La tartaruga rinvenuta a cala San Giacomo
La tartaruga rinvenuta a cala San Giacomo
Cronaca

Carcassa di tartaruga spiaggiata a cala San Giacomo

L'esemplare, in avanzato stato di decomposizione, è stato recuperato dai volontari del WWF

Una tartaruga marina spiaggiata, senza vita, sulle spiagge di Molfetta, ​l'ennesimo segnale di una strage che ha portato la specie ad essere in via di estinzione. La carcassa è stata ritrovata a 500 metri a nord di cala San Giacomo. Una macabra scoperta da parte di un cittadino che nulla ha potuto fare per il gigante marino.

L'esemplare, della specie caretta caretta ed in avanzato stato di decomposizione, è stato preso in carico dai volontari del centro di recupero tartarughe marine di Molfetta, un vero e proprio ospedale che si adopera per soccorrere gli esemplari dalle pesche a strascico, dai motori delle barche e dall'inquinamento ambientale, giunti sul posto assieme ai militari della Capitaneria di Porto di Molfetta, agli agenti della Polizia Locale ed al veterinario dell'Azienda Sanitaria Locale di Bari.

La tartaruga marina, con una lunghezza del carapace pari a 65 centimetri, stremata, morta al largo e tristemente trasportata dalle correnti marine, è giunta sino a riva. E anche per lei non c'è stato più nulla da fare. «Probabilmente - spiega Pasquale Salvemini, responsabile del centro - l'animale è rimasto aggrovigliato nelle reti da posta, morendo quasi sicuramente per annegamento». Le tartarughe marine, una specie a rischio, sono vittime di catture casuali da parte dei pescatori.

Si stima che ogni anno 150.000 tartarughe finiscano catturate negli attrezzi da pesca nel Mediterraneo e che di queste 40.000 muoiano. Intanto sull'ennesima testuggine priva di vita rinvenuta a Molfetta sono stati effettuati prelievi e due biopsie per studi genetici che saranno effettuati all'Università degli Studi di Pisa.
  • Tartarughe Molfetta
Altri contenuti a tema
Un'altra tartaruga morta a Molfetta, trovata al lungomare Colonna Un'altra tartaruga morta a Molfetta, trovata al lungomare Colonna Continuano i ritrovamenti lungo la costa. Nelle ultime 48 ore sono stati rinvenute circa 40 carcasse
Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Recuperate dai Carabinieri, sono state prese in carico dai volontari del centro di Molfetta. Salvemini: «Un problema dilagante»
Due tartarughe morte spiaggiate a Molfetta Due tartarughe morte spiaggiate a Molfetta Si tratta di altrettanti esemplari della specie caretta caretta. È intervenuta la Guardia Costiera
AdrioNet, recuperate vive 483 tartarughe marine AdrioNet, recuperate vive 483 tartarughe marine All'interno della Rete Adriatico-Ionica anche il centro di recupero tartarughe marine di Molfetta
Tartaruga caretta caretta morta trovata a Torre Calderina Tartaruga caretta caretta morta trovata a Torre Calderina L'esemplare, in avanzato stato di decomposizione, era lungo ben 70 centimetri
1000 tartarughe liberate in 2 anni, numeri da record per il WWF 1000 tartarughe liberate in 2 anni, numeri da record per il WWF 10 di esse sono monitorate grazie alla tecnologia satellitare a beneficio di studi universitari nel mare Adriatico
5 tartarughe tornano in libertà, la tecnologia salva le caretta caretta 5 tartarughe tornano in libertà, la tecnologia salva le caretta caretta Gli esemplari, dopo la degenza nel centro di Molfetta, hanno ripreso il mare con un tracking satellitare
Amo e lenza killer. Tartaruga marina morta nel porto di Molfetta Amo e lenza killer. Tartaruga marina morta nel porto di Molfetta Visibilmente debilitata, la caretta caretta aveva ancora una lunga lenza in gola e un amo all'interno
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.