Pulo
Pulo

Pulo di Molfetta segnalato per la candidatura a patrimonio Unesco

Avviata una procedura che coinvolge diversi siti archeologici del Barese

Nei giorni scorsi è stato avviato il processo di segnalazione di diversi siti archeologici della Terra di Bari in vista di una possibile candidatura a Patrimonio Unesco. Tra gli altri, nel dettaglio, ci sarebbe anche l'area del Pulo di Molfetta: situato a due chilometri dal centro urbano, è un'ampia formazione di origine carsica (perimetro 600 m, diametro massimo 170 m, profondità 30 m) sulle cui pareti verticali si aprono numerose grotte e costituisce un eccezionale esempio di biodiversità, grazie alla presenza di oltre duecento specie floristiche tipiche della macchia mediterranea.

L'idea è partita dall'Archeoclub di Corato, nella persona del suo presidente e consigliere nazionale, che ha ufficialmente proposto di inserire i molti siti preistorici dell'area di Corato, Altamura, Andria, Bisceglie, Giovinazzo, Molfetta e Ruvo: il territorio preso in considerazione in questo lavoro comprende quella parte della Puglia centrosettentrionale denominata Terra di Bari con alcune propaggini nella parte meridionale della Daunia. Lo scopo di tale delimitazione permette di inquadrare sia tipologicamente che dal punto di vista propriamente insediativo, la cultura dolmenica dal Neolitico all'età del Ferro nei suoi vari aspetti, con lo scopo di circoscrivere un'area omogenea e rendere questa patrimonio internazionale monumentale dell'Unesco, dato il carattere unico, eccezionale e culturalmente rilevante della storia più antica della Puglia.

Frequentato da comunità neolitiche già 7.000 anni fa, il Pulo di Molfetta ha avuto una ininterrotta frequentazione fino all'Età del Bronzo. Gli scavi condotti a partire dal primo Novecento nelle campagne circostanti la dolina hanno restituito importanti reperti archeologici. La ceramica impressa, definita nelle classificazioni scientifiche come appartenente alla "Civiltà di Molfetta", è espressione dell'importante cultura fiorita sui margini della dolina. Nella seconda metà del XVIII secolo il Pulo con le sue grotte ricche di nitrato, prezioso componente naturale della polvere da sparo, diventa il centro dell'interesse scientifico ed economico del regno di Napoli e dei Borboni, che favoriscono sopralluoghi e analisi per la costruzione di una nitriera.

Affinché questi insediamenti siano inseriti nella "tentative list" italiana, questa relazione potrà essere inclusa nel corso degli incontri del Comitato del patrimonio mondiale dell'Unesco. L'ambito territoriale comprende le città di Altamura, Andria, Bisceglie, Bitonto, Corato, Giovinazzo, Molfetta, Ruvo di Puglia, Terlizzi e una parte del Parco Nazionale dell'Alta Murgia, luoghi che rappresentano l'eredità del passato di cui noi oggi beneficiamo e che trasmettiamo alle generazioni future.

Per questo motivo l'Archeoclub di Corato intende perseguire, sulla scia di tante altre iniziative culturali avvenute in questi anni, l'idea di trasformare questa intera area in bene culturale Unesco da inserire non più in un circuito provinciale, ma internazionale. Per far ciò è stata già preparata la documentazione iniziale che associa a tutti gli insediamenti pre-protostorici della zona in modo da rendere comprensibile e "caratterizzante" questo complesso fenomeno. Tale dossier sarà presentato dalla Sede Nazionale dell'Archeoclub d'Italia Aps al Ministero della Cultura per iniziare l'iter di inserimento definitivo dei beni, che sarà proposto nelle prossime settimane a tutte le istituzioni interessate (Regione Puglia, Parco dell'Alta Murgia, comuni, università, enti del Terzo Settore), in modo da coinvolgere pienamente ognuna di queste realtà per far fronte comune.

A inizio agosto, tra l'altro, l'ex convento dei frati Cappuccini sovrastante proprio la dolina carsica del Pulo è stato dichiarato immobile di interesse culturale da parte del Ministero della Cultura. Lo stesso Dicastero ha provveduto a darne notizia al Comune di Molfetta ufficialmente attraverso un apposito documento, reso pubblico attraverso la pubblicazione sull'albo pretorio.
  • Pulo
Altri contenuti a tema
Anche Molfetta nel progetto "Inherit" per la valorizzazione di turismo e territorio Anche Molfetta nel progetto "Inherit" per la valorizzazione di turismo e territorio L'iniziativa coinvolge il Pulo, gli alberi monumentali e il parco di Lama Martina
Nuova importante scoperta archeologica al Pulo di Molfetta Nuova importante scoperta archeologica al Pulo di Molfetta Rinvenuto un reperto risalente al IV sec a.C. durante una visita guidata
Il Pulo di Molfetta riapre alle scuole: le info utili Il Pulo di Molfetta riapre alle scuole: le info utili Dalla prossima settimana partiranno i nuovi orari per le visite
Entra nel vivo il programma di eventi nel Pulo di Molfetta. Le parole del Sindaco Entra nel vivo il programma di eventi nel Pulo di Molfetta. Le parole del Sindaco Minervini: «La città torna a riempiersi di storie, cultura e vita»
Molfetta rende omaggio a Dante Alighieri con "La selva oscura" Molfetta rende omaggio a Dante Alighieri con "La selva oscura" La rappresentazione teatrale andrà in scena nel Pulo il 3 e 4 settembre
Il Pulo torna centro culturale a Molfetta. Da oggi la rassegna "Sotto il cielo dei miti" Il Pulo torna centro culturale a Molfetta. Da oggi la rassegna "Sotto il cielo dei miti" Prima edizione della kermesse teatrale tra archeologia e contemporaneo
Ex convento dei Cappuccini a Molfetta dichiarato di interesse culturale dal Ministero della Cultura Ex convento dei Cappuccini a Molfetta dichiarato di interesse culturale dal Ministero della Cultura L'immobile, a ridosso della dolina carsica del Pulo, ha ottenuto il riconoscimento
Un concerto al Pulo di Molfetta il primo agosto con Stefano Barone Un concerto al Pulo di Molfetta il primo agosto con Stefano Barone Un misto di musica elettronica e chitarra acustica
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.