Le immagini di piazza Vittorio Emanuele
Le immagini di piazza Vittorio Emanuele
Cronaca

«Butta le bombe». Le frasi degli indagati nel VIDEO di Capodanno

Le voci dalla piazza: «Abbiamo provato, ma non prendeva fuoco». Ed ancora: «Ora era buono a tirare un'altra bomba»

Le parole non lasciano dubbi. E su quelle frasi proferite dagli indagati gli inquirenti hanno fatto breccia nell'indagine che ha condotto in carcere il 21enne Daniele De Pinto, i 22enni Felice Allegretta e Massimiliano Squeo e il 26enne Antonio Gigante per i fatti di Capodanno. Ai domiciliari, invece, il 23enne Stefano Cormio.

Secondo il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani, Ivan Barlafante, che ha firmato l'ordinanza cautelare, «si può ritenere che non si sia trattato di un casuale e estemporaneo comportamento dettato» dai festeggiamenti per la fine dell'anno, «ma di un pianificato e articolato atto dinamitardo preordinato con una preliminare riunione tra gli accoliti che, con la predisposizione di mezzi e strumenti, si determinavano nell'inscenare una vera e propria scorribanda urbana».

Ciò, infatti, è emerso dai video nei quali si vede «la preliminare riunione dei giovani in una traversa limitrofa alla piazza (via Madonna degli Angeli), attorno all'auto con a bordo Gigante, che, dopo aver aperto il portabagagli, distribuiva ai presenti (due minori e Cormio) petardi, bombe carta e altri pericolosi pirotecnici: questo è il momento - secondo il giudice - in cui il gruppo di giovani si sta approvvigionando del materiale esplosivo che poi utilizzerà allo scoccare della mezzanotte».Ed è in questo preciso istante che i vari «indagati mettono a ferro e fuoco il centro di Molfetta»: piazza Vittorio Emanuele viene raggiunta dalla Fiat 500X, con a bordo Gigante. «Da questo momento in poi un'escalation di esplosioni incontrollate, petardi, ordigni artigianali, lanciati senza alcun ritegno e senza sicurezza per le persone. Esplosioni talmente incontrollate, da investire in parte anche gli stessi autori del gesto inconsulto». Sino all'episodio clou, quello della Renault Clio.

L'auto, di proprietà di una donna, madre di un figlio autistico, finisce nel mirino degli indagati, i quali, «aprono il veicolo, dopodiché inizia un lancio indiscriminato di petardi, all'interno, nei pressi e sotto il veicolo, con l'intento di vederlo esplodere («Butta le bombe nella macchina») o incendiare», fine desunto dagli audio dei filmati: all'arrivo dei Vigili del Fuoco, un avventore dice «Abbiamo provato, ma non prendeva fuoco», e un altro risponde: «Ora era buono a tirare un'altra bomba».

Le esplosioni provocate dai numerosi ordigni lanciati, «non di certo possono essere addebitate a grammature esigue di polvere pirica». Non contenti, infine, tutti, forse perché l'auto non è esplosa, «sempre sotto la direzione di Gigante decidono di capottare l'auto, continuando ancora a buttare altri artifizi al suo interno».
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Arresti Carabinieri
  • Daniele De Pinto
  • Felice Allegretta
  • Massimiliano Squeo
  • Antonio Gigante
  • Stefano Cormio
Altri contenuti a tema
Rubano un'auto e la trainano: intercettata dai Carabinieri, finisce sul guard rail Rubano un'auto e la trainano: intercettata dai Carabinieri, finisce sul guard rail Nottata movimentata sul cavalcavia di Cola Olidda, dove si è conclusa la folle corsa di una Volkswagen Golf rubata a Molfetta
Maltrattamenti in casa, braccialetto elettronico al marito violento Maltrattamenti in casa, braccialetto elettronico al marito violento Il provvedimento d'urgenza del Tribunale di Bari applicato dopo la denuncia della donna. Applicata la misura cautelare
Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere L'uomo, residente a Molfetta e accusato del reato di maltrattamenti in famiglia, è stato arrestato dai Carabinieri
Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari La donna, arrestata lo scorso 6 marzo, su istanza del proprio legale, ha ottenuto l'alleggerimento della misura cautelare
Perquisizione in casa, spunta la cocaina. Arrestate due donne di Molfetta Perquisizione in casa, spunta la cocaina. Arrestate due donne di Molfetta In manette una 48enne e una 41enne, entrambe già note: sequestrati dai Carabinieri anche 2 grammi di hashish e 745 euro
Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Nel mirino Giuseppe Manganelli: l'attività avviata dopo alcuni controlli stradali. L'avvocato Poli: «A breve le nostre precisazioni»
Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni Operazione dei Carabinieri: tra i beni confiscati 15 fabbricati, tra i quali la villa, con vista mare, dove vive il 55enne
Controlli in città dopo l'omicidio De Gennaro: sette arresti, sequestrata droga Controlli in città dopo l'omicidio De Gennaro: sette arresti, sequestrata droga Sei le persone arrestate per detenzione di cocaina, hashish e marijuana, un settimo per evasione dai domiciliari
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.