statue
statue
Speciale

Uno spettacolo multimediale nel 60° anniversario della scomparsa di Giulio Cozzoli

Venerdì 24 marzo la prima dello spettacolo. 31 marzo e 1 aprile le repliche

Sessant'anni fa, il 15 febbraio 1957, moriva improvvisamente lo scultore Giulio Cozzoli. Artista celeberrimo per le raffigurazioni in cartapesta dei protagonisti della Passione di Cristo, che il Sabato Santo precedono il gruppo della Pietà nella processione a cura dell'Arciconfraternita della Morte dal Sacco nero.

L'artista, nato a Molfetta nel 1882, è forse uno degli ultimi baluardi pugliesi della classicità che miravano all'imitazione del vero quale unica strada perseguibile per la fruizione del bello. La critica ed i concorsi pubblici non gli hanno consentito quella notorietà che meritava, relegandolo, per lo più, alle vicende devozionali della Settimana Santa.
Eppure la sua arte meritava molto di più. Come lui stesso malinconicamente afferma in alcuni scritti. Basti pensare all'opera più grande del nostro, la Deposizione, misconosciuta dai più.
Per celebrarne l'arte e l'uomo, la FeArT soc coop - ente gestore del Museo diocesano di Molfetta - il Teatro dei Cipis e l'associazione DOT Studio con la preziosa professionalità del fotografo Cosmo Mario Andriani ed il supporto dell'Arciconfraternita della Morte dal Sacco nero hanno previsto uno spettacolo multimediale che indaga i celebri simulacri alla luce della vicenda umana ed artistica del noto scultore. Con la referenza scientifica del prof. Gaetano Mongelli, profondo conoscitore delle opere processionali, le fonti documentarie e le rilevazioni fotografiche si animano nel racconto dell'attore Corrado la Grasta.

"Con gli occhi di Giulio Cozzoli" è una sperimentazione in cui teatro, arte, fotografia, animazione multimediale, tradizione e storia locale si fondono per promuovere il ricordo di una grande artista.
Venerdì 24 marzo la prima dello spettacolo. 31 marzo e 1 aprile le repliche.
Per non dimenticare chi ha contribuito a rendere la devozione e l'arte immortali.
  • giulio cozzoli
Altri contenuti a tema
Muore Marianna Cozzoli. Ispirò lo zio per la realizzazione del viso dell'Addolorata Muore Marianna Cozzoli. Ispirò lo zio per la realizzazione del viso dell'Addolorata Molfetta perde la nipote del grande scultore: aveva 88 anni
La Pietà di Giulio Cozzoli in Cattedrale per la visita pastorale del Vescovo La Pietà di Giulio Cozzoli in Cattedrale per la visita pastorale del Vescovo Traslazione valida solo per la giornata odierna
Sessant'anni dopo Giulio Cozzoli: conferenza con il professor Gaetano Mongelli Sessant'anni dopo Giulio Cozzoli: conferenza con il professor Gaetano Mongelli Tutte le tappe di una vita dedicata all'arte
6 La “Deposizione” presso il Museo Diocesano: LE FOTO La “Deposizione” presso il Museo Diocesano: LE FOTO Sarà la statua di Giulio Cozzoli a ricevere i visitatori del sito museale
3 Il trasporto straordinario della "Deposizione" di Cozzoli al Museo Diocesano - LE IMMAGINI Il trasporto straordinario della "Deposizione" di Cozzoli al Museo Diocesano - LE IMMAGINI Operazioni in fase di svolgimento per il prestito in occasione della mostra allestita nel Museo
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.