Le armi sequestrate dai Carabinieri a Molfetta
Le armi sequestrate dai Carabinieri a Molfetta
Cronaca

Armi e munizioni nascoste in cantina, blitz di Carabinieri e Polizia

I controlli fra via Bolivar e via VIII Marzo: sequestrata anche una pistola lanciarazzi e proiettili di vario calibro

Una serie di controlli a tappeto nel rione di Ponente di Molfetta, il blitz in alcune cantine dei complessi di case popolari ed ecco ciò che non t'aspetti: monopattini elettrici di dubbia provenienza, armi giocattolo prive del prescritto tappo rosso, proiettili di pistola di diverso calibro, una pistola lanciarazzi e tanto altro ancora.

È il risultato dell'operazione interforze di Carabinieri e Polizia di Stato, con l'ausilio di unità cinofile e reparti speciali, a cui, da tempo, presso le rispettive centrali operative sono giunte «segnalazioni di giovani a bordo di monopattini e bici elettriche che scorrazzavano nel quartiere con fare sospetto e, in alcune circostanze - è scritto in un comunicato stampa -, incutendo timore nella gente comune con minacce e dispetti, affinché mantenessero il silenzio su tutto ciò che notavano».

Alle ore 08.00 del 25 giugno scorso, come anticipato da MolfettaViva.it, gli uomini della Compagnia di Molfetta e della Questura di Bari sono giunti in via Bolivar e via VIII Marzo con il chiaro intendo di procedere a dei controlli a tappeto di tutti quei locali abbandonati situati nel complesso di case popolari. Durante il blitz i militari e gli agenti hanno trovato, però, ben più di quello che si aspettavano, oltre a vari monopattini elettrici di dubbia provenienza, rinvenuti in alcune cantine.
2 fotoArmi e munizioni nascoste in cantina, blitz di Carabinieri e Polizia
Armi e munizioni nascoste in cantina, blitz di Carabinieri e PoliziaArmi e munizioni nascoste in cantina, blitz di Carabinieri e Polizia
Nascoste in varie cantine, Carabinieri e Polizia di Stato hanno scoperto una vera "santabarbara": armi giocattolo prive del prescritto tappo rosso, sicuramente utilizzate per commettere determinati reati predatori e per scopi intimidatori, proiettili di pistola di vario calibro, una pistola lanciarazzi e diverso materiale utile al confezionamento di droga, praticamente una cupa in cui i malfattori, in corso di identificazione, utilizzavano per i loro scopi illeciti, certi di non essere scoperti.

Nel corso delle attività sono state effettuate anche perquisizioni a carico di alcuni soggetti censurati del posto. Il materiale è stato sequestrato a carico di ignoti, mentre le indagini continuano in maniera insistente. È da tempo ormai che i Carabinieri della Compagnia di Molfetta, diretti dal capitano Francesco Iodice, hanno dichiarato guerra al fenomeno del traffico di sostanze stupefacenti e stanno sferrando un attacco in grande stile al mondo dello spaccio al dettaglio a Molfetta.

Nell'ultimo periodo, infatti, hanno già superato la doppia cifra gli arresti e le denunce messi a segno dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Molfetta, il reparto coordinato dal tenente Domenico Mastromauro, al fine di rendere difficile l'ormai dilagante fenomeno del traffico e spaccio al minuto di stupefacenti.
  • Carabinieri Molfetta
  • Polizia di Stato Molfetta
  • Armi Molfetta
Altri contenuti a tema
«C'è qualcuno in quella casa». Era stata occupata abusivamente «C'è qualcuno in quella casa». Era stata occupata abusivamente È successo in un alloggio popolare di via Ruvo, sul posto Carabinieri e Polizia Locale. Denunciate tre persone
In fiamme Miragica. La Procura vuol vederci chiaro, si sospetta il dolo. LE FOTO In fiamme Miragica. La Procura vuol vederci chiaro, si sospetta il dolo. LE FOTO L'intervento dei Vigili del Fuoco s'è protratto sino a sera. Pochi i dubbi sul fatto che dietro vi sia stata la mano dell'uomo
«Nessun legame con la mafia». Colpo di scena: assolto l'appuntato Laforgia «Nessun legame con la mafia». Colpo di scena: assolto l'appuntato Laforgia Non hanno retto le accuse di concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione mosse al militare. È tornato in libertà
Un teschio umano in mare. È mistero nelle acque di Molfetta Un teschio umano in mare. È mistero nelle acque di Molfetta Pesca macabra: è stato recuperato nelle reti a strascico di un peschereccio. Per identificarlo servirà l'esame del Dna
24enne morto nel cantiere, la famiglia chiede «silenzio». Oggi l'autopsia 24enne morto nel cantiere, la famiglia chiede «silenzio». Oggi l'autopsia L'avvocato Petruzzella: «Nella tragedia, una sola certezza: si trattava di un ragazzo per bene». Proseguono le indagini
Tenta di rapinare un anziano in strada: «Minacciato con un paio di forbici» Tenta di rapinare un anziano in strada: «Minacciato con un paio di forbici» È accaduto lungo corso Umberto, l'uomo ha 83 anni ed è ancora sotto shock. Il rapinatore si è dato alla fuga
Forze dell'ordine: anche a Molfetta l'uso della pistola taser Forze dell'ordine: anche a Molfetta l'uso della pistola taser L'annuncio del sottosegretario Molteni. Si tratta di un'arma ad impulsi elettrici per la gestione di situazioni critiche
Agguato in via Ruvo: il 18enne lascia il carcere. Ai domiciliari Agguato in via Ruvo: il 18enne lascia il carcere. Ai domiciliari Il Gip di Trani ha accolto l’istanza dell'avvocato del giovane, riconoscendo l’affievolimento delle esigenze cautelari
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.