I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Banchina San Domenico, aggressione con coltello: ferito un 19enne

I Carabinieri indagano su quanto accaduto ieri sera: il ragazzo è finito al pronto soccorso del don Tonino Bello

Aggredito in pieno centro da uno sconosciuto che l'ha ferito con un fendente ad un gluteo: la vittima è un 19enne di Molfetta. Indagini sono in corso da parte dei Carabinieri della locale Compagnia che hanno raccolto la testimonianza del ragazzo, medicato al pronto soccorso dell'ospedale don Tonino Bello.

L'episodio è avvenuto nella serata di ieri lungo la banchina San Domenico, dove il 19enne ha rimediato una ferita da arma da taglio ad un gluteo. Ad intervenire sul posto prima e ad avviare le indagini solo successivamente sono stati i Carabinieri. Malconcio e ancora sotto shock lo hanno, infatti, trovato i militari dell'Aliquota Radiomobile, allertati dalla centrale operativa del 112 a cui, alle ore 22.40, è giunta la richiesta di soccorso.

Il giovane, intanto, è finito al pronto soccorso dell'ospedale don Tonino Bello, dove i medici, dopo averlo sottoposto a tutti i controlli sanitari ritenuti necessari, gli hanno suturato la ferita che, a quanto pare, non sarebbe stata - e per sua fortuna - profonda. Il 19enne è stato già sentito, in primissima battuta, dagli investigatori a cui avrebbe riferito - appunto in primissima battuta - di non conoscere affatto il suo aggressore e di non sapere pertanto i motivi del gesto.

Le indagini dei militari, diretti dal capitano Francesco Iodice, si prefissano di chiarire la dinamica. L'obiettivo, naturalmente, è uno soltanto: raccogliere quante più indiscrezioni possibili per riuscire ad avere anche un identikit sommario dell'aggressore e cercare di fare chiarezza sui motivi del gesto.
  • Carabinieri Molfetta
  • Aggressioni Molfetta
Altri contenuti a tema
5 Coronavirus e controlli: chiuso un bar di Molfetta per 5 giorni Coronavirus e controlli: chiuso un bar di Molfetta per 5 giorni I Carabinieri hanno sorpreso la titolare di un esercizio a ridosso del centro a fornire caffè d'asporto
Coronavirus: con il nuovo decreto, sanzioni depenalizzate Coronavirus: con il nuovo decreto, sanzioni depenalizzate Il nuovo dl ha valore retroattivo: non c'è più la sanzione penale, ma solo amministrativa
Viola il decreto sul Coronavirus per spacciare: arrestata una 28enne Viola il decreto sul Coronavirus per spacciare: arrestata una 28enne Sequestrati dai Carabinieri 76 grammi di marijuana e 1.805 euro in contanti. Condotto in carcere un 55enne
Coronavirus, la Procura chiede i decreti di condanna. Volpe: «Priorità assoluta» Coronavirus, la Procura chiede i decreti di condanna. Volpe: «Priorità assoluta» Il procuratore di Bari: «Le denunce sono tante. Chiederemo una condanna ad una pena pecuniaria»
Coronavirus, controlli senza sosta. In campo anche l'Esercito e i Vigili del Fuoco Coronavirus, controlli senza sosta. In campo anche l'Esercito e i Vigili del Fuoco I dati della Prefettura di Bari: denunciate 1.901 persone sulle 31.441 controllate. Sono, invece, 17 le denunce per false attestazioni
Nuova raffica di controlli. Ma ci sono ancora troppe persone per strada Nuova raffica di controlli. Ma ci sono ancora troppe persone per strada I Carabinieri al lavoro senza sosta: malgrado il continuo richiamo al rispetto delle prescrizioni sono numerosissime le persone denunciate
5 Coronavirus, a spasso per Molfetta senza validi motivi: denunciate 60 persone Coronavirus, a spasso per Molfetta senza validi motivi: denunciate 60 persone Centinaia di controlli da parte dei Carabinieri. Ci si può spostare solo per lavoro, salute e comprovate necessità
Macabra scoperta a Molfetta: testa di bovino mozzata nella zona Asi Macabra scoperta a Molfetta: testa di bovino mozzata nella zona Asi Non si esclude alcuna pista. L'episodio è stato segnalato ai Carabinieri che indagano per spiegare il macabro gesto
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.