Le immagini di piazza Vittorio Emanuele
Le immagini di piazza Vittorio Emanuele
Cronaca

«Butta le bombe». Le frasi degli indagati nel VIDEO di Capodanno

Le voci dalla piazza: «Abbiamo provato, ma non prendeva fuoco». Ed ancora: «Ora era buono a tirare un'altra bomba»

Le parole non lasciano dubbi. E su quelle frasi proferite dagli indagati gli inquirenti hanno fatto breccia nell'indagine che ha condotto in carcere il 21enne Daniele De Pinto, i 22enni Felice Allegretta e Massimiliano Squeo e il 26enne Antonio Gigante per i fatti di Capodanno. Ai domiciliari, invece, il 23enne Stefano Cormio.

Secondo il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani, Ivan Barlafante, che ha firmato l'ordinanza cautelare, «si può ritenere che non si sia trattato di un casuale e estemporaneo comportamento dettato» dai festeggiamenti per la fine dell'anno, «ma di un pianificato e articolato atto dinamitardo preordinato con una preliminare riunione tra gli accoliti che, con la predisposizione di mezzi e strumenti, si determinavano nell'inscenare una vera e propria scorribanda urbana».

Ciò, infatti, è emerso dai video nei quali si vede «la preliminare riunione dei giovani in una traversa limitrofa alla piazza (via Madonna degli Angeli), attorno all'auto con a bordo Gigante, che, dopo aver aperto il portabagagli, distribuiva ai presenti (due minori e Cormio) petardi, bombe carta e altri pericolosi pirotecnici: questo è il momento - secondo il giudice - in cui il gruppo di giovani si sta approvvigionando del materiale esplosivo che poi utilizzerà allo scoccare della mezzanotte».Ed è in questo preciso istante che i vari «indagati mettono a ferro e fuoco il centro di Molfetta»: piazza Vittorio Emanuele viene raggiunta dalla Fiat 500X, con a bordo Gigante. «Da questo momento in poi un'escalation di esplosioni incontrollate, petardi, ordigni artigianali, lanciati senza alcun ritegno e senza sicurezza per le persone. Esplosioni talmente incontrollate, da investire in parte anche gli stessi autori del gesto inconsulto». Sino all'episodio clou, quello della Renault Clio.

L'auto, di proprietà di una donna, madre di un figlio autistico, finisce nel mirino degli indagati, i quali, «aprono il veicolo, dopodiché inizia un lancio indiscriminato di petardi, all'interno, nei pressi e sotto il veicolo, con l'intento di vederlo esplodere («Butta le bombe nella macchina») o incendiare», fine desunto dagli audio dei filmati: all'arrivo dei Vigili del Fuoco, un avventore dice «Abbiamo provato, ma non prendeva fuoco», e un altro risponde: «Ora era buono a tirare un'altra bomba».

Le esplosioni provocate dai numerosi ordigni lanciati, «non di certo possono essere addebitate a grammature esigue di polvere pirica». Non contenti, infine, tutti, forse perché l'auto non è esplosa, «sempre sotto la direzione di Gigante decidono di capottare l'auto, continuando ancora a buttare altri artifizi al suo interno».
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Arresti Carabinieri
  • Daniele De Pinto
  • Felice Allegretta
  • Massimiliano Squeo
  • Antonio Gigante
  • Stefano Cormio
Altri contenuti a tema
Guerriglia urbana a Capodanno, il Riesame smussa le ordinanze cautelari Guerriglia urbana a Capodanno, il Riesame smussa le ordinanze cautelari Raffica di provvedimenti decisi dal Tribunale sulle richieste di scarcerazione degli avvocati. In tre passano dal carcere ai domiciliari
Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Secondo il magistrato «il grave rischio di una facile recidiva può cogliersi nelle modalità concrete con cui i giovani hanno agito»
Guerriglia di Capodanno: tre minorenni affidati a comunità rieducative Guerriglia di Capodanno: tre minorenni affidati a comunità rieducative Un 14enne, un 16enne e un 17enne sono stati destinati alle strutture su disposizione del Tribunale per i Minorenni di Bari
Guerriglia di Capodanno: l'obiettivo «era quello di appropriarsi della piazza» Guerriglia di Capodanno: l'obiettivo «era quello di appropriarsi della piazza» Per il gip Barlafante la volontà era quella di «attentare alla sicurezza pubblica», ma soprattutto «di incutere timore»
Furti in appartamento e ricettazione: 8 arresti. Due colpi a Molfetta Furti in appartamento e ricettazione: 8 arresti. Due colpi a Molfetta I raid, solo tentati, risalgono al 2021. Al vertice dell’organizzazione c'era, per l’accusa, Giovanni Cassano, fratellastro di Antonio
5 Capodanno violento a Molfetta, ma le vittime non hanno denunciato per paura Capodanno violento a Molfetta, ma le vittime non hanno denunciato per paura Lo sottolinea il giudice Barlafante nell'ordinanza: nessuna querela, «verosimilmente per il timore di possibili ritorsioni»
Arresti a Molfetta, ieri gli interrogatori. C'è chi ha risposto alle domande Arresti a Molfetta, ieri gli interrogatori. C'è chi ha risposto alle domande Si sono svolti ieri tra il carcere di Trani e Molfetta: gli avvocati proveranno a mettere in discussione la qualità delle immagini
13 «Identificati grazie a telecamere e social». Le parole del capitano Landolfi «Identificati grazie a telecamere e social». Le parole del capitano Landolfi I cinque indagati sono stati ripresi dai video, da loro stesso postati e divenuti virali. Oggi si terranno gli interrogatori di garanzia
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.