Il blitz dei Carabinieri
Il blitz dei Carabinieri
Cronaca

Camorra barese infiltrata in Veneto: blitz dei Carabinieri, arresti anche a Molfetta

Il clan Di Cosola si era riorganizzato a Verona: lo stupefacente arrivava dalla Puglia. 19 le misure cautelari

Era stata ricostituita in Veneto, dopo che il gruppo era stato stroncato in Puglia, una cellula del clan camorristico barese Di Cosola, e in provincia di Verona aveva avviato un traffico di marijuana e cocaina, scoperto e disarticolato oggi nel blitz dei Carabinieri coordinato dalla Procura Antimafia di Venezia.

A illustrare l'operazione è stato il procuratore distrettuale antimafia di Venezia, Bruno Cherchi, assieme al colonnello Ettore Bramato, comandante provinciale dei Carabinieri di Verona. Complessivamente sono state eseguite 19 misure cautelari, di cui 10 nel capoluogo scaligero (6 in carcere e 4 agli arresti domiciliari) e 9 nelle province di Bari (a Molfetta, dove sono state eseguite una serie di perquisizioni) e Barletta (5 in carcere e 4 ai domiciliari).

Dalle indagini è emerso che un affiliato al clan, operante in riva all'Adige da una ventina d'anni, aveva avviato e dirigeva il traffico di marijuana e cocaina dalla Puglia, che giungeva in Veneto tramite pacchi contenenti ricambi per automobili inviati con corriere espresso a ignari artigiani e meccanici, in particolare, oppure con corrieri che viaggiavano in pullman di linea, con biglietto di andata e ritorno pagato dall'organizzazione.

Ogni settimana si è stimato giungessero nel veronese uno o due chilogrammi di marijuana e 2-300 grammi di cocaina pura, destinati alo spaccio sul territorio. Dalla denuncia di un artigiano, minacciato dagli appartenenti al clan, sono scattati nel novembre 2016 gli accertamenti con intercettazioni telefoniche e controlli del territorio, sia in Veneto che in Puglia, sfociati negli arresti odierni.

Oltre al reato di associazione mafiosa finalizzata al traffico di droga, la Procura Antimafia contesta il possesso di armi, minacce ed estorsione.

«Per la prima volta è stata riscontrata in Veneto la presenza di un'associazione con radici nella camorra barese, con ulteriore tipo di infiltrazione, stavolta nel veronese». Lo ha sottolineato il procuratore distrettuale antimafia di Venezia, Bruno Cherchi, nel corso della conferenza stampa con cui è stato illustrato l'odierno blitz antidroga nei confronti di affiliati al clan Di Cosola.

L'approdo in riva all'Adige del clan barese, ha precisato Cherchi, «è avvenuto in seguito alle indagini pugliesi che avevano disarticolato l'organizzazione, con il trasferimento di alcuni soggetti in Veneto. Questi elementi si sono inseriti nel traffico di stupefacenti, organizzato in Puglia ma con terminale nella regione. Questo - ha sottolineato - ci deve far riflettere sulla capacità di dispersione delle organizzazioni criminali sul territorio, valutato più 'tranquillo'».

La novità della presenza dei Di Cosola «ci allarma - ha proseguito Cherchi - perché dimostra ancora una volta che il territorio veneto è continuamente oggetto dell'attenzione di più soggetti criminali», facendo riferimento alle precedenti indagini della Direzione Distrettuale Antimafia che avevano scoperto presenze di gruppi legati a 'ndrangheta e camorra napoletana.

«C'è la possibilità - ha quindi precisato - che anche gruppi criminali non particolarmente attrezzati, ma con canali di approvvigionamento e un flusso costante di droga, possano trovare un mercato che permette facili guadagni».
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Arresti Carabinieri
Altri contenuti a tema
Nuovo comandante per la Compagnia Carabinieri: è Francesco Iodice Nuovo comandante per la Compagnia Carabinieri: è Francesco Iodice 39 anni, originario di Capua, sposato e padre di tre figli, il capitano arriva dalla Tenenza di Melito di Napoli
Sorpreso a cedere droga ad un ragazzo. Arrestato dai Carabinieri un 20enne Sorpreso a cedere droga ad un ragazzo. Arrestato dai Carabinieri un 20enne Il giovane è stato trovato in possesso di 23 dosi di hashish e 590 euro. Arrestato, è stato sottoposto agli arresti domiciliari
Presidio contro la presenza dell'ex ministro Maroni a Molfetta: 5 indagati Presidio contro la presenza dell'ex ministro Maroni a Molfetta: 5 indagati I fatti risalgono al 2 settembre, quando si è tenuto un sit-in contro l'arrivo in città dell'ex segretario della Lega
Lunga attesa all'ospedale di Molfetta: paziente picchia due medici. Denunciato un 41enne Lunga attesa all'ospedale di Molfetta: paziente picchia due medici. Denunciato un 41enne È successo questa mattina nel pronto soccorso. Immediato l'intervento dei Carabinieri: l'uomo è stato deferito a piede libero
Vito Ingrosso lascia la Compagnia, l'encomio di Molfetta per i suoi 5 anni d'attività Vito Ingrosso lascia la Compagnia, l'encomio di Molfetta per i suoi 5 anni d'attività Il maggiore premiato ieri dalla massima assise cittadina. Si è insediato il nuovo comandante: è il capitano Francesco Iodice
Estorsioni, sì ai domiciliari per un 18enne. Restano in carcere gli altri 3 arrestati Estorsioni, sì ai domiciliari per un 18enne. Restano in carcere gli altri 3 arrestati Il Tribunale di Trani ha disposto la sostituzione della misura cautelare. Rigettate le altre richieste
Estorsioni, si costituisce l'ultimo componente della banda. È un 26enne Estorsioni, si costituisce l'ultimo componente della banda. È un 26enne Si tratta di Domenico Minervini, molfettese già noto alle forze dell'ordine. Si è presentato a Trani con il suo avvocato
Furti in appartamento, attenti ai pezzettini di plastica sotto le porte Furti in appartamento, attenti ai pezzettini di plastica sotto le porte Quattro i georgiani fermati dai Carabinieri: due bloccati a Bari, gli altri due a Potenza. Era chiamata la "banda della compieta"
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.