Pasquale Salvemini
Pasquale Salvemini
Cronaca

Nasce Adrionet, una svolta epocale per la tutela delle tartarughe

Condividerà dati e procedure operative. Ne farà parte anche il centro di recupero di Molfetta

Questa volta la "rete" non rappresenterà una minaccia, ma al contrario una speranza per le tartarughe marine che frequentano l'Adriatico e lo Ionio per nutrirsi e per deporre le uova.

Dopo una gestazione di quasi 8 mesi (complice anche il Covid-19) ha visto infatti la luce in questi giorni la Rete Adriatico-Ionica di coordinamento tra i centri di recupero tartarughe marine, in sigla Adrionet CRTM. Le premesse erano state poste nel dicembre dello scorso anno, a Città Sant'Angelo, in provincia di Pescara, in un convegno nazionale nel quale era emersa la necessità di collaborare per ottimizzare i risultati.

La formula scelta è quella del protocollo di intesa, firmato da 6 CRTM che operano nei mari Adriatico e Ionio: "Luigi Cagnolaro" Pescara, Museo di Storia Naturale del Salento Calimera, Rimini/Riccione, Oasi WWF Policoro, Area Marina Protetta di Torre Guaceto e WWF Molfetta. Naturalmente saranno possibili, e sono anzi auspicate, ulteriori adesioni.

Della rete fanno parte anche professionisti che, pur non strutturati in forma di CRTM, sono coinvolti, sul piano scientifico e operativo, nelle tematiche connesse al recupero delle tartarughe. Attualmente queste figure rappresentano la Societas Herpetologica Italica, il CNR-IRBIM di Ancona, l'Istituto Zooprofilattico di Teramo e le Università di Bari, Pisa e Foggia.

Gli obiettivi sono ambiziosi: coordinamento e standardizzazione delle modalità e dei protocolli di intervento, condivisione delle esperienze gestionali, regole comuni nella raccolta dei dati con la finalità di realizzare studi a più ampio raggio e di maggiore rilievo scientifico, accrescimento della capacità di influenza nei confronti dei decision makers e, analogamente, realizzazione di campagne di informazione rivolte ai cittadini per favorire programmi e iniziative finalizzati alla salvaguardia delle tartarughe e più in generale della biodiversità e delle buone condizioni dei mari Adriatico e Ionio in tutte le loro componenti.

La Rete sarà gestita da un Comitato tecnico (un rappresentante per ogni aderente), da un segretariato e da un coordinatore-portavoce. Tutti gli incarichi avranno durata annuale e saranno svolti a rotazione dagli aderenti.

Che cosa cambia in concreto è presto detto: in passato ciascun centro operava per proprio conto o al più in collaborazione con quelli confinanti con metodologie, di azione e di raccolta dati, difficilmente comparabili, anche se tutte ispirate alle "Linee Guida per il recupero, soccorso, affidamento e gestione delle tartarughe marine ai fini della riabilitazione e per la manipolazione e rilascio a scopi scientifici" varate da Ispra nel 2013.

La Rete consentirà di ottimizzare i risultati attraverso scambio di informazioni, di buone pratiche e collaborazione in mare e nei centri. Una svolta epocale: non più competizione ma condivisione nella consapevolezza che insieme si riuscirà a ottenere migliori risultati nell'interesse delle tartarughe e del mare.
  • Centro recupero tartarughe
  • Centro recupero tartarughe marine Molfetta
Altri contenuti a tema
100 euro ai pescatori che salvano le tartarughe, i centri di recupero scrivono al Ministero 100 euro ai pescatori che salvano le tartarughe, i centri di recupero scrivono al Ministero «Un gravissimo errore pagare per il recupero delle tartarughe marine». Si vanificano decenni di buone pratiche
Salvata la tartaruga spiaggiata dopo la mareggiata. Ora è a Molfetta Salvata la tartaruga spiaggiata dopo la mareggiata. Ora è a Molfetta Pesa 156 grammi. Trovata sul litorale di Torre a Mare, è ora nel centro di recupero tartarughe marine del WWF
Tartarughe rinvenute decapitate sulla spiaggia. Insorge Salvemini Tartarughe rinvenute decapitate sulla spiaggia. Insorge Salvemini Almeno cinque i casi. Il responsabile del WWF: «Questa è una strage». La Regione: «Puglia parte lesa»
Tartaruga d'acqua dolce in mare: salvata dai volontari del WWF Tartaruga d'acqua dolce in mare: salvata dai volontari del WWF L’animale, che non è adatto a vivere in acque salate, è stato rinvenuto a Bari. Purtroppo, ha perso la vista
Un'altra tartaruga morta a Molfetta, trovata in spiaggia alla Prima Cala Un'altra tartaruga morta a Molfetta, trovata in spiaggia alla Prima Cala Continuano i ritrovamenti lungo la costa. In soli 3 giorni sono stati rinvenute 15 carcasse
Oltre 100 mila euro per il centro recupero tartarughe marine di Molfetta Oltre 100 mila euro per il centro recupero tartarughe marine di Molfetta Serviranno a rendere funzionale l'ex casa del custode al "Vespucci"
Tartaruga d'acqua dolce gettata in mare: salvata dal WWF Puglia Tartaruga d'acqua dolce gettata in mare: salvata dal WWF Puglia L'animale, che non è adatto a vivere in acque salate, vagava in preda al panico
La tartaruga Petrolina liberata in mare dopo le cure La tartaruga Petrolina liberata in mare dopo le cure L'esemplare di caretta caretta è tornato in libertà dopo essere stato curato a Molfetta
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.