I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Bomba in un cantiere a Molfetta, indagini a tappeto

Colpito un edificio in costruzione fra via Pertini e strada vicolo Favale. Silenzio granitico in città

Un ordigno è stato fatto esplodere il 23 luglio scorso, anche se la notizia è trapelata soltanto nelle ultime ore, a Molfetta, all'interno di un cantiere edile fra via Pertini e strada vicolo Favale, a Ponente. Un chiaro atto intimidatorio: la deflagrazione ha provocato vari danni strutturali, come il danneggiamento di un muro.

Silenzio granitico da parte dei Carabinieri della locale Compagnia che dovranno fare luce sull'episodio. Al momento non si esclude nessuna ipotesi: dalla bravata all'avvertimento nei confronti del proprietario del cantiere (all'interno sorgeranno appartamenti di nuova costruzione, nda) che, però, ha affermato di non aver mai avuto intimidazioni. L'ipotesi più accreditata da parte degli inquirenti, che non escludono alcuna pista, è quella che dietro possa nascondersi l'ombra del racket.

Non è la prima volta che a Molfetta si registrano episodi di questo tipo: nel 2018 un imprenditore edile s'è visto prima i vetri dell'auto completamente distrutti, poi, alcuni giorni dopo, crivellato il suo fuoristrada da altri colpi di pistola. Alla minaccia armata era seguita una richiesta estorsiva. In ultimo, sempre nel 2018, ci fu un altro tentativo di estorsione. Al rifiuto dell'imprenditore seguì l'esplosione, sulla soglia della sede della società di costruzioni, di un potente ordigno rudimentale.

Il tema, contrastato efficacemente dai militari, che per quegli episodi, attraverso un'indagine accurata sia telematica che attraverso i filmati di videosorveglianza, hanno arrestato i presunti responsabili, è di estrema attualità, tanto che Renato De Scisciolo s'è detto preoccupato: «In quest'ultimo periodo la criminalità si sta riorganizzando, in particolare nelle province di Bari e di Barletta, Andria e Trani, ma sono ancora molti gli imprenditori che non hanno il coraggio di denunciare».

L'imperativo, però, in un periodo di crisi generato anche dalla pandemia, è di tenere sotto stretta osservazione le imprese, soprattutto le medio-piccole, che stanno morendo asfissiate da mancanza di liquidità e di stasi del mercato. «Abbiamo constatato ​come le organizzazioni criminali - dice il vice presidente nazionale della Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura Italiane - tendono ad approfittare della crisi di liquidità innescata dal Covid-19 e dall'emergenza in corso».

E questo rischio non va sottovalutato: un abbraccio agli imprenditori in difficoltà può all'inizio risultare conveniente, ma poi diventa mortale. Di qui l'appello di De Scisciolo a «denunciare gli estortori, lo Stato non vi abbandonerà: chi denuncia sarà tutelato». In caserma, intanto, bocche cucite perché l'indagine è in corso.
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Rubano un'auto, ma finiscono fuori strada: ladri in fuga a Molfetta Rubano un'auto, ma finiscono fuori strada: ladri in fuga a Molfetta È successo sulla provinciale per Terlizzi. Prima di fuggire, i banditi hanno dato fuoco ad un'auto
Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» I due omonimi Vito Magarelli sono in carcere. Oggi compariranno davanti al gip Altamura per l’interrogatorio di garanzia
Arresti per i fatti di piazza Paradiso, il plauso del sindaco Minervini Arresti per i fatti di piazza Paradiso, il plauso del sindaco Minervini «Brillante operazione». Quell'episodio destò «particolare allarme per la sicurezza cittadina»
Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Ricostruito dai Carabinieri il tentato omicidio di Leonardo Squeo: in manette due cugini omonimi, di 48 e 34 anni
«A Molfetta comandava Manganelli». La difesa: «È pura fantasia» «A Molfetta comandava Manganelli». La difesa: «È pura fantasia» Secondo due pentiti «bisognava chiedergli il permesso prima di avviare un cantiere». Poli: «Fiduciosi di chiarire»
Minervini: «A Molfetta due pattuglie in più dei Carabinieri» Minervini: «A Molfetta due pattuglie in più dei Carabinieri» Per il sindaco si tratta di «una risposta importante da parte delle istituzioni e delle forze dell’ordine»
Maxi-sequestro da 50 milioni a Molfetta: le indagini iniziate nel 2016 Maxi-sequestro da 50 milioni a Molfetta: le indagini iniziate nel 2016 Nel mirino Giuseppe Manganelli: l'attività avviata dai Carabinieri dopo una serie di controlli stradali
Fabbricati, aziende, auto: sequestro da 50 milioni all'imprenditore Manganelli Fabbricati, aziende, auto: sequestro da 50 milioni all'imprenditore Manganelli Al 52enne i Carabinieri hanno messo sotto chiave 16 fabbricati, 4 terreni, 5 società, 6 veicoli e 11 conti correnti
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.