Tommaso Minervini
Tommaso Minervini
Politica

"Sai chi voti": «Minervini mantenga le promesse fatte»

I firmatari della petizione chiedono audizioni pubbliche per la nomina dei vertici delle partecipate

Tommaso ​Minervini ​ha ​promesso ​di ​introdurre, ​nei ​primi ​100 ​giorni ​di ​governo, ​le audizioni ​pubbliche ​quale ​sistema ​di ​nomina ​dei ​vertici ​nelle ​partecipate. Manca ​meno di ​un ​mese ​alla ​scadenza. Il ​neo ​sindaco ​aveva preso ​questi ​impegni ​davanti ​agli ​oltre ​30mila ​firmatari ​di Sai Chi ​Voti, ​la ​campagna ​nazionale ​per ​la ​trasparenza ​e ​la ​lotta ​alla ​corruzione ​nei ​Comuni.

Promossa ​da ​Riparte ​il ​futuro ​con ​Transparency ​International, ​Movimento ​Consumatori, Action ​Aid ​e ​tante ​altre ​organizzazioni ​della ​società ​civile, ​la ​campagna ​aveva ​visto aderire ​4 ​candidati ​sindaco ​su ​5 ​a ​Molfetta ​e ​oltre ​119 ​candidati ​sindaco ​in ​tutta ​Italia. In ​seguito ​alle ​inconsuete ​dimissioni ​di ​3 ​consiglieri ​comunali ​appena ​eletti, ​la ​stampa locale ​ha ​rilanciato ​la ​notizia ​che ​l'amministrazione ​si ​stia ​preparando ​a ​nominare ​nei vertici ​delle ​partecipate ​proprio ​i ​consiglieri ​dimissionari, ​senza ​quindi ​passare ​per ​le audizioni ​pubbliche. ​Inoltre la ​delibera ​di ​consiglio ​n.12 ​del ​30/08/2017 riguardante ​"le determinazioni ​degli ​indirizzi ​per ​la ​nomina ​e ​la ​designazione ​dei ​rappresentanti ​del ​Comune e ​del ​consiglio ​presso ​enti, ​aziende ​e ​istituzioni" ​non ​fa ​alcun ​riferimento ​alle ​audizioni pubbliche.

​Questo ​provvedimento ​ad ​oggi ​rappresenta ​la ​manifesta ​volontà ​di ​non cambiare ​il ​metodo ​di ​selezione ​dei ​vertici ​delle ​società ​municipalizzate ​al ​fine ​di rendere ​trasparenti ​le ​nomine.

Tutto ​ciò ​rappresenterebbe ​una ​grave ​violazione ​degli ​impegni ​sottoscritti ​con ​la campagna ​e ​con ​tutti ​i ​cittadini. Tommaso ​Minervini aderendo ​a ​Sai ​Chi ​Voti, ​ha contratto ​un ​patto ​pubblico, ​che ​ha ​in ​qualche ​misura ​orientato ​il ​voto ​degli ​elettori. Crediamo ​che ​sia ​fondamentale ​dare ​seguito ​a ​quelle ​promesse ​e ​non ​alimentare vecchie ​logiche ​di ​spartizione ​del ​potere, ​a ​Molfetta ​tanto ​quanto ​altrove.

Le ​società ​partecipate ​dai ​Comuni ​sono ​spesso ​oggetto ​di ​logiche ​spartitorie. ​Le poltrone ​dei ​vertici ​sono ​usate ​come ​moneta ​di ​scambio ​per ​dare ​posto ​a ​candidati ​che non ​sono ​stati ​eletti ​e ​ai ​membri ​dei ​partiti ​della ​maggioranza ​di ​turno, ​alimentando ​il rischio ​di ​trovare ​in ​posizioni ​apicali ​persone ​incompetenti. ​Le partecipate ​infatti gestiscono ​servizi ​essenziali ​per ​la ​vita ​di ​una ​città ​e ​le ​cariche ​in ​posizioni ​apicali hanno ​grande ​potere ​di ​spesa ​e ​di ​assunzione. ​Il ​Comune ​di ​Molfetta ​sarà ​a ​breve chiamato ​ad ​assegnare ​alcune ​cariche ​nei ​consigli ​di ​amministrazione ​e ​il ​metodo ​di nomina ​dei ​vertici ​farà ​la ​differenza ​tra ​l'avere ​manager ​competenti ​o ​meno.

Perché​ ​proponiamo​ ​audizioni​ ​pubbliche​ ​e​ ​cosa​ ​sono? Sai ​Chi ​Voti ​ha ​chiesto ​a ​13 ​sindaci ​di ​introdurre ​audizioni ​pubbliche ​per ​selezionare ​i vertici ​delle ​partecipate. ​Un ​momento ​pubblico ​in ​cui ​giornalisti ​e ​cittadini ​possono porre ​domande ​a ​chi ​aspira ​a ​diventare ​manager. ​Uno ​strumento ​di ​controllo ​pubblico su ​programma, ​indirizzo ​gestionale ​e ​competenze ​che ​il ​futuro ​manager ​dovrebbe avere. ​Solo ​attraverso ​nomine ​trasparenti ​possiamo ​tutelarci ​da ​sprechi, ​buchi ​di bilancio, ​licenziamenti ​selvaggi, ​malagestione ​e ​talvolta ​corruzione. Non ​chiediamo ​ai ​sindaci ​di ​rinunciare ​al ​proprio ​potere ​di ​nomina, ​semplicemente tramite ​audizioni, ​vogliamo ​consentire ​a ​chiunque ​di ​porre ​domande ​e ​valutare competenze ​e ​progetti ​di ​chi ​si ​candida ​a ​guidare ​le ​aziende ​municipalizzate.

In ​particolar ​modo, abbiamo ​preparato ​una ​proposta ​di ​indirizzo, ​che ​può ​servire ​da esempio ​per ​i ​sindaci ​che ​volessero ​introdurre ​le ​audizioni ​pubbliche:
● Proponiamo ​che ​almeno ​60 ​giorni ​prima ​dell'audizione ​pubblica ​siano ​pubblicati online ​sul ​sito ​del ​Comune ​i ​curriculum ​vitae ​dei ​candidati ​alla ​guida ​di ​aziende partecipate, ​enti, ​fondazioni ​partecipate ​insieme ​a ​una ​autodichiarazione ​sullo status ​penale ​e ​sui ​potenziali ​conflitti ​d'interessi.
● Proponiamo ​che ​sia ​sancito ​l'obbligo ​di ​indire ​pubblicamente, ​almeno ​30 ​giorni prima, ​una ​o ​più ​sedute ​di ​audizione ​pubblica ​dei ​candidati, ​aperte ​ai ​cittadini, alla ​stampa ​e ​alle ​organizzazioni ​della ​società ​civile. ​A ​ogni ​candidato ​potranno essere ​poste ​domande ​utili ​al ​fine ​di ​conoscerne ​il ​profilo ​professionale ​e ​politico (non ​personale), ​la ​condotta ​nell'esercizio ​di ​altre ​cariche ​ricoperte ​in precedenza, ​l'esistenza ​di ​conflitti ​di ​interessi, ​status ​giudiziario, ​nonché ​obiettivi o ​strategie ​riguardanti ​l'adempimento ​del ​mandato.
● Proponiamo ​che ​il ​regolamento ​delle ​audizioni ​consenta ​all'istituzione nominante ​di ​valutare ​la ​pertinenza ​delle ​domande ​rivolte ​ai ​candidati ​e ​di consentire ​al ​candidato ​di ​non ​rispondere ​nel ​caso ​la ​domanda ​venga ​giudicata inammissibile.
● Proponiamo ​che ​dell'audizione ​pubblica ​venga ​redatto ​apposito ​verbale ​da pubblicare ​online ​e ​da ​allegare ​all'atto ​di ​nomina.

Di ​recente ​abbiamo ​incontrato ​il ​sindaco ​di ​Lucca, ​di ​Verona ​e ​di ​Padova, ​(anche ​loro aderenti ​a ​Sai ​Chi ​Voti) ​per ​iniziare ​il ​percorso ​di ​riforme. ​Ciò ​a ​prova ​del ​fatto ​che ​siamo e ​saremo ​sempre ​a ​disposizione ​delle ​amministrazioni ​davvero ​intenzionate ​a ​diventare trasparenti.
  • tommaso minervini
Altri contenuti a tema
3 20 aprile 2018: il Sindaco dispone tutte le misure di sicurezza 20 aprile 2018: il Sindaco dispone tutte le misure di sicurezza Ordinanza di Tommaso Minervini. Chi infrange le regole deferito all'autorità giudiziaria
3 Il Sindaco Tommaso Minervini nel ricordo di Don Tonino Bello - VIDEO Il Sindaco Tommaso Minervini nel ricordo di Don Tonino Bello - VIDEO «Ricordare il nostro Vescovo per costruire una Città migliore»
1 Delinquenza, il Comune apre le adesioni al Comitato di Monitoraggio Delinquenza, il Comune apre le adesioni al Comitato di Monitoraggio L'avviso a firma del sindaco Tommaso Minervini e di Nicola Piergiovanni
Il Comune di Molfetta ricorda l'uccisione di Aldo Moro e degli uomini della scorta Il Comune di Molfetta ricorda l'uccisione di Aldo Moro e degli uomini della scorta Nota di Tommaso Minervini nel giorno in cui, 40 anni, le Br rapirono lo statista
3 Trent'anni fa il gemellaggio con la città di Gorlitz. La delegazione ricevuta dal sindaco Trent'anni fa il gemellaggio con la città di Gorlitz. La delegazione ricevuta dal sindaco Tommaso Minervini si è detto pronto a nuove esperienze di scambio interculturale
Allarme sicurezza, Depalma e Minervini convocati dal Prefetto Allarme sicurezza, Depalma e Minervini convocati dal Prefetto Per il sindaco di Giovinazzo «gli incendi d'auto sono un problema strutturale, non un fenomeno episodico»
3 Sicurezza, Abbaticchio frena su richieste Minervini e Depalma Sicurezza, Abbaticchio frena su richieste Minervini e Depalma Il sindaco di Bitonto: «Comprendo i colleghi, ma devono essere Questore e Prefetto a fare le loro valutazioni»
8 Giovinazzo e Molfetta, i sindaci scrivono al Prefetto: «Serve più sicurezza» Giovinazzo e Molfetta, i sindaci scrivono al Prefetto: «Serve più sicurezza» Alla luce «di una inspiegabile recrudescenza di fenomeni criminali registrata in queste ultime settimane»
© 2001-2018 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.