Guardia di Finanza
Guardia di Finanza
Cronaca

Procuratore Di Maio: «Incassi dello stadio San Nicola usati in maniera illecita per la Vigor Trani»

Illustrato il piano illecito gestito dal molfettese Cosmo Giancaspro e dal sindaco Amedeo Bottaro

Il Procuratore della Repubblica di Trani Antonino Di Maio ha spiegato alcune modalità (qui i dettagli emersi ieri) che avrebbero contraddistinto l'illecito portato avanti da Cosmo Giancaspro e non solo, nell'ambito dell'operazione condotta dai militari della Guardia di Finanza di Bari e che vede coinvolto anche il Sindaco di Trani Amedeo Bottaro.

Di Maio si è così espresso: «C'era una serie di appalti già predisposti per un processo di tipo economico e politico che abbiamo interrotto proprio con l'arresto di Giancaspro e con il blocco imposto all'interazione fra il suo gruppo e l'amministrazione comunale di Trani».

Dalle indagini della Guardia di Finanza di Bari, coordinate dal pm di Trani Silvia Curione, è «emersa l'esistenza di un comitato di affari illeciti, gestito dall'indagato Giancaspro, - spiegano gli investigatori - finalizzati all'ottenimento di appalti pubblici della città di Trani, mediante una strumentale e occulta sponsorizzazione della locale squadra di calcio, la Vigor Trani, realizzata con liquidità provenienti da distrazioni presso altre società riconducibili al gruppo societario di riferimento, tra cui la Football Club Bari 1908 S.p.A.».

Agli indagati sono contestati, a vario titolo, i reati di associazione per delinquere, bancarotta fraudolenta, autoriciclaggio, appropriazione indebita, riciclaggio, peculato, falso e abuso d'ufficio. I fatti contestati risalgono al periodo da settembre 2016 a luglio 2018. Il sindaco Bottaro, indagato in stato di libertà e destinatario di sequestro e perquisizione presso gli uffici comunali, avrebbe «favorito Giancaspro nell'affidamento di appalti di opere e servizi in seno al Comune di Trani, quale contropartita dell'intervento finanziario, in forma occulta, a vantaggio della Vigor Trani mediante l'utilizzo di prestanome».

Un dettaglio non di poco conto sarebbe stata la gestione degli incassi del parcheggio dello stadio San Nicola: «Gli incassi dello stadio venivano distratti in favore della società Vigor Trani Calcio, ovviamente in maniera illecita e occulta. Come primo approccio con il gruppo Giancaspro era stato messo in condizione di agire dall'amministrazione comunale di Trani, grazie a un bando ad immagine e somiglianza di un privato per garantire accordi futuri fra le parti. Il sindaco Bottaro è stato parte attiva delle relazioni con Giancaspro e con gli uomini a lui vicini, in particolare con Amato e Altieri».

Insomma, nell'ambito dell'operazione "Chiavi della città", si sarebbe così instaurato un contatto economico tra le società Vigor Trani e Football Club Bari 1908, occultamente gestite dallo stesso imprenditore molfettese Cosmo Giancaspro e dal suo gruppo, già sotto misure cautelari.
  • Cosmo Antonio Giancaspro
Altri contenuti a tema
La difesa di Giancaspro: «Spiegheremo che non si tratta di illeciti» La difesa di Giancaspro: «Spiegheremo che non si tratta di illeciti» Per l'imprenditore di Molfetta, difeso dall'avvocato Vito Mormando, lunedì interrogatorio nel carcere di Trani
Guardia di Finanza: «Comitato di affari illeciti gestito dall'indagato Cosmo Giancaspro» Guardia di Finanza: «Comitato di affari illeciti gestito dall'indagato Cosmo Giancaspro» Coinvolto anche Michele Amato, dirigente di banca originario di Molfetta
Cosmo Giancaspro in manette: diverse le ipotesi di reato imputate all'imprenditore di Molfetta Cosmo Giancaspro in manette: diverse le ipotesi di reato imputate all'imprenditore di Molfetta L'indagine coordinata dalla Procura di Trani, l'arresto eseguito dalla Guardia di Finanza. Altre 4 persone agli arresti domiciliari
Cosmo Giancaspro senza calcio: no all'iscrizione della FC Bari 1908 in Terza Categoria Cosmo Giancaspro senza calcio: no all'iscrizione della FC Bari 1908 in Terza Categoria Persistono i debiti. Il no del Consigiglio direttivo del Comitato regionale Puglia Lega Nazionale Dilettanti
Crac Finpower, Cosmo Giancaspro resta ai domiciliari Crac Finpower, Cosmo Giancaspro resta ai domiciliari Il Tribunale del Riesame di Bari dinanzi al quale si è celebrata una lunga udienza in cui Giancaspro, ha rigettato l’istanza
Il Riesame dice no: Giancaspro resta ai domiciliari Il Riesame dice no: Giancaspro resta ai domiciliari L'imprenditore di Molfetta era stato arrestato il 26 settembre, al termine dell'inchiesta sul fallimento della società Finpower
Il Tar dice no a Giancaspro: San Nicola alla famiglia de Laurentiis Il Tar dice no a Giancaspro: San Nicola alla famiglia de Laurentiis Per la giustizia amministrativa: «Difetto di legittimazione e di interesse»
Il 4 ottobre interrogatorio di garanzia per Cosmo Giancaspro Il 4 ottobre interrogatorio di garanzia per Cosmo Giancaspro L'imprenditore di Molfetta è stato arrestato per bancarotta fraudolenta
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.