Via Poli
Via Poli

Pipì di cani all'aperto: la Gepa chiede l'intervento del Comune di Molfetta

La richiesta dell'associazione: «Ripulire al più presto via Poli, con l’arrivo dell’estate la situazione è diventata intollerabile»

C'è una cosa che unisce via Poli. La puzza. Sì, via Poli puzza. Sempre di più, giorno dopo giorno. «E con l'arrivo dell'estate la situazione è diventata intollerabile», a sentire le Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale.

La segnalazione, effettuata da Stefano Manzoni, responsabile operativo dell'associazione, è stata già inviata all'Azienda Servizi Municipalizzati ed al Comune di Molfetta, ma al momento nulla si è mosso. Ed in effetti provate a passeggiare in via Poli: un odore nauseabondo accompagnerà ogni vostro passo. E le taniche di acqua e varechina dei residenti servono ad impedire che il fetore possa espandersi oltre il respirabile.

«Abbiamo perlustrato l'area con lo sguardo abbassato, nel tentativo, di non fare brutti incontri. Sul tema ci battiamo, richiamando un maggior controllo da parte delle forze dell'ordine e delle istituzioni perché la zona è frequentata anche da bambini», dicono dalla Gepa. Insomma, in via Poli c'è un problema igienico. Che sarebbe evitabile con una semplice dose minima di educazione. Che a quanto pare manca in tanti molfettesi, proprietari di quattro zampe.

Dall'associazione di Giuseppe Battista arriva dunque un richiamo alle autorità locali affinché siano messe in atto misure utili a stroncare il fenomeno. Forse, però, ci vorrebbe un documento che attesti la capacità di comprensione verso un minimo senso civico. Sì, quello che oggi sembra davvero necessario.
  • Associazione Gepa
Altri contenuti a tema
Schiuma e acqua putrida a Torre Calderina: la denuncia della Gepa Schiuma e acqua putrida a Torre Calderina: la denuncia della Gepa Depuratori ko o scarichi abusivi? Non solo schiuma, anche una sostanza densa e maleodorante
La Gepa Molfetta dona 30 alberi al Molise La Gepa Molfetta dona 30 alberi al Molise In ricordo del sisma che colpì San Giuliano di Puglia e che provocò la morte di 28 persone
Discarica di rifiuti sulla vecchia provinciale Corato-Molfetta Discarica di rifiuti sulla vecchia provinciale Corato-Molfetta Servizio congiunto GADIT - GEPA Molfetta
«Espiantati numerosi ulivi nella zona industriale di Molfetta. Perché?» «Espiantati numerosi ulivi nella zona industriale di Molfetta. Perché?» La denuncia delle Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale e delle Guardie Ambientali d'Italia
Pezzi di auto rinvenuti a pochi metri dalla strada statale 16 bis Pezzi di auto rinvenuti a pochi metri dalla strada statale 16 bis A scoprirli, nel corso della quotidiana attività di controllo, le Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale
Plastica, eternit, anche un motocarro a tre ruote. Scoperta una nuova discarica abusiva Plastica, eternit, anche un motocarro a tre ruote. Scoperta una nuova discarica abusiva Scoperto dalle Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale un sito, in località San Pancrazio, in cui si trovano rifiuti di ogni tipo
Eternit e pneumatici: la zona Asi è una discarica a cielo aperto Eternit e pneumatici: la zona Asi è una discarica a cielo aperto L'ispezione da parte delle Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale: rinvenuti anche fusti contenenti olio lubrificante
Anche a Giovinazzo le Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale di Molfetta Anche a Giovinazzo le Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale di Molfetta Sottoscritto nel Comando di Polizia Locale un protocollo d'intesa tra Palazzo di Città e l'associazione di Giuseppe Battista
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.