Esplosione cantiere edile
Esplosione cantiere edile

Bombe in alcuni cantieri edili di Molfetta. Intervengono Rifondazione e Area Pubblica

Gli episodi di cronaca ieri notte attorno alle ore 23:30

Giungono i primi commenti dal mondo della politica molfettese ai fatti di cronaca della serata di ieri quando, attorno alle ore 23:30 circa, due ordigni erano piazzati in un cantiere edile di via don Grittani e fatti esplodere mentre, poco dopo, un'altra esplosione in viale della Libertà, nelle vicinanze di lama Martina, colpiva un altro cantiere del medesimo imprenditore.

"Sono episodi gravissimi - scrive Rifondazione Comunista - che testimoniano di un clima molto pesante in città che mai finora aveva raggiunto questi livelli".
"Chiaramente - continua il partito all'opposizione in Consiglio Comunale - non siamo in grado di identificare il movente di questi episodi, se si tratta di racket o di altro, ma sappiamo che abbiamo bisogno di istituzioni credibili e non delegittimate che prendano in mano la situazione oramai incancrenita".

"Non intendiamo usare (giacché scontate) frasi di circostanza - è invece il primo commento del movimento civico Area Pubblica - come quella di condanna del gesto criminale, ma sottoponiamo seriamente al sindaco l'obbligata soluzione di doverosamente rassegnare le sue dimissioni: sia in occasione degli arresti per corruzione di alcuni componenti dell'amministrazione di cui è capo (inchiesta che interessa numerosi appalti pubblici e nella quale Minervini è pure indagato) ma anche in relazione alle esplosioni di ieri sera, il sindaco ha serbato silenzio tombale, mai rivolgendo alle Autorità competenti, nell'interesse dei cittadini ed a loro tutela, una richiesta di aiuto".
Il movimento, inoltre, continua ritenendo "che sussistano - si legge nella nota a firma del Direttivo - anche i presupposti per lo scioglimento del Consiglio Comunale: la Città va subito commissariata, almeno per il tempo che serve, per provare a scardinare un collaudato sistema, le cui radici hanno ormai pervaso e contaminato tutta la pubblica amministrazione molfettese".
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Rifondazione Comunista Molfetta
Altri contenuti a tema
Rifondazione: «Con Giovanni Infante per dare a Molfetta una autentica alternativa politica» Rifondazione: «Con Giovanni Infante per dare a Molfetta una autentica alternativa politica» La nota a firma dei Consiglieri comunali Zanna e Albertini
Domani la presentazione di Giovanni Infante a candidato sindaco di Molfetta Domani la presentazione di Giovanni Infante a candidato sindaco di Molfetta Il candidato di Rifondazione comunista / Compagni di strada parla alla città
Rifondazione comunista: «I concorsi banditi dal Comune di Molfetta pura illusione» Rifondazione comunista: «I concorsi banditi dal Comune di Molfetta pura illusione» La nota del partito: «Azione di propaganda elettorale»
Comunali '22: il quarto candidato sindaco da Rifondazione? Comunali '22: il quarto candidato sindaco da Rifondazione? Nicola Piergiovanni e Ottavio Balducci hanno già annunciato l'impegno per il Consiglio Comunale
Rifondazione: «In campo per dare a Molfetta l'alternativa che merita» Rifondazione: «In campo per dare a Molfetta l'alternativa che merita» Parola ai consiglieri comunali Beppe Zanna e Gian Michele Albertini
Comunali '22, Rifondazione: «Costruiamo una alternativa programmatica» Comunali '22, Rifondazione: «Costruiamo una alternativa programmatica» Oggi, alle ore 19:00, incontro pubblico a Corso Umberto (altezza Galleria Patrioti Molfettesi)
1 Paola de Candia si dimette da consigliere comunale Paola de Candia si dimette da consigliere comunale Protocollate le dimissioni. Era in forza al gruppo Rifondazione comunista / Compagni di strada
Rifondazione: «Tammacco di nuovo con Emiliano? Non siamo sorpresi» Rifondazione: «Tammacco di nuovo con Emiliano? Non siamo sorpresi» Il commento rispetto alla notizie delle scorse ore
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.