I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Al mercato con un panetto di hashish "marchiato" Escobar

Arrestato dai Carabinieri un 58enne del posto: la droga era nascosta in un secchio. Rinvenuti anche 2.800 euro

Singolare scoperta al mercato ortofrutticolo di Molfetta per i Carabinieri della locale Compagnia che hanno trovato la faccia di Pablo Escobar sul panetto da 100 grammi di hashish sequestrato ad un 58enne del luogo: sul posto di lavoro, l'uomo deteneva anche la somma di 2.800 euro. Arrestato, è finito ai domiciliari.

La storia, che rientra nell'attività di prevenzione e contrasto allo spaccio di stupefacenti disposta dal capitano Francesco Iodice, ha avuto inizio quando i militari della Sezione Operativa si sono presentati sul luogo di lavoro dell'uomo, volto noto alle forze dell'ordine. Laddove avevano il sentore che avrebbero trovato droga. E la pista fiutata era quella giusta. In un secchio, infatti, hanno trovato il panetto di hashish con l'inconfondibile volto del notissimo narcotrafficante colombiano.

Non è tutto: all'esito della perquisizione personale e dei locali in cui l'uomo lavorava, oltre alla droga, ancora incellophanata, gli uomini del sottotenente Domenico Mastromauro hanno rinvenuto anche materiale ritenuto necessario per l'attività illecita, tra cui un coltello a serramanico e un paio di forbici, posti sotto sequestro insieme ad un cellulare e alla somma di 2.800 euro, suddivisa in banconote di vario taglio, ritenuta verosimilmente provento della contestata attività di spaccio.

Il 58enne è stato portato negli uffici di via Vittime di Nassirya, dove è stato tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e confinato ai domiciliari. Che fosse ripreso lo spaccio di droga era assai prevedibile. I traffici sono tornati ad essere fiorenti, mentre si susseguono i blitz dei Carabinieri.
  • Droga Molfetta
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Arresti Carabinieri
Altri contenuti a tema
Rubano un'auto, ma finiscono fuori strada: ladri in fuga a Molfetta Rubano un'auto, ma finiscono fuori strada: ladri in fuga a Molfetta È successo sulla provinciale per Terlizzi. Prima di fuggire, i banditi hanno dato fuoco ad un'auto
Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» I due omonimi Vito Magarelli sono in carcere. Oggi compariranno davanti al gip Altamura per l’interrogatorio di garanzia
Arresti per i fatti di piazza Paradiso, il plauso del sindaco Minervini Arresti per i fatti di piazza Paradiso, il plauso del sindaco Minervini «Brillante operazione». Quell'episodio destò «particolare allarme per la sicurezza cittadina»
Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Ricostruito dai Carabinieri il tentato omicidio di Leonardo Squeo: in manette due cugini omonimi, di 48 e 34 anni
«A Molfetta comandava Manganelli». La difesa: «È pura fantasia» «A Molfetta comandava Manganelli». La difesa: «È pura fantasia» Secondo due pentiti «bisognava chiedergli il permesso prima di avviare un cantiere». Poli: «Fiduciosi di chiarire»
Minervini: «A Molfetta due pattuglie in più dei Carabinieri» Minervini: «A Molfetta due pattuglie in più dei Carabinieri» Per il sindaco si tratta di «una risposta importante da parte delle istituzioni e delle forze dell’ordine»
Maxi-sequestro da 50 milioni a Molfetta: le indagini iniziate nel 2016 Maxi-sequestro da 50 milioni a Molfetta: le indagini iniziate nel 2016 Nel mirino Giuseppe Manganelli: l'attività avviata dai Carabinieri dopo una serie di controlli stradali
Fabbricati, aziende, auto: sequestro da 50 milioni all'imprenditore Manganelli Fabbricati, aziende, auto: sequestro da 50 milioni all'imprenditore Manganelli Al 52enne i Carabinieri hanno messo sotto chiave 16 fabbricati, 4 terreni, 5 società, 6 veicoli e 11 conti correnti
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.