Lorenzo Murolo
Lorenzo Murolo

Lorenzo Murolo, un molfettese sul tetto d'Africa

Il racconto della sua esperienza iniziata il 10 novembre

Da Molfetta al Kilimangiaro: Lorenzo Murolo ha voluto raccontare la propria esperienza vissuta in Africa, più precisamente in Tanzania.

"Ho partecipato a una spedizione, in solitaria con guide locali, per la scalata al Monte Kilimangiaro, nonché il tetto d'Africa e quindi la vetta più alta di tutto il continente africano. Il monte Kilimangiaro, con i suoi 5895m, rientra nella categoria dei 6000 e si presenta nella classifica delle "7 summits" (ovvero le sette vette più alte per ogni continente) oltre ad essere la montagna SINGOLA più alta del mondo (che non appartiene a nessuna catena montuosa)".

"La mia esperienza è iniziata giorno 10\11\23 partendo per la Tanzania, dopo un breve incontro di conoscenza con il team che mi avrebbe poi accompagnato su, partiamo per il Kilimangiaro. Il trekking ha avuto una durata di 6 giorni percorrendo la via MACHAME, la via più selvaggia e una delle due vie più impegnative per la salita in vetta, attraversando foreste pluviali, praterie alpine, paesaggio lunare, incontrando varie difficoltà come pioggia, vento, dormendo in tenda nei vari campi base e nell'ultimo tratto, fatto in notturna, per il raggiungimento della vetta, abbiamo trovato neve e ghiaccio con temperature a -15 gradi".

"Un trekking non semplice, condividendo tutto ciò che fosse utile per sopravvivere con gente del posto, nonostante la "diversità" dei popoli in termini di stile di vita, risorse a disposizione, attrezzature varie e soprattutto modo di vivere e affrontare le giornate più tristi con un sorriso stampato in viso. Un trekking costruttivo, sia a livello sportivo che a livello umano. Il mio messaggio va soprattutto ai giovani ragazzi e alle nuove generazioni, che dovrebbero anche concentrarsi su loro stessi, su questo genere di sfide, investire tempo e denaro in qualcosa di gratificante, non solo un paio di scarpe alla moda, ma anche qualcosa che potesse essere utile come lezione di vita, per se stessi e anche per affrontare quelle che sono le fasi della vita, nei rapporti con la gente, che sia per studio o per lavoro o nella quotidianità. Cercando i propri punti deboli e combattendoli".

"Con questa esperienza ho superato il mio limite a livello sportivo, data l'importanza e le difficoltà incontrate durante il percorso, lavorando sul mio autocontrollo e nella capacità di risoluzione dei problemi, avendo pochissime risorse a disposizione, apprezzando e condividendo momenti indimenticabili con quelle persone che noi reputiamo "DIVERSE", ma che mi hanno fatto sentire vivo e a casa, in un luogo in cui nulla potesse essere considerata tale.

"Il mio scopo con questo racconto è solo quello di far risaltare la bellezza di mettersi alla prova e avere coraggio per spingersi oltre i propri limiti (sempre responsabilmente) senza rimanere chiusi in quella mentalità che, purtroppo, ancora oggi regna nel nostro Paese".
  • Intervista
Altri contenuti a tema
Ridare vita e colore alla storia di Molfetta con l'AI: l'idea di Stefano d'Ingeo Ridare vita e colore alla storia di Molfetta con l'AI: l'idea di Stefano d'Ingeo Il suo racconto: «Mi piace vedere il passato in modo più realistico»
L'officina "Alessandrino" chiude i battenti dopo 60 anni di attività L'officina "Alessandrino" chiude i battenti dopo 60 anni di attività L'annuncio di Pino Colasanto: epilogo di una storia fatta di passione e maestria
In Australia per crescere e imparare, la scelta di Giada: «Qui mi sento libera» In Australia per crescere e imparare, la scelta di Giada: «Qui mi sento libera» La storia della 28enne di Molfetta, dall'altra parte del mondo per unire lavoro e passione
Onofrio Mastandrea nella top 100 di Forbes: «Onorato di questo riconoscimento» Onofrio Mastandrea nella top 100 di Forbes: «Onorato di questo riconoscimento» La nostra intervista al manager di Molfetta, vicepresidente di Incyte Italia
A 12 anni ha ideato una rivista di cultura e attualità: il progetto di Alfredo Cagnetta A 12 anni ha ideato una rivista di cultura e attualità: il progetto di Alfredo Cagnetta Il papà spiega come nasce l'idea: «Ha interessi più maturi della sua età»
Da Molfetta a nuovo AD di Ericsson, Andrea Missori si racconta: «Legatissimo alle mie origini» Da Molfetta a nuovo AD di Ericsson, Andrea Missori si racconta: «Legatissimo alle mie origini» Il 47enne parla del suo percorso professionale e della transizione digitale
Vent'anni dall'attentato alle Torri Gemelle: il ricordo di un molfettese d'America Vent'anni dall'attentato alle Torri Gemelle: il ricordo di un molfettese d'America Pasquale De Ruvo era su un cantiere a poca distanza dal World Trade Center
Rinvenute diverse lapidi del secolo scorso sotto il pavimento di una casa di Molfetta Rinvenute diverse lapidi del secolo scorso sotto il pavimento di una casa di Molfetta La curiosa scoperta è avvenuta durante i lavori di ristrutturazione
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.