Enzo De Caro
Enzo De Caro

Enzo De Caro incanta Molfetta a teatro

L'attore all'anfiteatro di Ponente

Il mondo degli eroi omerici è l'indiscusso protagonista del nuovo appuntamento del cartellone di eventi estivi andati in scena nella cornice dell'Anfiteatro di Ponente di Molfetta: dopo i concerti dell'Orchestra del Teatro Petruzzelli e del M° Danilo Rea, la stagione culturale molfettese si arricchisce della rassegna "Metti un libro a teatro", format prodotto da Ergo sum e ideato da Alessandra Pizzi, che ne cura anche la direzione artistica, con l'intento di creare vari appuntamenti che mirino a costruire un itinerario storico culturale tra i grandi autori del passato, letti ed interpretati da attori.

Dopo aver conosciuto l'opera di Calvino "Se una notte d'inverno un viaggiatore", portata in scena dall'attore Giorgio Marchesi, venerdì 28 agosto è stato il turno dell'attore di origine partenopea Enzo De Caro con "Un'Odissea infinita", spettacolo raffinato sulla figura dell'eroe dal multiforme ingegno, Ulisse appunto. Ad accompagnare l'artista, Francesco Mancarella al pianoforte e Filippo Scrimieri al beat box .
De Caro accompagna quindi la platea nel viaggio celeberrimo di Odisseo, il quale però non è soltanto la tratta di mare che riporta l'eroe vittorioso da Troia alla patria natale di Itaca, da cui era partito venti anni prima: non rincontriamo solamente la turba di mostri, creature marine e divinità più o meno ostili che affollano i ricordi delle lezioni di epica nelle aule scolastiche. Il viaggio, a cui ci indirizza Enzo De Caro, è prima di tutto metaletterario in quanto la figura di Ulisse viene scandagliata attraverso gli artisti che, affascinati dalla figura di questo insaziabile cercatore di conoscenza, ne hanno scritto e cantato nel corso dei secoli, tratteggiandone di volta in volta caratteristiche sempre differenti. Il primo ovviamente a sovvenire alla memoria è Dante Alighieri, per cui Ulisse diventa l'emblematico simbolo dei consiglieri fraudolenti, perito nella sua sfida impossibile contro i limiti posti da Dio nella sua eterna missione di cercatore di "virtute e canoscenza"; ma Ulisse è anche l'incanutito cadavere spiaggiato che Pascoli colloca di nuovo sulle coste di Calipso; o il marinaio che finge di ascoltare un altrimenti silente canto delle sirene, come immagina Kafka; o il cantore del dolente ritorno a casa nell' "Itaca" di Lucio Dalla; o il protagonista dei testi di Guccini, o di Kavafis, o di Saba, fino al nostro Caparezza che immagina una Penelope che chiede ad Ulisse di portarla per mare assieme a lui. Difficile anche non pensare che il "naufragar m'è dolce in questo mare" di Leopardi non abbia avuto come ideale referente l'eroe omerico: questo perché il viaggio di Ulisse non è solamente uno spostamento tra due punti collocati in uno spazio diverso, ma è la più antica metafora della vita umana, tesa al raggiungimento della vetta più elevata cui ci abbia potuto sospingere il talento e la capacità.

"Sventurata è la terra che ha bisogno di eroi", ha commentato sul finale Enzo De Caro citando Bertol Brecht, raccontando della genesi di questo spettacolo, nato in quel clima sospeso che è stato il lockdown della primavera scorsa dove, a fronte dell'avanzare della pandemia di Covid 19, il termine "eroi" veniva impiegato in modo continuo ed assiduo per descrivere i medici e gli operatori sanitari impegnati in quello che era un vero e proprio campo di battaglia.

È a loro che Enzo De Caro e Alessandra Pizzi dedicano idealmente lo spettacolo con il monito però che, al giorno d'oggi, chiamiamo eroi coloro che siano invece naturalmente provvisti delle caratteristiche di empatia ed altruismo che, in realtà, non sono null'altro che la cifra straordinariamente normale dell'essere umano.

Non eroi quindi, ma uomini che, come Ulisse ben tredici secoli fa, partono da casa, affrontano le metamorfosi che li conducono al meglio di sé e poi a casa ritornano.
6 fotoEnzo De Caro a Molfetta
Enzo De Caro spettacoloEnzo De Caro spettacoloEnzo De Caro spettacoloEnzo De Caro spettacoloEnzo De Caro spettacoloEnzo De Caro spettacolo
  • Anfiteatro di Ponente
Altri contenuti a tema
I Respa Band tornano in concerto a Molfetta il 29 agosto I Respa Band tornano in concerto a Molfetta il 29 agosto Spettacolo a ingresso gratuito nell'Anfiteatro di Ponente
Enrico Lo Verso nuovamente a Molfetta con “Metamorfosi" Enrico Lo Verso nuovamente a Molfetta con “Metamorfosi" Recitazione, danza e musica il connubio prefetto per rendere “magica” la narrazione di Ovidio
Uccio De Santis con "Vi racconto il mio Mudù" il 27 agosto a Molfetta Uccio De Santis con "Vi racconto il mio Mudù" il 27 agosto a Molfetta Il comico barese farà tappa all'Anfiteatro di Ponente
Enrico Lo Verso torna a Molfetta con "Uno nessuno centomila" Enrico Lo Verso torna a Molfetta con "Uno nessuno centomila" Il celebre attore il 6 agosto nell'anfiteatro di Ponente
"C'era una volta Notre Dame", il musical che ha emozionato l'anfiteatro di Ponente "C'era una volta Notre Dame", il musical che ha emozionato l'anfiteatro di Ponente Ad organizzare lo spettacolo l'associazione culturale Ananke, diretta da Mara Angeletti
Emilio Solfrizzi e Antonio Stornaiolo insieme sul palco dell'anfiteatro di Ponente di Molfetta Emilio Solfrizzi e Antonio Stornaiolo insieme sul palco dell'anfiteatro di Ponente di Molfetta Il duo comico in scena domenica 16 giugno
Molfetta balla con la musica dei Dirotta su Cuba Molfetta balla con la musica dei Dirotta su Cuba Anfiteatro stracolmo per la band simbolo della musica anni '90 in Italia
I Dirotta su Cuba e Fabrizio Bosso questa sera in concerto a Molfetta Spettacolo alle ore 21 nell'Anfiteatro di Ponente: ingresso libero
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.