moby prince
moby prince

Le Iene: «Una terza imbarcazione coinvolta nella tragedia del Moby Prince?»

Gaetano Pecoraro approfondisce, in un servizio, quanto scritto nella relazione della Commissione del Senato sul disastro

La relazione depositata il 24 gennaio dalla commissione d'inchiesta del Senato sulla tragedia del Moby Prince ha scosso l'opinione pubblica e non smette di far discutere.

A riprenderla, con un approfondimento andato in onda su Italia Uno, è Gaetano Pecoraro de "Le Iene".
Un servizio lungo, dettagliato e allo stesso tempo crudo con le immagini dei corpi carbonizzati di coloro che si trovavano a bordo del traghetto su cui morirono 140 persone tra cui quattro molfettesi: i motoristi Giovanni Abbattista (46 anni) e Natale Amato (53 anni), il personale di cucina Giuseppe de Gennaro (29 anni) e Nicola Salvemini (36 anni). Unico superstite un marinaio che si era buttato in mare.

Pecoraro riprende una pista fino ad ora poco considerata: la notte del 10 aprile 1991 nelle acque del porto di Livorno c'era una terza imbarcazione oltre al Moby Prince e all'Agip Abruzzo?

Nel servizio Gaetano Pecoraro parte dal far ascoltare una comunicazione tra il comandante della petroliera e i soccorritori.
«Capitaneria c'è la nafta incendiata in mare. Una nave ci è venuta addosso, la nafta è andata a mare e ha preso fuoco», è l'allarme del comandante dell'Agip Abruzzo.
Cosa ci faceva lì quella nafta?
L'inviato de "Le Iene" spiega come essa non poteva essere quella usata dalle due navi (Agip Abruzzo e Moby Prince) «perchè la collisione non toccò minimamente i serbatoi delle due navi» e punta dritto il dito sulla sala pompe dell'Agip Abruzzo.
Cosa c'entrerebbe? Semplice: la sala pompe serve per caricare o scaricare «dalla nave nafta, petrolio, acqua o qualsiasi altro liquido» e, la notte del 10 aprile 1991, andò in fiamme (come da comunicazione) pur essendo sul castello, a metri di distanza dalla cisterna che colpì il Moby Prince nell'impatto.
Perchè? Perchè era accesa, stava pompando nafta e lì c'era una terza nave, «quindi è per questo e non per la nebbia che il traghetto non è riuscito ad evitare la petroliera», afferma l'inviato della trasmissione.

Questa tesi troverebbe corrispondenza con quanto scritto dalla Commissione d'inchiesta che parla di «un ostacolo che abbia portato il comando del traghetto ad una manovra repentina per evitare l'impatto, conducendo tragicamente il Moby Prince a collidere con la petroliera».
  • moby prince
Altri contenuti a tema
Moby Prince, dalle immagini satellitari la svolta? Moby Prince, dalle immagini satellitari la svolta? La notizia lanciata da "Il Corriere della Sera"
Con drappo rosso Molfetta ricorda la tragedia del “Moby Prince” Con drappo rosso Molfetta ricorda la tragedia del “Moby Prince” Emanuele Abbattista, il figlio di una delle quattro vittime molfettesi, fa il punto della situazione giudiziaria
Tragedia della Moby Prince, oggi la commemorazione dei caduti a Livorno Tragedia della Moby Prince, oggi la commemorazione dei caduti a Livorno Quattro molfettesi persero la vita. Il sindaco Salvetti: «Una ferita aperta che merita giustizia»
Tragedia della Moby Prince, domani Molfetta ricorderà il 29° anniversario Tragedia della Moby Prince, domani Molfetta ricorderà il 29° anniversario Nel drammatico rogo del 10 aprile 1991 persero la vita quattro nostri concittadini
1 Riconsegnati alle famiglie gli oggetti dei morti sulla Moby Prince. Molfetta perse quattro marittimi Riconsegnati alle famiglie gli oggetti dei morti sulla Moby Prince. Molfetta perse quattro marittimi Fotografie, occhiali, targhe, chiavi, biglietti consegnati dalla Polmare di Livorno
Moby Prince, Livorno ricorda le vittime a 27 anni dalla tragedia Moby Prince, Livorno ricorda le vittime a 27 anni dalla tragedia Il Comune di Molfetta rappresentato da Paola Natalicchio, Dario de Robertis e Sergio de Candia
Tragedia Moby Prince: adesso il processo sarà revisionato? Tragedia Moby Prince: adesso il processo sarà revisionato? Angelo Chessa, figlio del comandante del traghetto: «Vergogna per la giustizia italiana»
3 Moby Prince: la tragedia non fu causata dalla nebbia. E alcuni passeggeri potevano essere salvati Moby Prince: la tragedia non fu causata dalla nebbia. E alcuni passeggeri potevano essere salvati Ieri presentata la relazione della commissione d'inchiesta del Senato
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.