Tommaso Minervini. <span>Foto Vincenzo Bisceglie</span>
Tommaso Minervini. Foto Vincenzo Bisceglie

Assenteismo all'ospedale, parla Minervini: «Sacche di illegalità da estirpare»

Il direttore generale dell'Asl di Bari Sanguedolce: «Collaboriamo con le Autorità Giudiziarie»

La notizia del giorno a Molfetta è ovviamente quella legata ai cosiddetti "furbetti del cartellino" stanati oggi all'ospedale monsignor Antonio Bello di Molfetta dai finanzieri della Tenenza di Molfetta.

Il Sindaco Tommaso Minervini ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito prima di una conferenza legate ad altre tematiche che si è tenuta questa mattina presso la sede comunale di Lama Scotella: «Notizie come quella odierna da un lato fanno male, perché testimoniano in maniera tangibile la presenza ancora forte di alcune sacche di illegalità all'interno della nostra società e della nostra città, in particolar modo in un settore cruciale come quello della sanità».

«D'altra parte - prosegue Minervini -, il fatto che queste persone siano state messe allo scoperto rende onore all'operato delle autorità competenti che hanno condotto l'operazione e ci aiuta a sperare che sempre più, nel tempo, queste forme di illegalità possano essere estirpate. Chi lavora del pubblico deve sapere di dover fare di più e l'assenteismo durante gli orari di lavoro è un qualcosa di imperdonabile».

Anche il direttore generale dell'Azienda Sanitaria di Bari, Antonio Sanguedolce, interviene sul caso: «Abbiamo appreso dagli organi di stampa che questa mattina 30 persone che svolgono la propria attività lavorativa presso l'ospedale di Molfetta sono state indagate dalla Procura della Repubblica di Trani per i reati di truffa aggravata, falsità ideologica, abuso d'ufficio e peculato. Tra queste 30 persone, 12 sono state già arrestate».

«La Direzione Generale - dice ancora - ha offerto, e continuerà ad offrire, la massima collaborazione alle Autorità Giudiziarie competenti, e assicura la massima celerità nell'apertura dei procedimenti disciplinari previsti per legge e nella sospensione cautelare dal servizio prevista dalla legge a carico di tutti coloro che hanno abusato della loro qualità di dipendenti pubblici».

Sanguedolce prosegue: «In questi casi la legge (art. 55 quater del d.lgs 165/2001 e s.m.i) oltre alla sospensione cautelare dal servizio prevede anche il licenziamento disciplinare per tutti coloro che hanno falsato l'attestazione della presenza in servizio, e della violazione risponde anche chi abbia agevolato con la propria condotta attiva o omissiva la predetta condotta fraudolenta».

«L'Azienda Sanitaria Locale di Bari - conclude - licenzierà senza indugio i dipendenti interessati dalla vicenda di che trattasi se i fatti contestati dalla Procura della Repubblica di Trani dovessero essere confermati nelle modalità previste dalla legge».
  • Ospedale
Altri contenuti a tema
L'ospedale di Molfetta ancora operativo. Rassicurazioni dall'amministrazione L'ospedale di Molfetta ancora operativo. Rassicurazioni dall'amministrazione A settembre novità sull'ospedale del nord barese
Scandalo ospedale di Molfetta, revocati gli arresti domiciliari anche a Filomena Squeo Scandalo ospedale di Molfetta, revocati gli arresti domiciliari anche a Filomena Squeo Lo ha deciso il gip del Tribunale Trani, accogliendo l'istanza dell'avvocato Maurizio Masellis
2 In libertà altri due arrestati nell'operazione "Quinto Piano" all'ospedale di Molfetta In libertà altri due arrestati nell'operazione "Quinto Piano" all'ospedale di Molfetta Si tratta di Vincenza Farinola e Luigi la Forgia. Accolte le richieste dell'avvocato Felice Petruzzella
Operazione "Quinto Piano", revocata un'altra misura cautelare Operazione "Quinto Piano", revocata un'altra misura cautelare Lucrezia Ribera era stata interdetta dal servizio per 3 mesi. Ritenute idonee le argomentazioni dell'avvocato Michele Salvemini
2 Scandalo ospedale di Molfetta, in settimana gli arrestati ancora davanti al Riesame Scandalo ospedale di Molfetta, in settimana gli arrestati ancora davanti al Riesame Già diverse le revoche per altrettanti agli arresti domiciliari. Le altre posizioni, invece, dovrebbero essere discusse tra lunedì e giovedì
Il Riesame revoca i domiciliari, in libertà alcuni arrestati nello scandalo dell'ospedale di Molfetta Il Riesame revoca i domiciliari, in libertà alcuni arrestati nello scandalo dell'ospedale di Molfetta Tornano in libertà Demetrio Losciale, Raffaele Croce e Salvatore Boccanegra. Accolto il ricorso delle difese degli avvocati Andrea Calò e Michele Calaprice
Cgil, Cisl e Uil uniti in difesa dell’Ospedale di Molfetta: «Non è una battaglia di campanile» Cgil, Cisl e Uil uniti in difesa dell’Ospedale di Molfetta: «Non è una battaglia di campanile» Propongono convocazione di consiglio comunale straordinario, incontro con il presidente della commissione regionale e stanziamento dei fondi per il Nord Barese
Ospedale, l'opposizione di destra: «Basta prendere in giro i cittadini. Pronti a mobilitarci» Ospedale, l'opposizione di destra: «Basta prendere in giro i cittadini. Pronti a mobilitarci» Dopo la conferenza stampa del Sindaco, intervengono Isa de Bari e Antonio Azzollini
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.