La truffa dei finti Rolex
La truffa dei finti Rolex
Cronaca

Ostuni, traffico di finti Rolex. A rivenderli era un 40enne di Molfetta

Chiusa l’indagine su "Lo Scrigno": il molfettese, con un reddito di 600 euro, ha versato in banca 108mila euro

Elezioni Regionali 2020
Sono almeno 50 i Rolex falsi venduti da Giuseppe Pannofino, proprietario di "Lo Scrigno" di Ostuni, una insegna notissima tra gli appassionati di orologi di lusso, poi finiti al polso di clienti ignari, ma anche nelle vetrine di negozi importanti in tutta la Puglia.

La Procura della Repubblica di Brindisi ha chiuso l'indagine che nell'aprile 2018 portò in manette 6 persone tra cui il tarantino Egidio Stevens Saracino (finito in carcere) e Giuseppe Pannofino, proprietario di "Lo Scrigno". Ora gli indagati sono 9 - nell'inchiesta compare anche il nome di un 40enne di Molfetta, ufficialmente operaio edile con un reddito dichiarato di 600 euro - e rispondono tutti, a vario titolo di riciclaggio, autoriciclaggio e ricettazione.

L'ultima ipotesi - secondo quanto riporta La Gazzetta del Mezzogiorno - riguarda un altro gioielliere, titolare del negozio di orologi usati dell'aeroporto di Bari. Secondo l'accusa lui avrebbe consapevolmente comprato due Rolex falsi da Pannofino. L'indagine, partita a seguito di una verifica fiscale a "Lo Scrigno", punta a dimostrare che i Rolex venduti da Pannofino erano in realtà assemblati con pezzi in parte falsi, costruiti a Napoli, ma venduti sempre come veri.

Circa 50 le vendite nel mirino, che sono state ricostruite o attraverso i documenti fiscali, o con i racconti degli interessati o anche da quanto emerso attraverso le intercettazioni telefoniche. Secondo l'accusa era Saracino a far costruire gli orologi a Napoli - assemblati con pezzi in parte originali e in parte falsi e a un occhio poco esperto il trucco poteva sfuggire - facendoli poi consegnare (visto che lui era ai domiciliari) da alcuni corrieri a Pannofino.

A rivenderli era anche un 40enne di Molfetta, ufficialmente operaio edile con un reddito dichiarato di 600 euro che in un anno ha versato in banca 108mila euro in contanti girandone 103mila a Pannofino. Il gioielliere di Ostuni è tornato in libertà la scorsa estate, con un provvedimento del giudice per le indagini preliminari poi impugnato dalla Procura della Repubblica di Brindisi e annullato a settembre, ora in Corte di Cassazione.

Resta in sospeso l'accusa di truffa perché per contestarla servono le querele degli acquirenti, ma in pochi hanno denunciato Pannofino e gli altri gioiellieri che nel corso degli anni si sono approvvigionati da lui, mentre tanti altri Rolex sono finiti chissà dove, alcune volte venduti probabilmente a turisti.
  • guardia di finanza
Altri contenuti a tema
Operazione anti-riciclaggio: perquisizioni a tappeto nelle sale Vlt Operazione anti-riciclaggio: perquisizioni a tappeto nelle sale Vlt 53 tra persone e imprese perquisite: alcune sale sarebbero state utilizzate per compiere varie attività illecite
Giornali e libri pirata, salgono a 114 i canali bloccati su Telegram Giornali e libri pirata, salgono a 114 i canali bloccati su Telegram A fine aprile lo stop a 20 canali, poi disattivati dalla piattaforma di messaggistica. Ora il nuovo sequestro
La Guardia di Finanza dona alcool sequestrato: diventerà disinfettante La Guardia di Finanza dona alcool sequestrato: diventerà disinfettante Si tratta di un partita da 4.700 litri che sarà utilizzata per produrre gel per le mani come misura anti-contagio
Giornali e riviste diffuse su Telegram, interviene la Guardia di Finanza Giornali e riviste diffuse su Telegram, interviene la Guardia di Finanza Duro colpo alla pirateria digitale: migliaia di giornali sarebbero stati illecitamente diffusi attraverso almeno 17 canali
Coronavirus, sequestrate mascherine: finanzieri di Molfetta in trasferta a Terlizzi Coronavirus, sequestrate mascherine: finanzieri di Molfetta in trasferta a Terlizzi Operazione della Tenenza in una farmacia: l'attività rischia ora una sanzione amministrativa fino a 25mila euro
Guardia di Finanza, cambio al vertice: il generale Mattana subentra a Refolo Guardia di Finanza, cambio al vertice: il generale Mattana subentra a Refolo Ieri la cerimonia di avvicendamento nella carica di comandante della Puglia
Cambio al vertice della Guardia di Finanza: arriva il generale Refolo Cambio al vertice della Guardia di Finanza: arriva il generale Refolo Augelli lascia il comando regionale: andrà in Lazio a dirigere la Scuola di Polizia Economico Finanziaria
Spesa pubblica, prorogato l'accordo fra la Regione Puglia e la Guardia di Finanza Spesa pubblica, prorogato l'accordo fra la Regione Puglia e la Guardia di Finanza La convenzione riguarda il controllo del corretto utilizzo della spesa in materia di politica comune dell’agricoltura e della pesca
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.