Il serpente recuperato dal WWF Puglia
Il serpente recuperato dal WWF Puglia
Cronaca

Paura in casa: trovano una serpente e danno l'allarme, ma è innocuo

Si tratta di un biacco, un esemplare non velenoso. I volontari del WWF hanno catturato il rettile per poi liberarlo

Un biacco, un serpente non velenoso tipico delle regioni mediterranee, è stato recuperato dal personale del WWF Puglia in un'abitazione di Molfetta, a ridosso di lama Martina, dove ha cercato di trovare riparo. La richiesta d'aiuto, ieri pomeriggio, è arrivata da una famiglia che si è trovata il rettile in casa.

In poco tempo si sono quindi attivati i volontari molfettesi, coordinati da Pasquale Salvemini, che lo hanno recuperato. Il serpente, un biacco, dopo aver accertato che era innocuo e non pericoloso, è stato poi prontamente liberato in un luogo più idoneo alla sua sopravvivenza. La biscia - non velenosa ed importantissima per il nostro ecosistema - non è rara, è inoffensiva, si ciba in particolare di piccoli roditori e, se incontra l'uomo, tende a fuggire velocemente.

Non si trattava di una vipera, come la famiglia temeva, né tantomeno di una specie velenosa. ​«Al momento, nel territorio di Molfetta - afferma Salvemini - non si sono verificati avvistamenti e recuperi di vipere. Non ne vediamo da tanti anni e spesso, sbagliando, la gente uccide i rettili solo per paura». Per quanto possano essere poco simpatici a molti, e trovarseli in casa potrebbe creare il panico, i biacchi, dunque, sono assolutamente innocui.

Salvemini, infine, ricorda che «i rettili sono protetti. Purtroppo, negli ultimi anni, l'uomo si è impossessato di tutti gli habitat naturali e quindi diventa naturale che molti animali sconfinino nei nostri. Se li vedete chiamate sempre qualcuno che possa recuperarli, poiché è vietato ucciderli in quanto protetti dalla legge».
  • WWF Puglia
  • Serpenti Molfetta
Altri contenuti a tema
Delfino morto, l'animale incastrato tra gli scogli del lungomare Colonna Delfino morto, l'animale incastrato tra gli scogli del lungomare Colonna Il cetaceo è stato ritrovato in avanzato stato di decomposizione. Ha una corda legata alla pinna caudale
1 Potature sotto accusa nella Villa Comunale: «Mettono a rischio i nidi» Potature sotto accusa nella Villa Comunale: «Mettono a rischio i nidi» Il WWF e i Carabinieri Forestali hanno fermato il taglio degli alberi. La rabbia di Salvemini
Salvemini getta acqua sul fuoco: «Nessuna emergenza cinghiali» Salvemini getta acqua sul fuoco: «Nessuna emergenza cinghiali» Per l'attivista regionale del WWF «la situazione è sotto controllo. È la caccia a provocarne lo sconfinamento»
Tartarughe rinvenute decapitate, ci sono già dei sospettati? Tartarughe rinvenute decapitate, ci sono già dei sospettati? L'indiscrezione è lanciata dalla versione online del quotidiano "La Stampa"
Tartaruga d'acqua dolce in mare: salvata dai volontari del WWF Tartaruga d'acqua dolce in mare: salvata dai volontari del WWF L’animale, che non è adatto a vivere in acque salate, è stato rinvenuto a Bari. Purtroppo, ha perso la vista
1 Gli rubano i suoi strumenti, l’appello di Salvemini: «Aiutatemi» Gli rubano i suoi strumenti, l’appello di Salvemini: «Aiutatemi» Il colpo ieri. Un ladro si è introdotto nel suo Citroen Jumpy arraffando bisturi, metal-detectors ed una pinza
Uno smartphone per il progetto tartarughe del WWF Uno smartphone per il progetto tartarughe del WWF L’iniziativa nasce grazie al progetto Life Euroturtles. Consegnati i primi smartphone ai pescatori di Bisceglie e Trani
Tartaruga avvolta nel nylon salvata dal centro di Molfetta Tartaruga avvolta nel nylon salvata dal centro di Molfetta L'episodio è avvenuto a Giovinazzo. Per Salvemini «questo è l'ennesimo scempio causato dall'uomo»
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.