Il luogo dove è avvenuto il ferimento del 30enne
Il luogo dove è avvenuto il ferimento del 30enne
Cronaca

Agguato a Molfetta: colpito da un proiettile alla testa. È al Policlinico

Un 30enne è stato ferito ieri da una pallottola, per fortuna solo di striscio. Non si esclude alcuna ipotesi

Una lite - è questa, al momento, la pista privilegiata da parte degli investigatori - che ha assunto una piega drammatica. Un 30enne di Molfetta, ieri pomeriggio, è stato colpito da un solo proiettile che lo ha raggiunto alla testa (fortunatamente soltanto di striscio, nda) mentre si trovava in via Ruvo, alla periferia della città.

L'episodio è avvenuto alle ore 16.15, forse al culmine di un acceso diverbio fra almeno tre persone che è sfociato ben presto in un solo colpo d'arma da fuoco «di piccolo calibro, probabilmente esploso da una pistola calibro 7.65», riferiscono fonti inquirenti: l'aggressore (presumibilmente accompagnato da almeno un'altra persona, ma questo è un aspetto ancora da chiarire), ha affondato una volta il dito sul grilletto. L'uomo è stato ferito da un unico proiettile, di striscio, alla testa.

Una delle poche certezze è questa: qualcuno ha chiamato il 118 e gli operatori sanitari sono giunti sul posto, ma a soccorrere per primi il 30enne sono stati i suoi familiari che l'hanno condotto all'ospedale don Tonino Bello di Molfetta, dove è giunto vigile, cosciente e non è mai stato in pericolo di vita. I medici, però, hanno disposto l'immediato trasferimento a Bari, al Policlinico, dove adesso è ricoverato. Il suo quadro clinico non ha creato particolari apprensioni fra i sanitari baresi.
4 fotoAgguato a Molfetta: colpito da un proiettile alla testa. È al Policlinico
Agguato a Molfetta: colpito da un proiettile alla testa. È al PoliclinicoAgguato a Molfetta: colpito da un proiettile alla testa. È al PoliclinicoAgguato a Molfetta: colpito da un proiettile alla testa. È al PoliclinicoAgguato a Molfetta: colpito da un proiettile alla testa. È al Policlinico
I Carabinieri della Compagnia di Molfetta, intanto, coordinati dal tenente Domenico Mastromauro, sono al lavoro da ore. Hanno eseguito rilievi, coi colleghi della Sezione Investigazioni Scientifiche, e ascoltato coloro che ieri si trovavano nei paraggi di via Ruvo. Una mano provvidenziale tesa agli inquirenti potrebbe arrivare dalle telecamere di videosorveglianza della zona che hanno immortalato quegli attimi. E che ora potrebbero incastrare i responsabili, forse a spasso per la città.

Fondamentale, però, potrebbe essere soprattutto la testimonianza del ferito, un 30enne incensurato, che sarà ascoltato il prima possibile per ottenere le prime dichiarazioni. Sarà il suo racconto - se riterrà di parlare - uno degli strumenti investigativi più preziosi per i militari che vogliono ricostruire la dinamica e accertare se l'aggressione sia maturata al culmine di una lite personale oppure se si sia trattato di un regolamento di conti e di un agguato legato ad un contesto criminale.

Antefatti - è la lite finita in modo drammatico, forse un chiarimento sfociato nel sangue, l'ipotesi privilegiata, ma si setacciano altri contesti - che devono trovare una collocazione precisa, ma che hanno avuto come teatro finale via Ruvo. Non essendoci però altro, sul movente, i Carabinieri non tralasceranno alcuna pista.
  • Carabinieri Molfetta
  • Feriti Molfetta
Altri contenuti a tema
Lite in pieno centro per futili motivi, sul posto i Carabinieri Lite in pieno centro per futili motivi, sul posto i Carabinieri L'episodio in piazza Vittorio Emanuele. Due uomini sono stati fermati e condotti in caserma, al vaglio le telecamere
Notte di controlli a raffica a Molfetta: 20 le sanzioni, 6 le patenti ritirate Notte di controlli a raffica a Molfetta: 20 le sanzioni, 6 le patenti ritirate È l'esito dell'attività svolta dai Carabinieri della locale Compagnia. Un giovane segnalato per uso personale di stupefacenti
«C'è qualcuno in quella casa». Era stata occupata abusivamente «C'è qualcuno in quella casa». Era stata occupata abusivamente È successo in un alloggio popolare di via Ruvo, sul posto Carabinieri e Polizia Locale. Denunciate tre persone
In fiamme Miragica. La Procura vuol vederci chiaro, si sospetta il dolo. LE FOTO In fiamme Miragica. La Procura vuol vederci chiaro, si sospetta il dolo. LE FOTO L'intervento dei Vigili del Fuoco s'è protratto sino a sera. Pochi i dubbi sul fatto che dietro vi sia stata la mano dell'uomo
«Nessun legame con la mafia». Colpo di scena: assolto l'appuntato Laforgia «Nessun legame con la mafia». Colpo di scena: assolto l'appuntato Laforgia Non hanno retto le accuse di concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione mosse al militare. È tornato in libertà
Un teschio umano in mare. È mistero nelle acque di Molfetta Un teschio umano in mare. È mistero nelle acque di Molfetta Pesca macabra: è stato recuperato nelle reti a strascico di un peschereccio. Per identificarlo servirà l'esame del Dna
24enne morto nel cantiere, la famiglia chiede «silenzio». Oggi l'autopsia 24enne morto nel cantiere, la famiglia chiede «silenzio». Oggi l'autopsia L'avvocato Petruzzella: «Nella tragedia, una sola certezza: si trattava di un ragazzo per bene». Proseguono le indagini
Tenta di rapinare un anziano in strada: «Minacciato con un paio di forbici» Tenta di rapinare un anziano in strada: «Minacciato con un paio di forbici» È accaduto lungo corso Umberto, l'uomo ha 83 anni ed è ancora sotto shock. Il rapinatore si è dato alla fuga
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.