagnato fino a quel momento: la somma è ancora in corso di quantificazione.

Il rapinatore solitario, dopo aver arraffato i contanti, ha guadagnato l'uscita, per poi allontanarsi rapidamente e perdersi, forse a piedi, lungo le vie adiacenti della zona 167. Dopo essersi ripresa dallo shock iniziale, la dipendente ha immediatamente composto il 112. Sarebbe piuttosto giovane il rapinatore, almeno stando alla descrizione fornita dai testimoni oculari. Anche in questo caso indossava un casco integrale, per cui non è stato possibile individuarne i tratti somatici.

Non è però escluso che vi fosse anche un complice, nascosto da qualche parte nelle immediate vicinanze. È un'ipotesi al vaglio dei Carabinieri della Compagnia di Molfetta, intervenuti con una gazzella dell'Aliquota Radiomobile negli istanti successivi all'accaduto. I militari dell'Arma hanno eseguito i rilievi del doppio caso, ascoltato dipendenti e testimoni e setacciato tutta la zona nella speranza di riuscire a rintracciare il malvivente.

Sono inoltre alla ricerca delle videocamere di sorveglianza installate sia all'interno ed all'esterno dei due esercizi, sia nell'area circostante di via Azzarita. Con un po' di fortuna e col contributo tecnologico degli "occhi elettronici", si potrebbe risalire al responsabile.
  • Rapine Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Difende un clochard, anziano pestato. A Molfetta è caccia alla baby gang Difende un clochard, anziano pestato. A Molfetta è caccia alla baby gang Violenza e ferocia nella stazione ferroviaria. L'uomo è stato soccorso dal 118, indagano i Carabinieri
Deteneva in casa oltre 30 dosi di marijuana. Arrestato Deteneva in casa oltre 30 dosi di marijuana. Arrestato Il 27enne Michele de Bari preso dai Carabinieri. Nel 2009 fu arrestato dopo uno scippo che causò la morte di una 90enne
Scavalca il bancone e fugge con 1.000 euro, rapina alle Poste Scavalca il bancone e fugge con 1.000 euro, rapina alle Poste Due rapinatori hanno preso di mira la filiale di via Cormio. Paura tra le persone presenti, indagano i Carabinieri
L'inseguimento parte a Giovinazzo e finisce a Molfetta. Arrestato L'inseguimento parte a Giovinazzo e finisce a Molfetta. Arrestato In manette un giovinazzese. Il tallonamento tra una gazzella del Radiomobile e la Lancia Delta dell'uomo
C'è la banda made in Molfetta dietro gli ordigni a d'Ingeo? C'è la banda made in Molfetta dietro gli ordigni a d'Ingeo? Secondo i Carabinieri potrebbero essere stati loro ad aver agito contro l'attivista del Liberatorio
Furto e ricettazione di auto: smantellata banda made in Molfetta Furto e ricettazione di auto: smantellata banda made in Molfetta In manette un 32enne ed un 21enne. Contestati anche incendi di auto oltre ad atti vandalici e dinamitardi
Ladro in casa tenta la fuga dal balcone, arrestato un 50enne Ladro in casa tenta la fuga dal balcone, arrestato un 50enne L'uomo, pregiudicato del quartiere San Paolo di Bari, è stato fermato dai Carabinieri. Si cerca il complice
4 Aggressione in discoteca. Una delle vittime: «Sono stati i buttafuori» Aggressione in discoteca. Una delle vittime: «Sono stati i buttafuori» Due molfettesi sono ricoverati al Policlinico. Uno dei gestori: «Condanniamo ogni forma di violenza, non ci appartiene»
© 2001-2018 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.