Una tartaruga
Una tartaruga
Territorio e Ambiente

"MySea": alla fase negoziale il progetto di tutela della caretta caretta

Il progetto del Comune di Manfredonia si è piazzato al quinto posto. Concreta la possibilità di ottenere un finanziamento di quasi 700mila euro

Il Comune di Manfredonia ha partecipato, come ente capofila, all'avviso pubblico del POR Puglia 2014/2020 – Asse VI – "Tutela dell'ambiente e promozione delle risorse naturali e culturali" – Azione 6.5.1 "Interventi per la tutela e la valorizzazione della biodiversità terrestre e marina", piazzandosi al quinto posto, utile per essere ammessi alla fase negoziale. E ciò significa la possibilità concreta di ottenere un finanziamento di importo pari a 698.056,91 euro.

Il progetto "MySea – Osservatorio sui mari di Puglia per la tutela della caretta caretta", questo il nome, ha visto costituirsi una partnership tra i Comuni di Manfredonia, Zapponeta, Molfetta, Lecce e il Consorzio di gestione dell'Area marina protetta di Torre Guaceto. In tali territori e ambiti di competenza gestionale insistono ed operano Centri di Recupero e soccorso di Tartarughe Marine (CRTM) il cui raggio d'azione si estende anche ai territori di pertinenza dei Comuni limitrofi, coprendo di fatto tutto il territorio regionale.

I CRTM in oggetto sono:
• CRTM Manfredonia, sito presso l'Oasi Lago Salso, gestito da Legambiente onlus ed operativo nei territori delle province di Campobasso (Compamare Termoli), Foggia (Compamare Manfredonia) e Barletta – Andria - Trani (Compamare Barletta);
• CRTM Molfetta, sito nel Comune di Molfetta ed operativo nei territori delle province di Barletta – Andria - Trani (Compamare Barletta), Bari (Direzione Marittima Bari), Brindisi (Compamare Brindisi);
• CRTM Torre Guaceto, sito nel comune di Carovigno ed operativo nelle province di Taranto (Compamare Taranto) e Brindisi (Compamare Brindisi);
• CRTM Boschi e Paludi di Rauccio, operativo nella provincia di Lecce (Compamare Gallipoli).

La creazione di un modello di coordinamento dei succitati centri di recupero potrà permettere di raccogliere, gestire e divulgare l'informazione e la conoscenza necessarie alle azioni di conservazione (aspetti del ciclo di vita della specie: nidificazione, aree di crescita e di alimentazione, spiaggiamenti di esemplari vivi e morti, interazioni con attività umane quali la pesca, il turismo e la navigazione).

Le azioni previste per sviluppare la rete dei centri pugliesi sono:
Potenziamento della rete dei Centri, per incrementare gli strumenti di tutela della tartaruga caretta caretta e migliorare l'efficacia dell'azione di recupero anche con una ottimizzazione delle risorse utilizzate;
Creazione di un Osservatorio permanente per la conservazione della specie, che si avvalga di un geodatabase accessibile a istituzioni, ricercatori, mondo della scuola e cittadini per la raccolta, la gestione informatica e la diffusione dei dati bibliografici e di rilevamento sul campo, relativi al ciclo di vita della specie.
  • Tartarughe Molfetta
  • "MySea" Molfetta
Altri contenuti a tema
Amo e lenza killer. Tartaruga marina morta nel porto di Molfetta Amo e lenza killer. Tartaruga marina morta nel porto di Molfetta Visibilmente debilitata, la caretta caretta aveva ancora una lunga lenza in gola e un amo all'interno
Tartaruga morta e decomposta: trovata a Torre Gavetone Tartaruga morta e decomposta: trovata a Torre Gavetone L'esemplare era morto da tempo e presentava i classici sintomi legati alla patologia di gas embolico
Ennesima tartaruga spiaggiata, è strage di esemplari lungo la costa Ennesima tartaruga spiaggiata, è strage di esemplari lungo la costa 6 esemplari di caretta caretta sono stati rinvenuti negli ultimi 2 giorni fra Trani e Giovinazzo
Un'altra tartaruga marina trovata in spiaggia senza vita Un'altra tartaruga marina trovata in spiaggia senza vita La carcassa dell'animale, lungo 80 centimetri, è stato ritrovato nei pressi del Mikki Beach
GenerAzioneMare: Natalina, la tartaruga caretta caretta torna in libertà GenerAzioneMare: Natalina, la tartaruga caretta caretta torna in libertà Era stata recuperata a Barletta e curata presso il centro di Molfetta. Domani sarà liberata al largo di Bisceglie
Ancora una tartaruga spiaggiata sul litorale di Molfetta Ancora una tartaruga spiaggiata sul litorale di Molfetta La testuggine, in avanzato stato di decomposizione, è stata ritrovata nei pressi del lido Bahia
Ancora tartarughe spiaggiate sul litorale di Molfetta Ancora tartarughe spiaggiate sul litorale di Molfetta Due gli esemplari rinvenuti nei giorni scorsi: entrambi erano in avanzato stato di decomposizione
100 euro ai pescatori che salvano le tartarughe, i centri di recupero scrivono al Ministero 100 euro ai pescatori che salvano le tartarughe, i centri di recupero scrivono al Ministero «Un gravissimo errore pagare per il recupero delle tartarughe marine». Si vanificano decenni di buone pratiche
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.