Prete
Prete
Cronaca

Soldi dal prete per non diffondere foto compromettenti, nei guai 35enne

Coinvolto sacerdote di Molfetta. Avrebbe pagato per evitare di far scoprire la sua relazione omosessuale

Si sarebbe fatto pagare caro il silenzio su quegli incontri omosessuali che intratteneva con un sacerdote di Molfetta, chiedendo denaro al religioso che quest'ultimo avrebbe distratto dai soldi delle offerte dei fedeli. Per questo un uomo di 35 anni di Orta Nova, già noto alle forze dell'ordine per altri reati, è stato condannato in primo grado dal giudice per le udienze preliminari del tribunale di Trani, dopo un giudizio con rito abbreviato, alla pena di quattro anni di reclusione e interdizione ai pubblici uffici per cinque anni per il reato di estorsione.

Il trentacinquenne, infatti, avrebbe ottenuto dal religioso di Molfetta la somma di 11 mila euro, pagata in quattro tranche, per non diffondere alcune foto compromettenti che ritraevano il prete in abiti femminili e in atteggiamenti equivoci. «Foto non presenti all'interno del fascicolo processuale» fa notare l'avv. Mirella De Finis, difensore del 35enne.

I fatti per cui il 35enne di Orta Nova è stato condannato risalgono alla scorsa estate. Il sacerdote e il 35enne si sarebbero conosciuti su una chat dedicata ad incontri omosessuali e si sarebbero incontrati per consumare dei rapporti. Lo stesso religioso, ascoltato durante il processo, ha confermato di aver intrattenuto rapporti con l'uomo di Orta Nova per una volta. Il 35enne a un certo punto avrebbe minacciato il prete di diffondere alcune foto compromettenti ai suoi parrocchiani e di interpellare il Vescovo e il Papa mettendoli al corrente della relazione. Il prete ha dunque reagito raccontando il tutto alle forze dell'ordine che, dopo un'indagine, hanno arrestato l'uomo di Orta Nova che è rimasto in carcere in custodia cautelare per otto mesi.

Durante il processo, nel quale il gup ha richiesto una integrazione probatoria, è stato ascoltato anche il sacerdote. Qualcosa però non ha convinto il giudice che ha chiesto al pm di procedere per falsa testimonianza contro lo stesso sacerdote.

Attualmente il 35enne si trova ristretto ai domiciliari. L'avv. De Finis, tuttavia, annuncia il ricorso in appello: «A dire del prete la somma che sarebbe stata pagata per l'estorsione sarebbe stata prelevata dalle casse della parrocchia che, come sappiamo, sono il frutto di offerte dei fedeli che ripongono la massima fiducia nella Chiesa» fa notare il legale del foro di Foggia, definendosi «confortata» per la trasmissione degli atti al pubblico ministero affinché indaghi sul presunto reato di falsa testimonianza commesso dal prete.
  • tribunale di trani
Altri contenuti a tema
"Giustizia svenduta", PM e avvocati condannati. Tullio Bertolino: «Non un “sistema” diffuso nel Tribunale di Trani» "Giustizia svenduta", PM e avvocati condannati. Tullio Bertolino: «Non un “sistema” diffuso nel Tribunale di Trani» Le parole del Presidente dell'ordine degli Avvocati di Trani
"Giustizia svenduta": condanne ma anche confische di denaro e interidizoni "Giustizia svenduta": condanne ma anche confische di denaro e interidizoni Tutte le decisioni del GUP del Tribunale di Lecce
A processo per aver ucciso un animale, il Comune di Molfetta parte civile A processo per aver ucciso un animale, il Comune di Molfetta parte civile Il Comune ritenuto parte offesa. Procedimento davanti al Tribunale di Trani
Antonio Savasta rimosso dalla Magistratura. Fuori il PM di tanti processi scandalo di Molfetta Antonio Savasta rimosso dalla Magistratura. Fuori il PM di tanti processi scandalo di Molfetta Lo ha deciso la sezione disciplinare del CSM
Lesioni volontarie all'attrice Isabella Ragno, condannata 20enne di Molfetta Lesioni volontarie all'attrice Isabella Ragno, condannata 20enne di Molfetta L'aggressione avvenuta nell'inverno 2016 in una villetta della città
Il Giudice di Molfetta Alberto Binetti consigliere giuridico di Luigi Di Maio Il Giudice di Molfetta Alberto Binetti consigliere giuridico di Luigi Di Maio Via libera dal CSM: lavorerà a stretto contatto con il ministro "grillino"
1 Savasta si dimette dalla magistratura. È stato il PM delle indagini che hanno sconvolto Molfetta Savasta si dimette dalla magistratura. È stato il PM delle indagini che hanno sconvolto Molfetta È stato arrestato per corruzione il 14 gennaio scorso
Nuove ipotesi di reato per l'ex pm del processo sul porto di Molfetta arrestato nelle scorse settimane Nuove ipotesi di reato per l'ex pm del processo sul porto di Molfetta arrestato nelle scorse settimane Continuano le indagini effettuate dalla Procura della Repubblica di Lecce
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.