Un'aula di Tribunale
Un'aula di Tribunale
Cronaca

Falso e lottizzazione abusiva sul nuovo porto di Molfetta. Archiviazione per Azzollini e la "sua" Giunta

Lo ha disposto il Tribunale di Trani a seguito della riserva nell'udienza del 20 marzo scorso

Il Giudice Angela Schiralli ha accolto la richiesta di archiviazione formulata dal pubblico ministero nel procedimento pendente davanti al Tribunale di Trani nel quale erano indagate 48 persone tra cui Antonio Azzollini e Carmela Minuto, Anna Maria Brattoli, Domenico Corrieri, Doriana Carabellese, Pierangelo Iurillo, Giulio La Grasta, Mauro Giuseppe Magarelli, Pantaleo Petruzzella, Vincenzo Spadavecchia e Pietro Uva "tutti componenti della Giunta che in data 12.02.2008 approvarono la delibera n.68 del progetto esecutivo del porto di Molfetta e per questo chiamati a rispondere di lottizzazione abusiva", reato ipotizzato dall'accusa assieme a quello di falso.

Tuttavia, per meglio comprendere la vicenda bisogna partire dal suo inizio.
Tra il 2011 e il 2014 alla Procura della Repubblica di Trani arrivarono diverse denunce tra cui quella del "Liberatorio Politico", della Cooperativa Pescatori di Molfetta e del legale rappresentante della G.R.I.I.F.F. contro l'Ati aggiudicataria dell'appalto dei lavori per la costruzione del nuovo porto. A essere lamentato era l'inquinamento ambientale presente nel porto vista la nota presenza di ordigni bellici.

Scattarono le indagini, portate avanti sia dalla Capitaneria di porto sia dagli esperti del Ministero delle Politiche agricole e forestali, a conclusione delle quali fu già chiesta la prima archiviazione a cui seguì l'opposizione delle parti offese, tuttavia non accolta dal Tribunale che nei giorni scorsi ha spiegato i motivi.

Leggendo il provvedimento, infatti, innanzitutto si apprende che questo è parallelo a un altro per il quale è stato già disposto il rinvio a giudizio come nel caso di Antonio Azzollini, che ha rinunciato alla prescrizione.
Accusato di lottizzazione abusiva, l'ex senatore e sindaco di Molfetta "era naturalmente consapevole, come emerso dalle indagini, che i lavori di costruzione del porto non potevano proseguire senza una preventiva bonifica dei fondali dagli ordigni bellici" poichè era stato lui a seguire "in prima persona" tutte la fasi della ideazione, progettazione ed esecuzione.
Intervenuta la prescrizione, invece, per l'ingegner Vincenzo Balducci e il geometra Giuseppe de Pinto.
Anche in questo caso chiarissima la posizione del Tribunale di Trani: anch'essi hanno seguito tutte la fasi essendo dipendenti del settore lavori pubblici del Comune con Balducci "addirittura nominato RUP del procedimento inerente la progettazione del nuovo piano regolatore e della costruzione del Porto di Molfetta" motivo per il quale, si legge sempre nel provvedimento, "anch'essi erano consapevoli della mancata bonifica anche solo parziale delle acque del porto dagli ordigni bellici prima dell'aggiudicazione della gara".

Altrettanto specifiche le motivazioni dell'archiviazione per l'allora Giunta Comunale per la quale è intervenuta la prescrizione a cui avevano rinunciato Doriana Carabellese e Domenico Corrieri.
Ebbene nella seduta in cui l'Esecutivo Azzollini diede l'ok alla delibera del progetto esecutivo erano assenti sia Doriana Carabellese sia Carmela Minuto che, pertanto, mai avrebbero potuto rispondere e per le quali l'archiviazione è stata disposta poichè "il fatto non sussiste".
Invece per tutti gli altri si legge che "data la estrema specificità del tema trattato, costoro non disponessero di un adeguato apparato motivazionale per dissociarsi, facendo di contro pieno affidamento sull'operato degli uffici comunali". In sostanza gli assessori dell'epoca hanno agito "in perfetta buona fede e correttezza" e, pertanto, la loro posizione è stata archiviata "perchè il fatto non costituisce reato".

Tra gli indagati anche dirigenti e funzionari della Regione Puglia e del Ministero dell'Ambiente per i quali "non si rilevano elementi favorevoli al di fuori di una declaratoria di prescrizione".

"Mero errore di iscrizione", infine, per Rocco Altomare: la posizione dell'ingegnere è archiviata perchè "il fatto non sussiste".
  • tribunale
Altri contenuti a tema
Maxi processo per mafia a Bari, tra gli imputati anche Roberto De Blasio Maxi processo per mafia a Bari, tra gli imputati anche Roberto De Blasio L'imprenditore è l'ex vice presidente dell'associazione Fai-Antiracket di Molfetta
Strage bus ad Avellino, tra i condannati in primo grado un uomo di Molfetta Strage bus ad Avellino, tra i condannati in primo grado un uomo di Molfetta Si tratta di Nicola Spadavecchia, dirigente di Autostrade
Diffamazione, Rocco Nanna assolto: «Il fatto non sussiste» Diffamazione, Rocco Nanna assolto: «Il fatto non sussiste» Concluso il processo presso la Corte d'Appello di Bari. Parte offesa l'ex sindaco Antonio Azzollini
False notifiche di atti giudiziari. Diversi i casi a Molfetta e nel circondario False notifiche di atti giudiziari. Diversi i casi a Molfetta e nel circondario Ordine avvocati Trani: «Email pericolose, nocive e da eliminare senza aprire»
Arriva il Papa, chiesto il rinvio delle udienze che coinvolgono i legali molfettesi Arriva il Papa, chiesto il rinvio delle udienze che coinvolgono i legali molfettesi Nota di inidirizzo di Antonio De Luce, presidente del Tribunale di Trani
Alluvione 2016, gli imprenditori chiedono quasi un milione di Euro di danni al Comune e al Consorzio Asi Alluvione 2016, gli imprenditori chiedono quasi un milione di Euro di danni al Comune e al Consorzio Asi Il prossimo mese le prime udienze davanti al Tribunale di Trani
Il Gip del Tribunale di Trani archivia le querele di Maralfa a d'Ingeo per diffamazione Il Gip del Tribunale di Trani archivia le querele di Maralfa a d'Ingeo per diffamazione La nota dell'esponente del Liberatorio Politico
«Il fatto non sussiste»: assolti Giovanni, Vito e Angela Alba «Il fatto non sussiste»: assolti Giovanni, Vito e Angela Alba Secondo la Corte d'Appello di Bari gli imprenditori non sono colpevoli di bancarotta fraudolenta e truffa ai danni dello Stato
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.