Chiesa San Pietro
Chiesa San Pietro

Giornate FAI di Primavera: a Molfetta apre la Chiesa e Monastero di San Pietro

Occasione unica: il convento è abbandonato da oltre 20 anni

Sabato 26 e domenica 27 marzo tornano le Giornate FAI di Primavera, il più importante evento di piazza dedicato al patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese. Oltre 700 luoghi solitamente inaccessibili o poco conosciuti in 400 città saranno visitabili a contributo libero, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, grazie ai volontari di 350 Delegazioni e Gruppi FAI attivi in tutte le regioni.

Le Giornate FAI quest'anno compiono "trenta primavere": dal 1993 a oggi, 14.090 luoghi di storia, arte e natura aperti in tutta Italia, visitati da oltre 11.600.000 di cittadini, grazie a 145.500 volontari e 330.000 studenti "Apprendisti Ciceroni". Un traguardo esaltante, che tuttavia non potrà essere solo una festa. Nel pieno di una guerra che segna tragicamente la storia europea, non è il momento di festeggiare, né di invitare gli italiani a distrarsi nel puro godimento delle meraviglie del nostro Paese, ma piuttosto a concentrarsi sul significato e sul ruolo del patrimonio culturale che riflette la nostra identità, testimonia la nostra storia e rinsalda i valori del vivere civile. In cos'altro si incarna, del resto, l'identità di un popolo se non nella sua storia, nella cultura e nella tradizione? I monumenti, il paesaggio, le opere d'arte raccontano chi siamo a chi non ci conosce e alle generazioni presenti e future: il patrimonio culturale è come il patrimonio genetico di un popolo, che conserva a perenne memoria un codice di esperienze e valori condivisi su cui si fonda la nostra umanità.
Mai come quest'anno, allora, le Giornate FAI mostrano il loro più autentico spirito civico ed educativo, che è nella missione del FAI: visitare gli oltre 700 luoghi eccezionalmente aperti dai volontari del FAI sarà l'occasione per conoscere la nostra storia e riflettere su quanto può insegnarci per affrontare il presente e il futuro, perché ciò che siamo e che abbiamo non sia dato per scontato, ma sia compreso e apprezzato come esito di lunghi e talvolta drammatici trascorsi che ci accomunano come italiani, europei, e con l'umanità tutta. Proteggere, conservare e valorizzare il patrimonio culturale, aprendolo al pubblico e invitando tutti gli italiani a conoscerlo e frequentarlo: questa è la missione del FAI, che proprio in questi tempi bui, in queste Giornate FAI, trova un senso ancor più profondo e una funzione ancor più necessaria e urgente.

Il FAI, come istituzione della Repubblica, ha scelto di esprimere in maniera esplicita la vicinanza e la solidarietà con il popolo ucraino esponendo i colori della sua bandiera in tutta la comunicazione e nei Beni, ma la Fondazione vuole dare un contributo concreto e perciò si impegna oggi formalmente a finanziare il recupero di un'opera d'arte del patrimonio culturale ucraino che sarà individuato non appena cesserà la guerra e sarà avviata la ricostruzione del Paese.

Chi deciderà di prendere parte alle Giornate FAI potrà offrire un contributo per sostenere la Fondazione. Ai partecipanti verrà suggerito un contributo non obbligatorio a partire da 3 euro e la donazione online su www.giornatefai.it consentirà, a chi lo volesse, di prenotare la propria visita; per molti luoghi, soprattutto nelle grandi città, la prenotazione online è consigliata per garantirsi l'accesso alla visita. Chi lo vorrà, potrà sostenere ulteriormente il FAI con contributi di importo maggiore oppure con l'iscrizione annuale, sottoscrivibile online o in piazza in occasione dell'evento.


I volontari di Molfetta per l'occasione propongono la visita della Chiesa e Monastero di San Pietro. Le visite si terranno ogni 30 minuti per un massimo di 15 persone a gruppo secondo il seguente orario: dalle ore 9.30 alle 17.30
La Chiesa di San Pietro si presenta, nel panorama degli edifici di culto della città di Molfetta, come una delle più antiche. L'edificio è citato per la prima volta nell'anno 1176, anno in cui risulta già aperto al culto, il che ci fa supporre la sua edificazione come antecedente. Segue un periodo in cui non si hanno notizie storiche che ci permettano di poterne delineare il percorso evolutivo, fino ai primi anni del 1400. A partire dal XVI sec. la storia della chiesa corre in parallelo con quella di un piccolo gruppo di monache cistercensi. L'edificazione, a partire dal 1571, accanto alla chiesa, del monastero delle monache cistercensi, modificò così tanto la fisionomia della chiesa ed integrandosi con essa, che da quel momento in poi, non sarà più possibile descrivere la storia dei due edifici in modo indipendente.
La chiesa di S. Pietro, localizzata all'interno del circuito murario antico di Molfetta, è sita nella omonima via del borgo antico, dove anticamente si era insediata una colonia originaria di Sebenico in Croazia (S. Pietro è protettore di Ragusa in Croazia).
L'apertura nelle Giornate FAI prevede, oltre alla visita guidata all'interno della chiesa, la scoperta di alcuni ambienti eccezionali del convento, normalmente non fruibili, atteso che il convento che è ormai abbandonato da oltre un ventennio.

Le Giornate FAI di Primavera si inquadrano nell'ambito delle iniziative di raccolta pubblica di fondi occasionale (Art 143, c 3, lett a), DPR 917/86 e art 2, c 2, D Lgs 460/97). A coloro che decideranno di partecipare verrà suggerito un contributo non obbligatorio a partire da 3 euro, utile a sostenere la missione di cura e tutela del patrimonio culturale italiano della Fondazione. La donazione online consentirà, a chi lo volesse, di prenotare la propria visita. Per molti luoghi, soprattutto nelle grandi città, la prenotazione online è consigliata perché garantisce l'accesso alla visita.
Sarà inoltre possibile sostenere ulteriormente la Fondazione con contributi di importo maggiore oppure con l'iscrizione annuale, online o in piazza in occasione dell'evento, un gesto concreto in difesa del patrimonio d'arte e natura italiano che permette di godere di vantaggi dedicati. In occasione delle Giornate di Primavera, gli iscritti FAI potranno beneficiare di aperture e visite straordinarie in molte città e altre agevolazioni e iniziative speciali.
Le visite si svolgeranno nel pieno rispetto delle normative anti Covid-19 vigenti, l'accesso è consentito alle sole persone in possesso di Green Pass Rafforzato ed è obbligatorio l'utilizzo di mascherine FFP2. Il Green Pass non è obbligatorio per i bambini al di sotto dei 12 anni e per i soggetti esenti in base a idonea certificazione medica.

  • Giornate FAI di Primavera
Altri contenuti a tema
Molfetta riscopre la chiesa di San Pietro con le Giornate FAI di Primavera Molfetta riscopre la chiesa di San Pietro con le Giornate FAI di Primavera Grande affluenza nel weekend. Persone anche dai comuni vicini
Boom di visitatori per le Giornate FAI d'Autunno a Molfetta Boom di visitatori per le Giornate FAI d'Autunno a Molfetta In città visita a Piazza Garibaldi e villa comunale nel weekend appena trascorso
Giornate FAI d'Autunno: Molfetta scopre la villa comunale e gli edifici in Piazza Garibaldi Giornate FAI d'Autunno: Molfetta scopre la villa comunale e gli edifici in Piazza Garibaldi Visite nel pomeriggio di oggi e per l'intera giornata di domani
Anche oggi visita straordinaria della chiesa della Madonna della rosa Anche oggi visita straordinaria della chiesa della Madonna della rosa L'organizzazione a cura dei volontari FAI di Molfetta
Giornate FAI di Primavera: a Molfetta visite alla chiesa della Madonna della Rosa e a Lama Martina Giornate FAI di Primavera: a Molfetta visite alla chiesa della Madonna della Rosa e a Lama Martina L'evento il prossimo weekend in pieno rispetto delle norme anti Covid
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.