Urbanistica - Comparto 17
Urbanistica - Comparto 17
Comunicato stampa

Approvazione comparto 17

Legambiente e Lup esprimono soddisfazione per il recepimento di alcune osservazioni, ma restano irrisolte criticità e contraddizioni

Elezioni Regionali 2020
Approvata definitivamente la pianificazione del comparto 17, l'area che, nella zona di Ponente, ospiterà, secondo il Piano Regolatore Generale vigente, una nuova zona di espansione nei pressi del cimitero, laddove in passato sorgeva il complesso industriale Palbertig.

Le associazioni Legambiente e Lup (Laboratorio d'Urbanistica partecipata) Molfetta hanno presentato, nei tempi previsti dall'iter di approvazione, osservazioni e suggerimenti circa gli aspetti più critici presenti nel precedente progetto di piano: tra gli altri, la frammentarietà della pianificazione, la previsione di realizzare servizi di quartiere all'interno di una cava dismessa (in precedenza, si dava la possibilità, poi corretta, di collocare, nella stessa area, parte della quota di edilizia residenziale pubblica), la progettazione di una strada – d'improbabile realizzazione – nella suddetta cava, la necessità di tener conto di vincoli paesaggistici trascurati dal progetto e l'opportunità di salvaguardare alcuni manufatti storici (ad esempio, un 'casino' di campagna, testimonianza di una trama agraria tipica di quell'area).

Oggi il Commissario Straordinario del Comune di Molfetta approva in via definitiva il piano del comparto 17. «In buona parte si confermano le criticità di un progetto non fondato su una visione organica e complessiva di riqualificazione dell'area, già compromessa dalla coabitazione con l'ex zona boaria, nota come "chertécchie", e da volumi, quindi, in buona parte degradati», dichiarano Legambiente e Lup.

Una coabitazione che, peraltro, il nuovo piano non risolve, visto che, sulla base di un'ambigua norma del Prg, da un lato, si prevede il recupero – e forse anche il cambio di destinazione d'uso – di questi manufatti, con conseguente maggiorazione del carico urbanistico da destinare a edilizia privata, dall'altro, si prospettano risarcimenti – probabilmente a carico della pubblica amministrazione – per la loro eventuale demolizione, senza che si neghi, però, la possibilità che gli edifici continuino a essere nella disponibilità dei proprietari.

A questo si sono aggiunte, nel tempo, discutibili scelte relative alla viabilità e ai servizi, oltre all'incapacità (o alla non volontà) di considerare il tessuto originario di un contesto periurbano, caratterizzato dai segni tipici di un'identità agricola (muretti a secco, casali agricoli, orti) che – certo – appare oggi assai antropizzata, ma che avrebbe meritato un'ottica, più moderna, di riqualificazione e rigenerazione.

Se, al momento, dunque, permane un generale e grave difetto d'impianto nella progettazione del comparto, è tuttavia auspicabile che, nelle future fasi di progettazione, si voglia tener conto anche di questi aspetti, dando seguito, peraltro, a indirizzi e prescrizioni del Piano territoriale paesaggistico regionale già richiamato nella delibera di approvazione.

«È certamente positivo – aggiungono le due associazioni – che, prima dell'approvazione del progetto, qualche nostra osservazione sia stata recepita: la conservazione e la valorizzazione di un 'casino' di campagna nell'ambito degli spazi da destinare a edilizia scolastica, il divieto di realizzare, nella cava dismessa, edificazioni di alcun tipo e, dunque, la possibilità, prospettata nella delibera di approvazione, che i servizi di interesse collettivo lì ubicati siano compatibili con il regime di naturalità della cava».

Se, insomma, la vicenda del comparto 17 – come altre analoghe vicende – dimostra quanto vetusta e inefficace sia la logica che sovrintende al Prg (che non considera minimamente gli aspetti fisici e ambientali, sociali, culturali ed economici di aree della città e, globalmente, della città tutta), è pur vero che il miglioramento di alcuni elementi del progetto, avvenuto nella fase che ha immediatamente preceduto l'approvazione, lascia intendere che, forse sin dapprincipio e anche in questi ultimi anni, esistessero ampi margini di revisione e ottimizzazione del piano. Probabilmente, un'altra occasione mancata.
  • comparto 17
  • LUP
  • Legambiente Molfetta
Altri contenuti a tema
Approvato il progetto di fattibilità per completare i lavori del Comparto 17 a Molfetta Approvato il progetto di fattibilità per completare i lavori del Comparto 17 a Molfetta Delibera di giunta pubblicata sull'albo pretorio. Lavori da circa 130 mila euro
Pino abbattuto in Piazza Moro, interviene anche Legambiente Molfetta Pino abbattuto in Piazza Moro, interviene anche Legambiente Molfetta Ne parla il presidente del circolo locale Marco Di Stefano
Molfetta tra i "comuni ricicloni", esultano ASM e Comune Molfetta tra i "comuni ricicloni", esultano ASM e Comune Il sindaco elogia i cittadini virtuosi e il lavoro dell'Asm
Molfetta tra i "comuni ricicloni" premiati da Legambiente Molfetta tra i "comuni ricicloni" premiati da Legambiente Conferma per la città, 43esima in tutta la Regione
Dal Comune di Molfetta censimento delle aree verdi della città, interviene Legambiente Dal Comune di Molfetta censimento delle aree verdi della città, interviene Legambiente La nota a firma del presidente del circolo locale Marco Di Stefano
Legambiente conferma il no ai canaloni nella zona industriale di Molfetta Legambiente conferma il no ai canaloni nella zona industriale di Molfetta La nota del presidente del circolo cittadino che ribadisce le ragioni della scelta
Legambiente e le inondazioni nella zona industriale di Molfetta: «Aggressione al territorio» Legambiente e le inondazioni nella zona industriale di Molfetta: «Aggressione al territorio» La nota del presidente Marco Di Stefano
Il comparto 17 di Molfetta alla prova di "Valutazione Ambientale Strategica" Il comparto 17 di Molfetta alla prova di "Valutazione Ambientale Strategica" Attenzione alla variante rispetto al piano vigente
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.