Felice Spaccavento
Felice Spaccavento

Allarme sicurezza a Molfetta, Spaccavento: «Depositata interrogazione in Consiglio comunale»

Affrontata anche la questione legata ai disagi al seggio 59 durante il voto

Felice Spaccavento, consigliere comunale del movimento politico locale Rinascere commenta l'esito del Consiglio comunale svoltosi ieri, martedì 27 settembre:

"Ieri si è svolto il Consiglio comunale di Molfetta chiamato, innanzitutto, a eleggere i componenti delle commissioni consiliari che hanno il compito di istruire e approfondire gli argomenti prima di essere portati all'attenzione della massima assise cittadina. Io sono stato eletto nella 5° Commissione che si occupa principalmente di politiche sociali, sanità, solidarietà, volontariato e politiche giovanili. Sono tutti temi che mi stanno molto a cuore e ringrazio i colleghi consiglieri di opposizione per la fiducia accordatami, indicandomi come componente di questa Commissione".

"In apertura di Consiglio, però – prosegue Spaccavento –, ho voluto prendere la parola per segnalare all'attenzione del Sindaco e della Giunta due fatti gravi che meritano la massima attenzione da parte di tutti e l'intervento da parte dell'amministrazione comunale. Innanzitutto ho evidenziato l'aumento preoccupante dei fenomeni di microcriminalità, sempre più frequenti in città, ad opera soprattutto di gruppi di minorenni. Sono innumerevoli, ormai, le segnalazioni che ricevo quotidianamente di aggressioni a cittadini inermi (soprattutto anziani e adolescenti), di furti, di violenze, per non parlare degli atti vandalici contro beni pubblici o addirittura nei condomini privati, sia nelle zone centrali che in quelle periferiche della città. Tutto questo sta determinando grave allarme sociale a Molfetta, soprattutto perché non si tratta di fenomeni saltuari e slegati tra loro, ma di episodi sempre più frequenti che creano una grave percezione di insicurezza tra i cittadini".

"A tutto questo, poi, va anche aggiunto l'insensato spegnimento dell'illuminazione pubblica in molte zone della città, lasciate completamente al buio dalle prime ore della sera. E' indispensabile che l'amministrazione intervenga tempestivamente, non solo con un approccio repressivo (pur necessario) per arginare questi fenomeni e garantire la sicurezza dei cittadini, ma anche mettendo in campo iniziative su più livelli: sociale, culturale, formativo e urbanistico, migliorando la fruibilità dei quartieri e delle aree pubbliche e potenziando gli spazi di aggregazione giovanile. A questo proposito sarebbe anche molto utile riattivare immediatamente il Comitato di Monitoraggio sui Fenomeni Delinquenziali, mai convocato negli ultimi anni, e che invece potrebbe dare un grande contributo in questa fase in termini di conoscenza dei fenomeni in atto e di proposte operative. Su tutto questo ho anche depositato in queste ore una interrogazione consiliare perché intendo sapere concretamente cosa l'amministrazione intenda fare per fronteggiare questa situazione. Nell'interrogazione ci sono anche alcune nostre proposte ("percorsi sicuri" tra centro e periferie, estensione dell'orario di servizio per la Polizia Locale, potenziamento dei servizi di ascolto e di sensibilizzazione dei più giovani sui temi della legalità) su cui ci attendiamo delle risposte".

"Il secondo fatto grave su cui sono intervenuto in apertura di Consiglio riguarda i disagi enormi che i cittadini iscritti nella sezione elettorale n. 59 hanno dovuto subire domenica scorsa, in occasione delle elezioni politiche. In quel seggio si sono registrate, sin dall'apertura e nonostante il grande impegno del Presidente per poter accelerare le operazioni, code lunghissime con tempi di attesa insostenibili (anche ben più di un'ora) che hanno indotto molti cittadini a tornarsene a casa e a non esercitare il loro fondamentale diritto di voto. Si tratta di disagi che avevamo già denunciato in occasione delle amministrative scorse ma evidentemente il Comune non è intervenuto per risolvere la situazione. La causa di questi problemi è molto semplice ed è da ricercare nella illogica ripartizione (fatta dal Comune di Molfetta) del corpo elettorale tra le diverse sezioni elettorali. La sezione n. 59, infatti, ha ben 1.695 iscritti, a fronte di altre sezioni elettorali della nostra città che ne hanno poco più di 500. La media di iscritti per sezione elettorale, a Molfetta, è di circa 800 persone, mentre alla sezione 59 siamo praticamente a più del doppio! E' assolutamente normale, quindi, che si creino questi disagi che sarebbero evitabilissimi se solo ci fosse una più attenta ripartizione di iscritti tra le diverse sezioni. Tra l'altro ho evidenziato come questo dato si ponga in palese contrasto con la normativa vigente in materia che prevede che ogni sezione elettorale abbia un numero di iscritti non superiore a 1.200. Ho chiesto, pertanto, al Sindaco e all'amministrazione comunale di intervenire per risolvere questa incresciosa situazione, riequilibrando il numero di iscritti tra le diverse sezioni elettorali, in modo che alle prossime elezioni non si ripetano le scene assurde viste anche domenica scorsa, e venga consentito a tutti l'effettivo esercizio del diritto di voto".

Il consigliere Spaccavento, infine, conclude con una esortazione ai cittadini: "Continuate a segnalarmi tutto quello che pensate vada migliorato in questa città, e io continuerò a farmi portavoce nelle istituzioni delle vostre richieste e delle vostre esigenze".
  • felice spaccavento
Altri contenuti a tema
Felice Spaccavento: «Un errore l’approvazione della transazione con l’ASI» Felice Spaccavento: «Un errore l’approvazione della transazione con l’ASI» Il consigliere comunale di Rinascere parla dopo l'assemblea
Spaccavento: «Il Consiglio comunale di ieri conferma l'inadeguatezza dell'amministrazione» Spaccavento: «Il Consiglio comunale di ieri conferma l'inadeguatezza dell'amministrazione» Le parole del consigliere di Rinascere
Nuova area mercatale, Felice Spaccavento deposita interrogazione al Consiglio Comunale Nuova area mercatale, Felice Spaccavento deposita interrogazione al Consiglio Comunale Il consigliere di Rinascere: «Ci aspettiamo risposte chiare su tutta la vicenda»
Risparmio energetico, Spaccavento: «A Molfetta quartieri al buio di sera e lampioni accesi di giorno» Risparmio energetico, Spaccavento: «A Molfetta quartieri al buio di sera e lampioni accesi di giorno» Le parole del consigliere comunale: «Il Sindaco continua a tacere su questo tema. Problema di sicurezza»
Spaccavento: «Come opposizione siamo pronti a fare il bene di Molfetta in Consiglio comunale» Spaccavento: «Come opposizione siamo pronti a fare il bene di Molfetta in Consiglio comunale» Le parole del nuovo consigliere verso la prima seduta in programma il 2 agosto
Felice Spaccavento: «Tutto ciò che non è ospedale» Felice Spaccavento: «Tutto ciò che non è ospedale» La nota del candidato al Consiglio comunale di Rinascere con Lillino Drago sindaco
Ospedale del nord-barese, Spaccavento: «Entro tre settimane il piano di fattibilità» Ospedale del nord-barese, Spaccavento: «Entro tre settimane il piano di fattibilità» Le documentazioni sarebbero già pronte per l'iter successivo
Felice Spaccavento: «Voglio mettermi alla prova su altri modelli di ”cura” della città» Felice Spaccavento: «Voglio mettermi alla prova su altri modelli di ”cura” della città» L'intervista al candidato nella lista "Rinascere"
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.