I pappagalli sequestrati dai Carabinieri del Cites
I pappagalli sequestrati dai Carabinieri del Cites
Cronaca

Deteneva illegalmente sei pappagalli: denunciato un 63enne

Gli animali sono stati sequestrati: mancavano i documenti. La sua difesa: «Li ho salvati, erano caduti dai nidi»

Sei pappagalli, della specie parrocchetto monaco, posseduti abusivamente. A scoprirli sono stati i Carabinieri del Reparto Cites di Bari, in seguito ad un'ispezione in un'attività commerciale sita in piazza Gramsci, a Molfetta, nel corso di un'attività di controllo per la tutela di specie animali e vegetali minacciate di estinzione.

Gli esemplari, originari di un'area della parte sud-orientale del sud America e che fanno parte di una specie protetta dalla Convenzione di Washington, sono stati trovati all'interno di una voliera posta sul retro dell'esercizio. Alla richiesta dei militari di una valida prova che comprovasse la legale acquisizione dei sei volatili, il detentore, un commerciante 63enne del posto, non è riuscito a dimostrare alcuna documentazione comprovante la tracciabilità e la provenienza dei pappagalli.

Per questo motivo è stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Trani e ora dovrà rispondere di detenzione illegale di avifauna. Gli animali, invece, sono stati posti sotto sequestro: saranno affidati a una struttura autorizzata alla detenzione, in attesa di una destinazione definitiva disposta dall'Autorità Giudiziaria. L'uomo prova a difendersi: «Si tratta di sei volatili caduti dai tanti nidi presenti in zona sui quali, nessuno, nonostante le segnalazioni, è intervenuto».

I piccoli di pappagallo, secondo il racconto dell'uomo, difeso dall'avvocato Bepi Maralfa, sarebbero caduti per terra. E lui, ha riferito ai militari, li avrebbe custoditi in una voliera «per il loro benessere» e per preservarli da un destino atroce: «I gatti avrebbero potuto ucciderli perché erano ancora incapaci di volare». Sono tante le persone che istintivamente raccolgono questi piccoli animali sperando, così facendo, di aiutarli e di proteggerli. Ma non è sempre certo che la cosa funzioni.

In questo caso, però, la scelta, seppur lodevole, s'è rivelata sbagliata «perché - ha spiegato Pasquale Salvemini - i pappagalli sono inseriti nell'allegato 2 del Cites, pertanto chiunque dovesse detenere pappagalli sprovvisti della relativa certificazione è punibile con sanzioni amministrative e penali». Per il referente regionale del WWF, che plaude all'attività dei Carabinieri, «questo è un segnale che serve per limitare il commercio illegale», su cui è cresciuto l'interesse della criminalità.

«Negli ultimi anni - ha concluso Salvemini - abbiamo assistito a vere e proprie bande criminali che tagliano alberi, rami e danneggiano tutto ciò che impedisce il recupero di uova o nidiacei che vengono venduti al mercato nero a 60 e 80 euro. Questo rappresenta un reato all'avifauna ed al patrimonio pubblico e privato».
  • Carabinieri Molfetta
  • Pappagalli verdi Molfetta
Altri contenuti a tema
Rubano un'auto, ma finiscono fuori strada: ladri in fuga a Molfetta Rubano un'auto, ma finiscono fuori strada: ladri in fuga a Molfetta È successo sulla provinciale per Terlizzi. Prima di fuggire, i banditi hanno dato fuoco ad un'auto
Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» I due omonimi Vito Magarelli sono in carcere. Oggi compariranno davanti al gip Altamura per l’interrogatorio di garanzia
Arresti per i fatti di piazza Paradiso, il plauso del sindaco Minervini Arresti per i fatti di piazza Paradiso, il plauso del sindaco Minervini «Brillante operazione». Quell'episodio destò «particolare allarme per la sicurezza cittadina»
Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Ricostruito dai Carabinieri il tentato omicidio di Leonardo Squeo: in manette due cugini omonimi, di 48 e 34 anni
«A Molfetta comandava Manganelli». La difesa: «È pura fantasia» «A Molfetta comandava Manganelli». La difesa: «È pura fantasia» Secondo due pentiti «bisognava chiedergli il permesso prima di avviare un cantiere». Poli: «Fiduciosi di chiarire»
Minervini: «A Molfetta due pattuglie in più dei Carabinieri» Minervini: «A Molfetta due pattuglie in più dei Carabinieri» Per il sindaco si tratta di «una risposta importante da parte delle istituzioni e delle forze dell’ordine»
Maxi-sequestro da 50 milioni a Molfetta: le indagini iniziate nel 2016 Maxi-sequestro da 50 milioni a Molfetta: le indagini iniziate nel 2016 Nel mirino Giuseppe Manganelli: l'attività avviata dai Carabinieri dopo una serie di controlli stradali
Fabbricati, aziende, auto: sequestro da 50 milioni all'imprenditore Manganelli Fabbricati, aziende, auto: sequestro da 50 milioni all'imprenditore Manganelli Al 52enne i Carabinieri hanno messo sotto chiave 16 fabbricati, 4 terreni, 5 società, 6 veicoli e 11 conti correnti
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.