Giuseppe de Palma e la sua opera Il pentimento
Giuseppe de Palma e la sua opera Il pentimento
Vita di città

La prima mostra personale del molfettese Giuseppe De Palma

Una storia di talento, impegno e determinazione che culminano nell'arte come linguaggio universale

L'arte come linguaggio capace di parlare a tutti, il sacrificio e l'impegno come costanti. È la storia di Giuseppe De Palma, 22enne di Molfetta che, seppur giovanissimo, si prepara ad esporre la sua prima mostra personale, "Atto Primo", in Valle d'Itria. Dal 29 luglio al 12 agosto, "Casa delle arti" di Martina Franca sarà allestita con le opere realizzate da Giuseppe in questi anni di studio e di crescita.

«Non ho un punto di inizio della mia passione per l'arte, ne sono sempre stato innamorato - esordisce - sono stato a contatto sin da bambino con pennelli, matite e fogli, anche se nella mia famiglia nessuno faceva questo lavoro».

Schizzi su tele e riflessioni ponderate hanno portato Giuseppe a decidere di trasformare la sua passione in una professione vera e propria. Il primo passo è stata la scelta del liceo artistico "De Nittis" di Bari, indirizzo architettura, al termine delle scuole medie. Negli anni dell'artistico, che gli hanno permesso l'incontro con Renato Nosek, i pomeriggi di Giuseppe erano dedicati allo studio nella bottega di un pittore, Filippo Cacace, a sua volta allievo di Riccardo Tommasi Ferroni, uno dei più grandi maestri di figurazione del '900.

«È qui che ho appreso nozioni sull'olio, sul disegno e su altre tecniche - racconta Giuseppe - ma soprattutto ho recepito tutto l'entusiasmo necessario a credere in questo lavoro».

Poi è arrivato l'ultimo anno di liceo, durante il quale il giovane concittadino ha avuto la possibilità di frequentare un workshop con Cesar Santos a Firenze, città dove confluiscono artisti e intellettuali appartenenti a varie scuole di pensiero. «L'esperienza fiorentina è stata amore a prima vista - prosegue Giuseppe - oltre a esser una città affascinante, è ricca di stimoli e di scambi culturali».

Ecco lo step successivo, il trasferimento a Firenze, dove Giuseppe ha frequentato l'Accademia di Belle Arti. Per quanto formativa, l'esperienza si è interrotta dopo un anno, perché Giuseppe ha trovato nel percorso della Florence Academy of Art, scuola d'impronta americana, ciò che rispondeva alle sue aspettative personali e professionali.

«Il cambiamento è dovuto al fatto che sentivo l'esigenza di basi tecniche più solide per affrontare un percorso totalmente personale - precisa Giuseppe - alla Florence Academy of Art ho scoperto un mondo nuovo, è come quando credi di saper fare qualcosa, ma poi ti accorgi che nuove sfide ti invitano a superare i tuoi limiti».
6 fotoOpere di Giuseppe de Palma
Opera di Giuseppe de PalmaOpera di Giuseppe de PalmaOpera di Giuseppe de PalmaOpera di Giuseppe de PalmaOpera di Giuseppe de PalmaMostra Atto primo Giuseppe De Palma
Nei tre anni in questa scuola si affrontano quattro tipi di soggetti diversi, la figura, la natura morta, la riproduzione di opere in gesso e, infine, il ritratto. Il primo anno è dedicato completamente al disegno, al secondo ci si cimenta sia nel disegno sia nella pittura, per poi porre il focus esclusivamente sulla pittura nell'ultimo anno.

«Qui ho incontrato persone serie e motivate, sto imparando quanto siano importanti le solide conoscenze per poter imparare a camminare con le proprie gambe – afferma – ma soprattutto ho capito cosa significa investire il proprio tempo e le proprie energie per il raggiungimento di grandi obiettivi».

Naturalmente l'impegno e la sperimentazione del giovane molfettese non si fermano solo alle ore in accademia: al ritorno da scuola e durante i week-end, Giuseppe si dedica a realizzare lavori personali per allenare la propria creatività e per esplorare tematiche nuove. Uno dei temi cui si sta dedicando è il peccato, non tanto nella sua concezione religiosa, quanto nel senso di uomini che si allontano da altri uomini, diventando più deboli e vulnerabili.

A poco più di un mese dall'esposizione artistica che lo vedrà indiscusso protagonista, Giuseppe racconta della partecipazione al concorso, la cui vittoria del terzo posto gli ha riserbato questa bellissima sorpresa.

«Lo scorso anno ho partecipato al Festival dell'Immagine di Martina Franca, un concorso che l'associazione culturale Riflessi d'arte organizza ogni anno – spiega - ho vinto il terzo posto con un dipinto chiamato "Il pentimento", che raffigura Giuda penitente visto dall'alto, come se noi fossimo capaci di giudicarlo».Passo dopo passo, Giuseppe sta maturando una consapevolezza artistica non indifferente. «I pittori del secolo scorso hanno fatto una grande rivoluzione artistica, producendo stili e linguaggi innovativi a partire da un accademismo ferreo che in questo periodo manca – osserva Giuseppe – così come manca quella forza che questi linguaggi nuovi cercano di emanare».

Il punto debole dell'arte in questo tempo è proprio l'abbandono del concetto di comunità. «Il rischio è che l'arte diventi un rifugio interiore, governato dall'ego – spiega – il mio impegno è continuare a vedere l'arte come un linguaggio e a trattarla come tale: un getto che parte dall'interno ma che, forgiandosi grazie alle relazioni con l'esterno, sia portatore di un messaggio universale, nel quale l'essere umano possa riconoscersi».

La speranza di Giuseppe, che riserva a Molfetta un posto speciale nel cuore, è quella che la Puglia si accorga della presenza di tanti artisti del territorio. «Il mio augurio è quello che i pugliesi vengano valorizzati dalla loro stessa terra d'origine - conclude il giovane - non parlo solo degli artisti, perchè sarei di parte, ma mi riferisco ai talenti di cui la nostra regione può solo andare fiera».
  • Arte
Altri contenuti a tema
Inaugurata la mostra di José Perla a Molfetta - LE FOTO Inaugurata la mostra di José Perla a Molfetta - LE FOTO Rassegna inserita nella Sala dei Templari
Le opere di Corrado Giaquinto nella Biblioteca comunale di Molfetta Le opere di Corrado Giaquinto nella Biblioteca comunale di Molfetta Esposizione prevista da sabato 11 maggio fino al 16 giugno
Molfetta ritrova la bellezza dell'arte di Vito Zaza Molfetta ritrova la bellezza dell'arte di Vito Zaza Inaugurata la mostra di opere dello scultore scomparso nel 2014
Molfetta riscopre stasera una statua del 1904 realizzata da uno scultore locale Molfetta riscopre stasera una statua del 1904 realizzata da uno scultore locale Il simulacro, restaurato grazie alle offerte dei parrocchiani di Sant'Achille, è opera di Corrado Binetti
Da oggi a Molfetta la mostra del pittore venezuelano José Perla Da oggi a Molfetta la mostra del pittore venezuelano José Perla Alle 18:30 l'inaugurazione nella Sala dei Templari
Molfetta ricorda con una mostra Vito Zaza a 10 anni dalla scomparsa Molfetta ricorda con una mostra Vito Zaza a 10 anni dalla scomparsa L'artista è venuto a mancare il 5 maggio 2014
A maggio arriva una mostra dedicata alle opere di Corrado Giaquinto A maggio arriva una mostra dedicata alle opere di Corrado Giaquinto Rassegna in programma da sabato 11 maggio fino al 16 giugno
Si è spenta la vedova di Tonino Nuovo. Le parole del sindaco Minervini Si è spenta la vedova di Tonino Nuovo. Le parole del sindaco Minervini Il primo cittadino: «La ricordiamo emozionata e sorridente alla mostra di qualche anno fa»
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.