La Procura della Repubblica di Trani
La Procura della Repubblica di Trani
Cronaca

"Appaltopoli”, i pubblici ministeri chiedono la proroga delle indagini

3 i filoni d'indagine, 23 gli iscritti sul registro degli indagati. L'inchiesta ruota attorno ad una serie di appalti

Nuovi accertamenti. Intende farli la Procura della Repubblica di Trani nell'ambito di "Appaltopoli", l'inchiesta su presunte irregolarità nei lavori di realizzazione di opere collegate al porto e in altri appalti, fra cui il rifacimento di piazza Moro: alcuni imprenditori avrebbero ottenuto lavori e incarichi in cambio di soldi e regali.

I pubblici ministeri Francesco Tosto e Giuseppe Francesco Aiello, a cinque mesi dalle perquisizioni eseguite dai finanzieri del Gruppo Barletta che hanno portato al sequestro di un'importante mole di documenti concernenti appalti pubblici pilotati, hanno chiesto di prorogare le indagini preliminari dell'inchiesta che vuole far luce su appalti pilotati, amministratori pubblici accomunati da particolari interessi, funzionari compiacenti, imprenditori senza scrupoli, soldi in cambio di lavori.

C'è tutto questo nell'inchiesta giudiziaria che il 5 novembre scorso si è abbattuta come un terremoto a Molfetta. I reati contestati, a vario titolo, risalenti al periodo fra il 2018 e il 2020, sono turbativa d'asta, corruzione, abuso d'ufficio e peculato, ma anche turbata libertà degli incanti e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente. 23 gli indagati. Il nome di spicco è quello del sindaco, Tommaso Minervini, indagato per turbata libertà del procedimento di scelta del contraente.

Tra gli altri indagati l'ex assessore Mariano Caputo, il consigliere Anna Sara Castriotta, il segretario Irene Di Mauro, i dirigenti Alessandro Binetti e Enzo Balducci, Orazio Lisena, funzionario e responsabile di procedimenti con la moglie, Ottavia Paola Antonucci, funzionario, Giuseppe Mascolo, delegato dal direttore generale del Cnr-Irsa di Taranto, Nicola Falco, il "mediatore", e Patrick Atena, della Cmc di Ravenna. L'inchiesta riguarda presunte turbative d'asta relative ad alcuni lavori.

Tre i filoni d'indagine: il primo riguarda gli appalti pubblici in cui il Comune di Molfetta avrebbe proceduto indebitamente ad affidamenti diretti senza compiere le gare, favorendo imprenditori amici, il secondo i lavori di riqualificazione di piazza Moro e di messa in sicurezza delle ciminiere dell'ex cementificio de Gennaro, il terzo, infine, riguarda l'incarico del piano di monitoraggio del porto: l'appalto sarebbe stato suddiviso in più lotti per essere successivamente affidato senza gara.

In questi mesi gli inquirenti hanno studiato i documenti, i computer e i cellulari sequestrati. Intanto il pool investigativo ha chiesto la prosecuzione​ delle indagini, mentre i difensori degli indagati potranno presentare memorie per opporsi alla proroga. A decidere sarà il nuovo gip chiamato a sostituire Maria Grazia Caserta.
  • Mariano Caputo
  • Tommaso Minervini
  • Appalti Molfetta
  • Appaltopoli Molfetta
  • Irene Di Mauro
  • Orazio Lisena
  • Anna Sara Castriotta
Altri contenuti a tema
La calda estate della politica a Molfetta e quei 20 giorni che potrebbero evitare le dimissioni del sindaco La calda estate della politica a Molfetta e quei 20 giorni che potrebbero evitare le dimissioni del sindaco Minervini non sarebbe intenzionato a lasciare. In caso contrario la procedura gli consentirebbe comunque di tornare a guidare la città
Uccisione del sindacalista Adil Belakhdim, il sindaco Minervini: «Non si può morire così» Uccisione del sindacalista Adil Belakhdim, il sindaco Minervini: «Non si può morire così» Il 37enne lascia due figli e la moglie Lucia, originaria di Molfetta
Il Gip ha deciso: Caputo, Castriotta e Lisena restano in carcere Il Gip ha deciso: Caputo, Castriotta e Lisena restano in carcere Respinte le richieste dei legali, resta in cella anche Tancredi. L'ex assessore non ha risposto al giudice Volpe
Appalti e tangenti: l'ex consigliere Castriotta nega le accuse Appalti e tangenti: l'ex consigliere Castriotta nega le accuse I suoi legali, Laforgia e Petruzzella, hanno chiesto l'attenuazione della misura. Scena muta di Lisena davanti al Gip
Appalti e tangenti: l'ex assessore Caputo non risponde al Gip Appalti e tangenti: l'ex assessore Caputo non risponde al Gip Il politico molfettese, in carcere a Trani, si è avvalso della facoltà di non rispondere
Tangenti, tutto è partito da un commento su MolfettaViva Tangenti, tutto è partito da un commento su MolfettaViva La pubblicazione di un articolo su piazza Moro e un post su Facebook hanno incuriosito le Fiamme Gialle
Tangenti al Comune di Molfetta: al via gli interrogatori di garanzia Tangenti al Comune di Molfetta: al via gli interrogatori di garanzia Il primo a comparire davanti alla gip che ha firmato l'ordinanza, Volpe, sarà l'ex assessore Caputo
Tangenti nelle buste o lavori nel lido: smascherato «il sistema Molfetta» Tangenti nelle buste o lavori nel lido: smascherato «il sistema Molfetta» In manette 16 persone, anche l'ex assessore Caputo. Numerosi i passaggi di mazzette alla base dell'ordinanza
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.