I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Rapinano commesse mentre vanno a versare l'incasso

Rapina shock questo pomeriggio in via Rattazzi. Bottino ingente, indagano i Carabinieri di Molfetta

Rapina, oggi, ai danni di due commesse di un punto vendita di abbigliamento uomo sportswear e classico di via Olivetti, all'interno del centro commerciale per lo shopping che sorge nella zona industriale. Ingente - secondo i primi accertamenti - il bottino: presi circa 30mila euro.

Stando alle prime ricostruzioni, i rapinatori hanno pedinato e aggredito le due ragazze in via Rattazzi, rapinandole dell'incasso («un bottino ingente», secondo i Carabinieri che indagano sull'accaduto) che stavano andando a depositare nel vicino ufficio postale, sempre su via Rattazzi. Si è trattato di un colpo in cui non è stato lasciato nulla al caso, studiato nei dettagli. Una rapina rapida, questione di secondi, ed efficace.

I due, con i volti coperti e armati di una pistola, le hanno seguite con scrupolo senza dare nell'occhio, fino al momento in cui entrambe stavano per versare i soldi nel vicino ufficio postale, sempre lungo via Rattazzi. Ed è proprio in quel momento, infatti, intorno alle ore 16.00, che i banditi a volto coperto hanno intimato ad entrambe di consegnar loro tutto il denaro, puntando contro una pistola.

A quel punto le due vittime, nonostante l'estremo tentativo di barricarsi all'interno dell'autovettura di una delle due, non hanno potuto fare altro che abbandonare la borsa, senza opporre ai due rapinatori alcuna resistenza. Una volta in possesso dell'incasso, (circa 30mila euro secondo le prime stime, ndr) sono dapprima fuggiti a piedi e poi hanno definitivamente tagliato la corda a bordo di uno scooter.

La chiamata al numero gratuito 112 per dare l'allarme è stata effettuata poco dopo e i Carabinieri della locale Compagnia sono giunti in loco con una pattuglia dell'Aliquota Radiomobile assieme ai sanitari del 118. I militari, agli ordini del capitano Vito Ingrosso, hanno fatto subito scattare il piano anti-rapina con posti di blocco e controlli sulle strade della zona, invano.

Gli inquirenti stanno anche analizzando i filmati di tutte le telecamere di sorveglianza della zona. La speranza, infatti, è che proprio le telecamere di via Rattazzi e delle vie limitrofe possano dare degli indizi utili per risalire ai malviventi.
  • Rapine Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Nuovo comandante per la Compagnia Carabinieri: è Francesco Iodice Nuovo comandante per la Compagnia Carabinieri: è Francesco Iodice 39 anni, originario di Capua, sposato e padre di tre figli, il capitano arriva dalla Tenenza di Melito di Napoli
Sorpreso a cedere droga ad un ragazzo. Arrestato dai Carabinieri un 20enne Sorpreso a cedere droga ad un ragazzo. Arrestato dai Carabinieri un 20enne Il giovane è stato trovato in possesso di 23 dosi di hashish e 590 euro. Arrestato, è stato sottoposto agli arresti domiciliari
Presidio contro la presenza dell'ex ministro Maroni a Molfetta: 5 indagati Presidio contro la presenza dell'ex ministro Maroni a Molfetta: 5 indagati I fatti risalgono al 2 settembre, quando si è tenuto un sit-in contro l'arrivo in città dell'ex segretario della Lega
Lunga attesa all'ospedale di Molfetta: paziente picchia due medici. Denunciato un 41enne Lunga attesa all'ospedale di Molfetta: paziente picchia due medici. Denunciato un 41enne È successo questa mattina nel pronto soccorso. Immediato l'intervento dei Carabinieri: l'uomo è stato deferito a piede libero
Vito Ingrosso lascia la Compagnia, l'encomio di Molfetta per i suoi 5 anni d'attività Vito Ingrosso lascia la Compagnia, l'encomio di Molfetta per i suoi 5 anni d'attività Il maggiore premiato ieri dalla massima assise cittadina. Si è insediato il nuovo comandante: è il capitano Francesco Iodice
Estorsioni, sì ai domiciliari per un 18enne. Restano in carcere gli altri 3 arrestati Estorsioni, sì ai domiciliari per un 18enne. Restano in carcere gli altri 3 arrestati Il Tribunale di Trani ha disposto la sostituzione della misura cautelare. Rigettate le altre richieste
Estorsioni, si costituisce l'ultimo componente della banda. È un 26enne Estorsioni, si costituisce l'ultimo componente della banda. È un 26enne Si tratta di Domenico Minervini, molfettese già noto alle forze dell'ordine. Si è presentato a Trani con il suo avvocato
Furti in appartamento, attenti ai pezzettini di plastica sotto le porte Furti in appartamento, attenti ai pezzettini di plastica sotto le porte Quattro i georgiani fermati dai Carabinieri: due bloccati a Bari, gli altri due a Potenza. Era chiamata la "banda della compieta"
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.