Andrea Missori
Andrea Missori

Da Molfetta a nuovo AD di Ericsson, Andrea Missori si racconta: «Legatissimo alle mie origini»

Il 47enne parla del suo percorso professionale e della transizione digitale

47 anni, maturità conseguita presso il liceo scientifico di Molfetta e Laurea in Ingegneria elettronica presso il Politecnico di Bari prima di spiccare il volo fuori città, anzi fuori regione, con un MBA presso la Business School dell'Università di Bologna. Queste sono state le prime tappe del lungo percorso che ha portato il molfettese Andrea Missori a diventare il nuovo responsabile ad interim dell'area Sud Est Mediterraneo di Ericsson e Amministratore delegato di Ericsson in Italia.

Per raggiungere i suoi sogni ha dovuto accettare l'idea di lasciare la sua terra: «Molfetta ha una lunga tradizione di emigrazione. Da buon molfettese - racconta - e grazie ad Ericsson ho avuto la fortuna di lavorare e collaborare con molti paesi in quattro continenti. Da bravo emigrante però sono legato alla mia terra a filo doppio e torno a guardare il mio mare appena possibile. Ho la fortuna di condividere la città di origine con mia moglie e questo aiuta molto quando si deve scegliere dove trascorrere le vacanze di Natale».

Poi un riferimento all'importante tema della transizione digitale: «La crisi pandemica ha messo in evidenza l'importanza della connettività. In questi ultimi due anni, proprio grazie alle reti, in molti hanno potuto continuare a studiare, lavorare e socializzare, anche a distanza. Tuttavia, se da un lato il processo di digitalizzazione ha subito un'accelerazione, dall'altro ha fatto emergere importanti divari non solo tra l'Italia e il resto dei Paesi europei, ma anche all'interno del nostro Paese. Perché la transizione digitale raggiunga tutte e tutti, con un impatto positivo e concreto, c'è bisogno di non perdere di vista i bisogni delle persone e delle aziende, e allo stesso tempo di procedure più snelle e di una collaborazione più aperta tra istituzioni, mondo imprenditoriale e università».

Infine, un cenno al nuovo percorso professionale che prenderà il via da inizio settembre: «Assumo questo incarico con grande orgoglio e senso di responsabilità. Gli studi al Politecnico di Bari mi hanno aperto le porte di Ericsson, realtà che in Italia ha 104 anni di storia e oggi conta oltre 2200 professionisti e 3 centri di ricerca e sviluppo - vede lavorare insieme persone che provengono da Paesi, culture ed esperienze assai diverse. Per me sarà prioritario dare risalto a questa ricchezza, uno dei più importanti valori che possiamo offrire ai nostri clienti ed un tratto distintivo di Ericsson in tutto il mondo» ha concluso Missori.
  • Intervista
Altri contenuti a tema
Ridare vita e colore alla storia di Molfetta con l'AI: l'idea di Stefano d'Ingeo Ridare vita e colore alla storia di Molfetta con l'AI: l'idea di Stefano d'Ingeo Il suo racconto: «Mi piace vedere il passato in modo più realistico»
L'officina "Alessandrino" chiude i battenti dopo 60 anni di attività L'officina "Alessandrino" chiude i battenti dopo 60 anni di attività L'annuncio di Pino Colasanto: epilogo di una storia fatta di passione e maestria
In Australia per crescere e imparare, la scelta di Giada: «Qui mi sento libera» In Australia per crescere e imparare, la scelta di Giada: «Qui mi sento libera» La storia della 28enne di Molfetta, dall'altra parte del mondo per unire lavoro e passione
Lorenzo Murolo, un molfettese sul tetto d'Africa Lorenzo Murolo, un molfettese sul tetto d'Africa Il racconto della sua esperienza iniziata il 10 novembre
Onofrio Mastandrea nella top 100 di Forbes: «Onorato di questo riconoscimento» Onofrio Mastandrea nella top 100 di Forbes: «Onorato di questo riconoscimento» La nostra intervista al manager di Molfetta, vicepresidente di Incyte Italia
A 12 anni ha ideato una rivista di cultura e attualità: il progetto di Alfredo Cagnetta A 12 anni ha ideato una rivista di cultura e attualità: il progetto di Alfredo Cagnetta Il papà spiega come nasce l'idea: «Ha interessi più maturi della sua età»
Vent'anni dall'attentato alle Torri Gemelle: il ricordo di un molfettese d'America Vent'anni dall'attentato alle Torri Gemelle: il ricordo di un molfettese d'America Pasquale De Ruvo era su un cantiere a poca distanza dal World Trade Center
Rinvenute diverse lapidi del secolo scorso sotto il pavimento di una casa di Molfetta Rinvenute diverse lapidi del secolo scorso sotto il pavimento di una casa di Molfetta La curiosa scoperta è avvenuta durante i lavori di ristrutturazione
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.