Porto di Molfetta - Veduta aerea
Porto di Molfetta - Veduta aerea

A Molfetta un mare di bombe: dal 2009 al 2019 oltre 500 ordigni bonificati

Scatta oggi la nuova operazione che si concluderà il prossimo febbraio

Scatta oggi, come ormai noto, l'operazione di bonifica (l'ennesima,ndr) degli ordigni risalenti alla Seconda Guerra Mondiale e depositati sui fondali di Molfetta, a ridosso del Rione Madonna dei Martiri e in prossimità del cantiere del nuovo porto.

Da oggi e fino a fine febbraio 2019, secondo un calendario già predisposto, saranno complessivamente ottantaquattro gli ordigni a caricamento speciale prelevati, trasportati e poi fatti brillare in una cava a Corato dal nucleo Sdai della Marina Militare e dai militari del XI Reggimento Genio Guastatori di Foggia.

Nello specifico sui fondali del nuovo porto si trovano 49 bombe d'aereo inglesi da trenta libre, un ordigno caricato con fosforo bianco e un altro probabilmente caricato al fosforo bianco nonchè 32 piat (proietti anticarro) e una bomba d'aereo da 30 libre statunitense.
A tanto si è arrivato a seguito del lavoro meticoloso degli esperti dello SDAI i quali hanno concluso il 19 aprile 2018 la bonifica della zona, propedeutica a quanto inizierà oggi e con l'obiettivo di far riprendere l'attività al cantiere del nuovo porto in piena sicurezza.
Ma, sempre a detto dello SDAI, dal 2009 al 2014 sono stati eliminati 435 ordigni a caricamento speciale: in tutto, entro la primavera 2019, saranno complessivamente oltre 500 quelli fatti brillare e non è possibile affermare l'assenza o l'ulteriore presenza di bombe.

"Il nostro mare torna a respirare", riferiscono dal Comune con la piena soddisfazione di Tommaso Minervini che, ieri nel corso di una conferenza stampa, ha anche spiegato di voler far sì che la storia legata a queste bombe non vada dispersa ma rimanga soprattutto nelle giovani generazioni, ignare di quanto accaduto a Molfetta autentica discarica di ordigni per gli Alleati.
  • porto
Altri contenuti a tema
Partito il collaudo strutturale del ponte del nuovo porto a Molfetta Partito il collaudo strutturale del ponte del nuovo porto a Molfetta Lavori iniziati in mattinata
Da domani la bonifica delle bombe nelle acque di Molfetta Da domani la bonifica delle bombe nelle acque di Molfetta Il piano presentato questa mattina in Comune
Pescherecci di nuovo in mare. Torna il pesce fresco sulle tavole a Molfetta e in Puglia Pescherecci di nuovo in mare. Torna il pesce fresco sulle tavole a Molfetta e in Puglia Restano, tuttavia, i dubbi sul format del fermo biologico
1 Recuperato il peschereccio affondato nel porto di Molfetta Recuperato il peschereccio affondato nel porto di Molfetta Alle operazioni, protrattesi per l'intera giornata, hanno partecipato anche i Vigili del Fuoco, intervenuti con i sommozzatori di Bari e Taranto
Peschereccio si inabissa nelle acque del porto di Molfetta Peschereccio si inabissa nelle acque del porto di Molfetta L'episodio alle prime luci del mattino. Sul posto Guardia Costiera e Vigili del Fuoco
Porto di Molfetta, Maralfa: «Trasparenza e chiarezza dall'amministrazione» Porto di Molfetta, Maralfa: «Trasparenza e chiarezza dall'amministrazione» L'ex vice sindaco lancia l'allarme: reali possibilità di default per le casse del Comune?
1 Un anno di Amministrazione Minervini. Il bilancio in una video intervista Un anno di Amministrazione Minervini. Il bilancio in una video intervista Porto e ospedale, emergenza cimitero e rifiuti, ma anche posizioni di maggioranza e opposizione dopo un anno di lavoro
Bonifica nel porto non pagata? Decreto ingiuntivo al Comune di Molfetta Bonifica nel porto non pagata? Decreto ingiuntivo al Comune di Molfetta I fatti risalgono al 2012. Ricorso di una ditta di La Spezia ma l'Ente farà opposizione
© 2001-2018 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.