Alessandro Negrini Fabio Pisani credits Brambilla Serrani
Alessandro Negrini Fabio Pisani credits Brambilla Serrani

Lo chef molfettese Fabio Pisani protagonista ad Identità Golose

Autore di una cena stellata

La Forza della libertà è il tema di Identità Golose 2016 in corso a Milano. Si è voluta aprire una riflessione a 360° sul valore della libera creatività e della libera convivialità, messe così a dura prova dalle tensioni che attraversano il mondo. Regolare i consumi, non vuole dire non sedersi più a tavola, ma anzi intensificare gli scambi culturali e tecnici che avvengono nelle cucine e nelle sale ristorante di tutto il mondo. Questa la filosofia dell' importante appuntamento lombardo.

Identità Milano accoglie sul palco i più grandi professionisti della cucina e della pasticceria, tra i quali molti sono gli italiani: da Carlo Cracco a Massimo Bottura, da Massimiliano Alajmo a Davide Scabin, Nadia Santini e Heinz Beck. Fra di loro anche il molfettese Fabio Pisani, sempre più quotato e protagonista di eventi importanti.
Cuochi che, come Pisani, sanno dare un'impronta originale al proprio lavoro, nel campo della tradizione e lungo i sentieri della creatività.
Fabio Pisani, con l'inseparabile alter ego Alessandro Negrini, entrambi chef de "Il Luogo di Aimo e Nadia", ha trattato il tema : "Libertà di pasta: sperimentiamo la stra-cottura" per la sezione "Identità di pasta".

"Con questa sperimentazione – racconta Pisani - abbiamo preso un pezzo di storia della gastronomia italiana, il piatto di pasta, che ha regole precise, e abbiamo provato ad infrangerle per vedere cosa accade, per raccontare qualcosa di altro, che va oltre la sua storia, senza necessariamente trasformarlo in un piatto.
È una cottura portata all'estremo, per ben oltre 50 minuti, una sperimentazione all'italiana per esplorare nuove sensazioni, per vedere se e come la pasta cambia di forma e consistenza, come si modifica in base alla qualità delle semole usate. E così la pasta diventa altro, un sostrato, un'occasione per innovare mantenendo salde le nostre radici.
Il piatto presentato a Identità di Pasta è stato "Stra-cotto: Coda di bue grasso di Carrù stracotto con Barolo Chinato e pacchero in stra-cottura".

Inoltre lo chef stellato molfettese ha organizzato con il collega una cena a quattro mani con un altro protagonista della cucina: Gennaro Esposito, volto molto noto ed anima di un noto ristorante a Vico Equense (NA). Verranno portate in tavola molte eccellenze pugliesi, come di solito fa' lo chef Pisani nei suoi eventi in cui valorizza sempre la sua terra d'origine.
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • fabio pisani
Altri contenuti a tema
Lo chef molfettese Fabio Pisani ospite del più importante congresso gastronomico spagnolo Lo chef molfettese Fabio Pisani ospite del più importante congresso gastronomico spagnolo Il protagonista di questa edizione è stato il riso
Lo chef molfettese Fabio Pisani protagonista a Milano Lo chef molfettese Fabio Pisani protagonista a Milano Interverrà in un convegno dedicato alla cucina d'autore
Fabio Pisani diventa supervisore di un bistrot milanese Fabio Pisani diventa supervisore di un bistrot milanese Ma continuerà la sua esperienza nel ristorante Il Luogo di Aimo e Nadia
Uno chef molfettese protagonista a “Murgiamo” Uno chef molfettese protagonista a “Murgiamo” Fabio Pisani, già chef di un famoso ristorante stellato di Milano, tra gli ospiti della kermesse
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.