La tartaruga Petrolina liberata in mare dopo le cure
La tartaruga Petrolina liberata in mare dopo le cure
Cronaca

La tartaruga Petrolina liberata in mare dopo le cure

L'esemplare di caretta caretta è tornato in libertà dopo essere stato curato a Molfetta

Al Circolo della Vela di Bisceglie, ieri pomeriggio, è arrivata un'ospite speciale. È una giovane tartaruga della specie caretta caretta, l'hanno chiamata Petrolina, ed è tornata in mare Adriatico dopo una disavventura.

«Petrolina è stata recuperata in difficoltà, oltre 5 mesi fa, da alcuni diportisti a Giovinazzo - ha spiegato Pasquale Salvemini ai microfoni del TG3 Puglia - mentre una delle sue due pinne posteriori erano avvolte in un sacco di nylon». I volontari del WWF Puglia accertarono sin da subito la mancanza di una pinna posteriore ed una lesione importante alla seconda pinna posteriore causata da una busta in nylon.

Una delle due pinne è stata, purtroppo, amputata a causa dei fili di nylon che componevano il sacco dopo essere stata curata dai veterinari del Dipartimento di Medicina Veterinaria di Bari che collaborano con la rete di volontari del WWF Puglia: «Tra noi e l'Università degli Studi di Bari - ha spiegato Salvemini - è attivo un protocollo d'intesa, sottoscritto all'inizio del 2018, che riguarda l'attività di ricerca scientifica, cura e promozione delle tartarughe marine».

Petrolina, infatti, è stata curata a Molfetta, presso il centro di recupero tartarughe marine, dove si cerca di curare gli esemplari marini incappati negli strumenti da pesca, nelle reti abbandonate alla deriva, negli ami di palangari o, peggio ancora, che abbiano ingoiato pezzi e buste di plastica di cui, purtroppo, il mare è ormai pieno. Le tartarughe marine, infatti, le scambiano per meduse. Una vera piaga che uccide molte tartarughe ogni anno.

«Queste plastiche - ha spiegato il medico Antonio Di Bello - vanno ad occludere il canale digerente e portano alla morte. Inoltre plastiche, fili e corde possono purtroppo determinare l'intrappolamento del collo e delle pinne sino a provocare il decesso dell'animale». La piccola Petrolina senza una pinna, ieri, ha ripreso a nuotare ed ora è finalmente libera.

«Una tartaruga piccola, ma particolarmente forte - è il commento conclusivo di Salvemini - che in pochi mesi è riuscita a recuperare l'utilizzo dell'unica pinna posteriore a disposizione».
  • Centro recupero tartarughe marine Molfetta
Altri contenuti a tema
Salvata la tartaruga spiaggiata dopo la mareggiata. Ora è a Molfetta Salvata la tartaruga spiaggiata dopo la mareggiata. Ora è a Molfetta Pesa 156 grammi. Trovata sul litorale di Torre a Mare, è ora nel centro di recupero tartarughe marine del WWF
Tartarughe rinvenute decapitate sulla spiaggia. Insorge Salvemini Tartarughe rinvenute decapitate sulla spiaggia. Insorge Salvemini Almeno cinque i casi. Il responsabile del WWF: «Questa è una strage». La Regione: «Puglia parte lesa»
Tartaruga d'acqua dolce in mare: salvata dai volontari del WWF Tartaruga d'acqua dolce in mare: salvata dai volontari del WWF L’animale, che non è adatto a vivere in acque salate, è stato rinvenuto a Bari. Purtroppo, ha perso la vista
Un'altra tartaruga morta a Molfetta, trovata in spiaggia alla Prima Cala Un'altra tartaruga morta a Molfetta, trovata in spiaggia alla Prima Cala Continuano i ritrovamenti lungo la costa. In soli 3 giorni sono stati rinvenute 15 carcasse
Oltre 100 mila euro per il centro recupero tartarughe marine di Molfetta Oltre 100 mila euro per il centro recupero tartarughe marine di Molfetta Serviranno a rendere funzionale l'ex casa del custode al "Vespucci"
Tartaruga d'acqua dolce gettata in mare: salvata dal WWF Puglia Tartaruga d'acqua dolce gettata in mare: salvata dal WWF Puglia L'animale, che non è adatto a vivere in acque salate, vagava in preda al panico
Dall'Adriatico al Tirreno sulla scia delle tartarughe marine Dall'Adriatico al Tirreno sulla scia delle tartarughe marine La storia di Vesper, liberata nel 2016 e riapparsa lo scorso 22 luglio in Campania
Progetto Life EuroTurtles, monitoraggio anche con l'aiuto dei droni Progetto Life EuroTurtles, monitoraggio anche con l'aiuto dei droni Da alcune settimane ha avuto inizio la mappatura del centro tartarughe di Molfetta
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.