Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Arresti nell'Arma, il processo inizia con un rinvio

Slitta al 18 maggio l'udienza preliminare per consentire alle difese di avanzare richieste di riti alternativi

È stata rinviata al prossimo 18 maggio l'udienza preliminare a carico di Antonio Salerno, Domenico Laforgia (di Molfetta), Gerardo Giotti e Mario Del Vecchio. I quattro (i primi tre ai domiciliari, il quarto in carcere) sono stati arrestati il 18 giugno 2020 nell'ambito di un'inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia.

Il 30 aprile scorso il giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Bari, Antonella Cafagna, avrebbe dovuto decidere in merito al rinvio a giudizio degli indagati, accusati, a vario titolo, di concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione in atti giudiziari e rivelazione del segreto d'ufficio, ma per consentire alle difese di avanzare eventuali richieste di riti alternativi, subordinate all'acquisizione di atti d'indagine difensivi, prima dell'inizio del dibattimento, l'udienza è stata rinviata.

Stando a quanto emerso dalle indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo, sotto il coordinamento del sostituto procuratore Federico Perrone Capano, i due militari avrebbero agevolato esponenti del clan Di Cosola, rivelando informazioni relative ad operazioni di polizia giudiziaria, raccontando i dettagli delle indagini in corso, indicando i turni di servizio dei colleghi della Stazione e gli orari in cui sarebbero avvenuti i controlli nei confronti degli affiliati sottoposti ai domiciliari.

In tre occasioni, infine, secondo le indagini i due militari, il primo difeso dagli avvocati Angelo Dibello e Mario Malcangi, il secondo da Massimo Roberto Chiusolo e Tiziano Tedeschi, avrebbero consegnato documenti informatici e cartacei contenenti registrazioni e verbali di dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia.
  • Carabinieri Molfetta
  • Tiziano Tedeschi
  • Domenico Laforgia
  • Massimo Roberto Chiusolo
Altri contenuti a tema
2 Ladro tenta la fuga in mare, ma a riva lo aspettano i Carabinieri Ladro tenta la fuga in mare, ma a riva lo aspettano i Carabinieri Dopo il colpo alla Caritas un 49enne si è gettato in acqua. Arrestato, è stato subito rimesso in libertà
Carabinieri, il luogotenente Dante ad Andria. È stato per 13 anni a Molfetta Carabinieri, il luogotenente Dante ad Andria. È stato per 13 anni a Molfetta Di origini napoletane, dal 1995 al 2005 ha ricoperto l'incarico di comandante del Nucleo Comando
Si allontanano da una comunità: scomparse due minori di Molfetta Si allontanano da una comunità: scomparse due minori di Molfetta Le sorelle Melania e Simona Sigrisi dal 9 aprile non hanno fatto più ritorno nella struttura Legàmi e Talenti
Pirati-rapinatori a Molfetta. Assalto ad un motopeschereccio Pirati-rapinatori a Molfetta. Assalto ad un motopeschereccio L'episodio nel porto: rubate le attrezzature di bordo. Sul caso stanno indagando i Carabinieri
Ai domiciliari, aveva 19 dosi di hashish in casa. Ed è di nuovo in arresto Ai domiciliari, aveva 19 dosi di hashish in casa. Ed è di nuovo in arresto Nei guai un 23enne di Molfetta. Controllo mirato dei Carabinieri e la scoperta su un mobile della cucina
Carabinieri: Antonino lascia Molfetta, nuovo comandante a Fasano Carabinieri: Antonino lascia Molfetta, nuovo comandante a Fasano Il neo sottotenente saluta la Stazione dove era arrivato nel 2013: adesso dirige la Sezione Operativa
Arresti nell'Arma, l'appuntato Laforgia lascia il carcere: va ai domiciliari Arresti nell'Arma, l'appuntato Laforgia lascia il carcere: va ai domiciliari Era in cella, con Salerno, dal 18 giugno scorso. Il gip Galesi ha accolto le richieste di attenuazione delle misure cautelari
Armato di coltello, rapina un supermercato: individuato in 24 ore Armato di coltello, rapina un supermercato: individuato in 24 ore Fermato un 32enne: i Carabinieri sono piombati a casa dove hanno trovato gli indumenti indossati durante il colpo
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.