Mara e Diana Zaza
Mara e Diana Zaza

Vittime della strada, Molfetta non dimentica Mara e Diana Zaza

Nei giorni scorsi intitolazione alle due sorelle della biblioteca del Liceo Classico

Era l'estate 1995, caldissima. La routine di Molfetta viene rotta bruscamente da una notizia: due giovanissime, sorelle, morte, vittime di un incidente stradale sulla strada tra Molfetta e Giovinazzo, causato da un ubriaco.

I nomi delle due ragazze vengono diffusi quasi subito: Mara e Diana Zaza. Sono le figlie di Vito, scultore, artista, tra i più noti e apprezzati del secolo scorso e non solo a Molfetta.
Una tragedia.

A distanza di quasi 25 anni dall'accaduto (già una sala del Museo Diocesano è intitolata ad entrambe ed espone opere del padre), la biblioteca del liceo Classico "Leonardo da Vinci" di Molfetta è stata intitolata a Mara e Diana Zaza, entrambe ex studentesse dello storico istituto, lasciato solo qualche anno prima dell'incidente.

La cerimonia è avvenuta nei giorni scorsi, aperta con grande sensibilità dalla Dirigente scolastica professoressa Mariapia Matilde Giannoccari, che nel suo successivo intervento ha sottolineato l'attualità del messaggio di Mara e Diana per le giovani generazioni. Sono intervenuti anche l'Assessore alla Cultura e vicesindaco del Comune di Molfetta, Sara Allegretta, il professor Francesco Minervini e il professor Francesco Paolo de Ceglia, docente di Storia della Scienza presso l'Università degli Studi di Bari, che hanno ricordato con affetto ai numerosi giovani presenti le loro amiche Mara e Diana.

Immancabile la signora Elisabetta de Candia, madre delle giovani e vedova di Vito Zaza: a lei il compito di ricordare la memoria di Mara e Diana, strappate al suo amore poco più che ventenni. A lei il compito di rivolgersi ai giovani presenti alla cerimonia a cui l'invito è stato solo uno: vivere a pieno la propria esistenza, amando la bellezza in tutte le sue forme.

E' stata ancora la signora de Candia a consegnare le borse di studio ideate in ricordo delle figlie, assegnate rispettivamente a Sofia Sasso, della classe II A del Liceo Classico, autrice di un testo fortemente evocativo dal titolo "In silenzio", e ad Emanuele Colasanto, della classe III A del Liceo Scientifico, autore di un interessante saggio breve dal titolo "Non calpestare i fiori". Una menzione speciale è andata all'elaborato dell'alunna Maria Chiara de Candia, dal titolo "Ricerca", e tutti i partecipanti hanno ricevuto degli attestati in segno di riconoscimento del loro impegno nel partecipare all'iniziativa.
5 fotoIntitolazione biblioteca a Mara e Diana Zaza
Cerimonia
Cerimonia
Cerimonia
Cerimonia
Cerimonia
Cerimonia
Cerimonia
Cerimonia
Cerimonia
Cerimonia
  • liceo classico
Altri contenuti a tema
La biblioteca del Liceo Classico di Molfetta intitolata a Mara e Diana Zaza La biblioteca del Liceo Classico di Molfetta intitolata a Mara e Diana Zaza Nell'occasione sarà consegnata anche la borsa di studio in loro ricordo
Il ministro Elena Bonetti al Liceo Classico di Molfetta Il ministro Elena Bonetti al Liceo Classico di Molfetta La visita, nella mattinata di oggi, sul tema della violenza contro le donne
La Ministra Elena Bonetti a Molfetta, ospite del Liceo Classico La Ministra Elena Bonetti a Molfetta, ospite del Liceo Classico L'incontro con gli studenti lunedì 16 dicembre alle ore 11
Il Premio "Aldo Moro" a Luca Petruzzella, studente di Molfetta Il Premio "Aldo Moro" a Luca Petruzzella, studente di Molfetta L'alunno del Liceo Classico: «La mia generazione prenda testimonianza da Aldo Moro»
Il Liceo Classico di Molfetta dice no alla violenza sulle donne Il Liceo Classico di Molfetta dice no alla violenza sulle donne Per il settimo anno consecutivo manifestazione degli alunni dello storico istituto a Corso Umberto
Giovedì assegnata la Borsa di studio "Corrado Poli": vincitori due alunni del Liceo Classico di Molfetta Giovedì assegnata la Borsa di studio "Corrado Poli": vincitori due alunni del Liceo Classico di Molfetta I premiati di quest'anno sono Pietro Amato, III B 2018/19 e Luca Petruzzella, attuale III B
Fiammetta Borsellino agli studenti del Liceo Classico: «Abbiate fiducia nello Stato e nella scuola altrimenti moriremo tutti» Fiammetta Borsellino agli studenti del Liceo Classico: «Abbiate fiducia nello Stato e nella scuola altrimenti moriremo tutti» La figlia del magistrato vittima di mafia ha incontrato i ragazzi
Fiammetta Borsellino al Liceo Classico di Molfetta Fiammetta Borsellino al Liceo Classico di Molfetta La figlia del magistrato vittima di mafia ospite giovedì 9 maggio alle ore 9
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.