Gianni Carnicella. <span>Foto Alfonso Bisceglie</span>
Gianni Carnicella. Foto Alfonso Bisceglie

Una vita contro la criminalità organizzata. Chi era Carnicella

Dopo 25 anni nitido è il ritratto di un uomo libero mosso da grandi passioni civili

Se n'è andato all'età di 43 anni un protagonista della nostra vita pubblica e uno degli ultimi politici di valore. Soprattutto, fino alla fine, un uomo libero che si è speso con la passione civile di un grande laico. Così Giovanni Carnicella, morto il 7 luglio del 1992 sintetizza l'impegno di una vita di un protagonista della nostra storia pubblica che con passione inesausta ha sempre cercato di far valere il punto di vista della legalità nei grandi temi della nostra città.

Difficile inquadrarlo con un'etichetta - lattanziano, politico, sindaco - ma anche complicato incasellarlo dentro uno schieramento: è stato democristiano, ma soprattutto movimentista senza casacca. Politico di valore, uno degli ultimi in questa città sempre più avara di idee. La politica, insieme allo studio, sono una passione divorante. Era stato eletto sindaco dopo l'elezione a senatore del suo predecessore Vincenzo De Cosmo. «Sindaco di Molfetta da poco più di un mese, nonché segretario provinciale barese da un paio di anni della Democrazia Cristiana morì dopo essere stato colpito con un fucile a canne mozze da Cristoforo Brattoli, 35 anni, un impresario al quale il Comune aveva negato il permesso per fare uno spettacolo canoro con Nino D'Angelo per il 18 luglio nel campo sportivo del Seminario Regionale dopo aver già fatto affiggere in città centinaia di manifesti che annunciavano l'arrivo a Molfetta del cantante napoletano». Così esordisce l'articolo de la Repubblica.it che spiega quanto fosse successo il 7 luglio1992 a Molfetta. Una data, questa di 25 anni fa, destinata e rimanere scolpita per sempre nella memoria dei molfettesi.

«Un tipo irascibile Brattoli», scrive la Repubblica.it, tanto da attendere che il sindaco terminasse una riunione di giunta visto che la tanto attesa e auspicata autorizzazione del Primo Cittadino tardava ad arrivare. Un motivo futile per sparare e per uccidere. Una manciata di secondi, non più di un minuto. L'impresario, infatti, dopo uno scambio di battute prelevò dalla sua auto, una Opel Ascona bianca con tanto di scritta dell'agenzia di spettacoli della quale è titolare, "Palcoscenico Centro Sud" un fucile a canne mozze. «Pochi secondi e sparò a bruciapelo un pallettone diretto all'inguine del sindaco provocando una grave emorragia». Carnicella, non riuscì a superare il lungo intervento chirurgico al quale fu sottoposto e durante il quale subì tre arresti cardiocircolatori. Inutili anche le numerose trasfusioni di sangue alle quali il sindaco venne sottoposto. In ospedale, ad aspettare l'esito dell'intervento c'erano il Prefetto, i vertici delle Forze dell'Ordine, l'Onorevole Lattanzio e il Presidente della Regione.

Seppur morto prematuramente, con il suo modo di fare Carnicella aveva subito suscitato ammirazione per alcune sue iniziative rivolte a ripulire la città e lo stesso municipio da presenze legate alla criminalità organizzata tanto da prendere la decisione di licenziare uno dei custodi del cimitero, pregiudicato nonché capo riconosciuto del racket delle estorsioni. A distanza di 25 anni, la sua voce, mai accomodante, così come il suo operato amministrativo mancano ancora oggi.
  • gianni carnicella
Altri contenuti a tema
Medaglia d'oro a Carnicella, Allegretta: «Un tributo doveroso» Medaglia d'oro a Carnicella, Allegretta: «Un tributo doveroso» Il vicesindaco di Molfetta: «Ci uniamo alle parole del Capo dello Stato Sergio Mattarella»
Da Mattarella la medaglia d'oro al merito civile a Gianni Carnicella, indimenticato sindaco di Molfetta Da Mattarella la medaglia d'oro al merito civile a Gianni Carnicella, indimenticato sindaco di Molfetta La cerimonia questa sera in Prefettura a Bari
Chiediamo scusa a Molfetta e alla famiglia Carnicella Chiediamo scusa a Molfetta e alla famiglia Carnicella Nota a firma della redazione di MolfettaViva
"Quel fucile a canne mozze ancora fumante": 27 anni dalla morte di Gianni Carnicella "Quel fucile a canne mozze ancora fumante": 27 anni dalla morte di Gianni Carnicella Ieri la conferenza stampa del Liberatorio Politico di Matteo d'Ingeo
Musica e letture civili per omaggiare Gianni Carnicella a Molfetta Musica e letture civili per omaggiare Gianni Carnicella a Molfetta Appuntamento a Piazza Mazzini domenica 7 luglio
Domenica 7 luglio Molfetta si ferma per commemorare Gianni Carnicella Domenica 7 luglio Molfetta si ferma per commemorare Gianni Carnicella L'omaggio alle ore 13.30 sul sagrato della Chiesa San Bernardino
Inaugurata la pietra d'inciampo del presidio di Libera intitolato a Gianni Carnicella Inaugurata la pietra d'inciampo del presidio di Libera intitolato a Gianni Carnicella La cerimonia si è tenuta in Piazza Paradiso
Il Liberatorio Politico ricorda Gianni Carnicella Il Liberatorio Politico ricorda Gianni Carnicella Conferenza sabato 6 luglio nell'Aula del Consiglio Comunale
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.