Una delle tartarughe rinvenute a Molfetta
Una delle tartarughe rinvenute a Molfetta
Cronaca

Ancora tartarughe spiaggiate sul litorale di Molfetta

Due gli esemplari rinvenuti nei giorni scorsi: entrambi erano in avanzato stato di decomposizione

Elezioni Regionali 2020
C'è la mano dell'uomo dietro le ultime due carcasse di tartarughe marine della specie caretta caretta - la specie è diffusa in molti mari del mondo, ma fortemente minacciata ed ormai al limite dell'estinzione nelle acque territoriali italiane - che il mar Adriatico ha restituito negli ultimi giorni.

Le ultime due sono state rinvenute negli ultimi due giorni fa a Molfetta: la prima, del peso di 35 chilogrammi e con una lunghezza del carapace di 70 centimetri, ormai in avanzato stato di decomposizione, è stata recuperata in località Terza Cala, mentre la seconda, del peso di oltre 50 chilogrammi e con una lunghezza del carapace di 80 centimetri, anch'essa in avanzato stato di decomposizione, è stata rinvenuta nel nuovo porto commerciale di Molfetta.

Immediatamente è stato attivato il consueto protocollo per il recupero delle due carcasse, che ha visto coinvolti i militari della Capitaneria di Porto di Molfetta, gli uomini della Polizia Locale e i veterinari dell'Azienda Sanitaria Locale di Bari, i quali, con il valido supporto dei volontari del centro di recupero tartarughe marine di Molfetta, un vero e proprio ospedale, effettueranno le dovute analisi cliniche per risalire alle cause dei due decessi.Tuttavia, nonostante risulti difficile individuare il concatenamento di patologie che hanno portato alla morte, ad ipotizzare la "causa antropica" dietro gli ultimi due decessi è Pasquale Salvemini, del WWF Puglia. «Lo pensiamo perché entrambe le tartarughe marine presentavano un importante ed evidente prolasso cloacale», ovvero la fuoriuscita di un organo attraverso l'apertura della cloaca, posta sulla parte inferiore della coda dell'animale.

Si tratta di esemplari che col moto ondoso, hanno avuto difficoltà di sopravvivenza e non sono riusciti a risalire dai fondali per via delle lesioni traumatiche subite in precedenza. L'esempio più comune è il contatto con le eliche degli scafi, ma ci sono problemi collegate anche alla pesca intensiva: le reti a strascico e le lenze dei palangari sono strumenti di morte, ma una presenza ancor più letale è l'ingestione accidentale di sostanze plastiche.

Le carcasse sono frutto di una pulizia naturale del mare Adriatico. Quando gli operatori della pesca trovano tartarughe marine impigliate nelle reti o già morte per asfissia da annegamento, le rigettano in mare e le correnti poi le spingono sino a spiaggiarle.
  • Tartarughe Molfetta
Altri contenuti a tema
Tartaruga morta e decomposta: trovata a Torre Gavetone Tartaruga morta e decomposta: trovata a Torre Gavetone L'esemplare era morto da tempo e presentava i classici sintomi legati alla patologia di gas embolico
Ennesima tartaruga spiaggiata, è strage di esemplari lungo la costa Ennesima tartaruga spiaggiata, è strage di esemplari lungo la costa 6 esemplari di caretta caretta sono stati rinvenuti negli ultimi 2 giorni fra Trani e Giovinazzo
Un'altra tartaruga marina trovata in spiaggia senza vita Un'altra tartaruga marina trovata in spiaggia senza vita La carcassa dell'animale, lungo 80 centimetri, è stato ritrovato nei pressi del Mikki Beach
GenerAzioneMare: Natalina, la tartaruga caretta caretta torna in libertà GenerAzioneMare: Natalina, la tartaruga caretta caretta torna in libertà Era stata recuperata a Barletta e curata presso il centro di Molfetta. Domani sarà liberata al largo di Bisceglie
Ancora una tartaruga spiaggiata sul litorale di Molfetta Ancora una tartaruga spiaggiata sul litorale di Molfetta La testuggine, in avanzato stato di decomposizione, è stata ritrovata nei pressi del lido Bahia
100 euro ai pescatori che salvano le tartarughe, i centri di recupero scrivono al Ministero 100 euro ai pescatori che salvano le tartarughe, i centri di recupero scrivono al Ministero «Un gravissimo errore pagare per il recupero delle tartarughe marine». Si vanificano decenni di buone pratiche
Altre due tartarughe morte spiaggiate a Molfetta Altre due tartarughe morte spiaggiate a Molfetta La prima in località San Giacomo, la seconda sul lungomare Colonna. È intervenuta la Guardia Costiera
Tartaruga trovata morta sulla spiaggia di Torre Calderina Tartaruga trovata morta sulla spiaggia di Torre Calderina Ennesimo spiaggiamento di un esemplare di caretta caretta: l'animale era in avanzato stato di decomposizione
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.