Il Tribunale di Bari
Il Tribunale di Bari
Cronaca

Il Riesame revoca i domiciliari, in libertà alcuni arrestati nello scandalo dell'ospedale di Molfetta

Tornano in libertà Demetrio Losciale, Raffaele Croce e Salvatore Boccanegra. Accolto il ricorso delle difese degli avvocati Andrea Calò e Michele Calaprice

Il Tribunale del Riesame di Bari ha accolto il ricorso delle difese e ha disposto la revoca della misura cautelare degli arresti domiciliari per alcuni degli indagati nell'operazione "Quinto Piano" che ha gettato ombre sull'ospedale monsignor Antonio Bello di Molfetta.

Tornano in libertà, per carenza delle ragioni cautelari, Demetrio Losciale e Raffaele Croce, difesi dall'avvocato Andrea Calò, oltre a Salvatore Boccanegra, difeso dall'avvocato Michele Calaprice. In totale sono 30 gli indagati nell'attività condotta dalla Guardia di Finanza della locale Tenenza, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, e tra questi 12 erano finiti agli arresti domiciliari.

Le Fiamme Gialle, che hanno trovato circa 300 episodi di assenteismo, descrissero «un sistema di fraudolenta solidarietà per timbrare il cartellino ed assentarsi dal lavoro durante l'orario di servizio». Gli indagati rispondono a vario titolo dei reati di truffa aggravata ai danni di Ente pubblico, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale, abuso d'ufficio e peculato.

«La Direzione Generale assicura la massima celerità nella sospensione cautelare dal servizio prevista dalla legge a carico di tutti coloro che hanno abusato della loro qualità di dipendenti pubblici» fu il commento del direttore generale Antonio Sanguedolce.
  • Ospedale
Altri contenuti a tema
L'ospedale di Molfetta ancora operativo. Rassicurazioni dall'amministrazione L'ospedale di Molfetta ancora operativo. Rassicurazioni dall'amministrazione A settembre novità sull'ospedale del nord barese
Scandalo ospedale di Molfetta, revocati gli arresti domiciliari anche a Filomena Squeo Scandalo ospedale di Molfetta, revocati gli arresti domiciliari anche a Filomena Squeo Lo ha deciso il gip del Tribunale Trani, accogliendo l'istanza dell'avvocato Maurizio Masellis
2 In libertà altri due arrestati nell'operazione "Quinto Piano" all'ospedale di Molfetta In libertà altri due arrestati nell'operazione "Quinto Piano" all'ospedale di Molfetta Si tratta di Vincenza Farinola e Luigi la Forgia. Accolte le richieste dell'avvocato Felice Petruzzella
Operazione "Quinto Piano", revocata un'altra misura cautelare Operazione "Quinto Piano", revocata un'altra misura cautelare Lucrezia Ribera era stata interdetta dal servizio per 3 mesi. Ritenute idonee le argomentazioni dell'avvocato Michele Salvemini
2 Scandalo ospedale di Molfetta, in settimana gli arrestati ancora davanti al Riesame Scandalo ospedale di Molfetta, in settimana gli arrestati ancora davanti al Riesame Già diverse le revoche per altrettanti agli arresti domiciliari. Le altre posizioni, invece, dovrebbero essere discusse tra lunedì e giovedì
Cgil, Cisl e Uil uniti in difesa dell’Ospedale di Molfetta: «Non è una battaglia di campanile» Cgil, Cisl e Uil uniti in difesa dell’Ospedale di Molfetta: «Non è una battaglia di campanile» Propongono convocazione di consiglio comunale straordinario, incontro con il presidente della commissione regionale e stanziamento dei fondi per il Nord Barese
Ospedale, l'opposizione di destra: «Basta prendere in giro i cittadini. Pronti a mobilitarci» Ospedale, l'opposizione di destra: «Basta prendere in giro i cittadini. Pronti a mobilitarci» Dopo la conferenza stampa del Sindaco, intervengono Isa de Bari e Antonio Azzollini
Tommaso Minervini sull'Ospedale di Molfetta: «La struttura verrà potenziata» Tommaso Minervini sull'Ospedale di Molfetta: «La struttura verrà potenziata» Confermati gli accordi presi con la Regione Puglia
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.