I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Minacce e colpi di pistola per un debito di droga, in carcere un 26enne

Michele Lomuscio è stato arrestato ieri all'alba dai Carabinieri: è considerato dagli inquirenti il pistolero di via Bixio

Detenzione e porto abusivo di armi, di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, minacce e danneggiamento. Sono i reati contestati a Michele Lomuscio, 26enne di Molfetta, tratto in arresto ieri dai Carabinieri della locale Compagnia su ordine del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani, Lucia Anna Altamura.

L'uomo, già noto agli investigatori, è ritenuto autore di un episodio verificatosi nei giorni scorsi in via Bixio, quando un 35enne del posto sarebbe stato minacciato dal 26enne armato di una pistola calibro 380 e relative munizioni («Mo è che te li meno quattro proiettili alle gambe»), prima di vedere crivellata la porta della sua casa da due proiettili calibro 9. Il movente? Secondo quanto ipotizzato al momento, un presunto dedito di droga. I fatti in questione risalgono al 20 luglio scorso.

Quella sera, alle ore 22.30, il 35enne, mentre si trovava davanti alla porta di ingresso della propria abitazione, sarebbe stato avvicinato dal 26enne, alias «Mirco», il quale, «con tono molto adirato - ha rivelato il giovane agli inquirenti, coordinati dal pubblico ministero della Procura della Repubblica di Trani, Francesco Tosto - chiedeva di parlarmi». Dopo il netto rifiuto di lui, sarebbero partite le minacce, concluse con un pugno in volto. Un affronto da lavare via dando una bella lezione.

«Mirco, per tutta risposta - ha proseguito il 35enne -, riferiva di attenderlo lì dov'ero e lo vedevo allontanarsi in direzione di casa sua», sempre in via Bixio. L'uomo, dopo essere rincasato, ha sentito nuovamente la voce del 26enne («Trimone, esci fuori»), prima di subire un raid intimidatorio contro la propria casa: l'esplosione di alcuni proiettili, «forse tre o quattro», alcuni dei quali sparati «ad altezza d'uomo» contro la porta della sua abitazione. Un fatto prontamente segnalato al 112.

I militari del capitano Francesco Iodice hanno individuato il presunto autore: minacce e l'esplosione di alcuni colpi di pistola per "convincerlo" a sganciare soldi che, stando alle indagini, il 35enne avrebbe dovuto per vicende legate agli stupefacenti: «Tale gesto - ha spiegato agli investigatori - è da ricercare in un debito di 40 euro che io ho nei suoi confronti» risalente a un mese fa, quando comprò - pur non pagandolo «perché non avevo tale somma» - un pezzo sfuso di marijuana.

Il 26enne, che «se lasciato in libertà» potrebbe «commettere altre azioni delittuose» dopo quanto avvenuto, quando «non ha esitato ad esplodere i colpi di pistola nonostante in casa fossero presenti i figli» del 35enne, di 4 e 5 anni, è stato arrestato: difeso dall'avvocato Michele Salvemini, è stato portato nel carcere di Trani.
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Arresti Carabinieri
  • Michele Lomuscio
Altri contenuti a tema
Sequestro a scopo di estorsione: minacciati per 40 euro. Preso un 33enne Sequestro a scopo di estorsione: minacciati per 40 euro. Preso un 33enne L'uomo è finito in carcere: avrebbe chiesto soldi a tre ragazzi «imponendo» ad uno di loro di «rimanere insieme a lui»
Rubano un'auto e la trainano: intercettata dai Carabinieri, finisce sul guard rail Rubano un'auto e la trainano: intercettata dai Carabinieri, finisce sul guard rail Nottata movimentata sul cavalcavia di Cola Olidda, dove si è conclusa la folle corsa di una Volkswagen Golf rubata a Molfetta
Maltrattamenti in casa, braccialetto elettronico al marito violento Maltrattamenti in casa, braccialetto elettronico al marito violento Il provvedimento d'urgenza del Tribunale di Bari applicato dopo la denuncia della donna. Applicata la misura cautelare
Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere L'uomo, residente a Molfetta e accusato del reato di maltrattamenti in famiglia, è stato arrestato dai Carabinieri
Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari La donna, arrestata lo scorso 6 marzo, su istanza del proprio legale, ha ottenuto l'alleggerimento della misura cautelare
Perquisizione in casa, spunta la cocaina. Arrestate due donne di Molfetta Perquisizione in casa, spunta la cocaina. Arrestate due donne di Molfetta In manette una 48enne e una 41enne, entrambe già note: sequestrati dai Carabinieri anche 2 grammi di hashish e 745 euro
Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Nel mirino Giuseppe Manganelli: l'attività avviata dopo alcuni controlli stradali. L'avvocato Poli: «A breve le nostre precisazioni»
Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni Operazione dei Carabinieri: tra i beni confiscati 15 fabbricati, tra i quali la villa, con vista mare, dove vive il 55enne
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.