I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Agli arresti domiciliari ma con refurtiva e droga, scoperti dai Carabinieri

Tornano in carcere un 29enne e un 31enne del luogo. Sequestrati anche 8 grammi di marijuana

I Carabinieri della Compagnia di Molfetta hanno eseguito, nei giorni scorsi, numerosi controlli a carico di soggetti detenuti agli arresti domiciliari per verificare il rispetto delle prescrizioni a loro imposte.

All'esito delle verifiche, sono stati denunciati due pregiudicati del luogo che, sebbene ristretti presso le proprie abitazioni, avevano compiuto alcuni reati in violazione a quanto previsto dalla concessione del beneficio della misura cautelare alternativa alla detenzione in carcere.

In particolare un 29enne di Molfetta, durante un controllo, sul pianerottolo di casa, è stato trovato in possesso di una bicicletta a pedalata assistita, del valore di alcune migliaia di euro, risultata asportata due giorni prima a Bisceglie.

Nella stessa giornata, un 31enne, pregiudicato per reati di spaccio di sostanze stupefacenti, durante una perquisizione, è stato trovato in possesso di 8 grammi di marijuana, suddivisi in altrettante bustine, nonché 80 bustine di cellophane atte al confezionamento della droga e 310 euro in contanti, suddivisi in banconote di piccolo taglio. Il tutto è stato sottoposto a sequestro.

Entrambi i detenuti sono stati deferiti alle competente Autorità Giudiziaria, rispettivamente per il reato di ricettazione e per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Inoltre, delle loro condotte illecite, ė stata informata anche la competente Corte d'Appello di Bari, la quale, vagliati i fatti, ha emesso due ordini di esecuzione pena che hanno disposto, per entrambi, la revoca degli arresti domiciliari con la detenzione presso la casa circondariale di Trani, subito eseguiti dagli stessi militari.
  • Carabinieri
Altri contenuti a tema
Uccide un pitbull a colpi di pistola, arrestato un 59enne di Molfetta Uccide un pitbull a colpi di pistola, arrestato un 59enne di Molfetta L'uomo lo ha colpito con tre proiettili perché aveva aggredito il suo cane. Adesso è in carcere
Minacce di morte per un debito di droga. In manette un pregiudicato di Molfetta Minacce di morte per un debito di droga. In manette un pregiudicato di Molfetta Il 41enne Massimiliano De Bari avrebbe minacciato un coetaneo per 50 grammi di marijuana. Ora è in carcere
I Carabinieri di Molfetta scovano un deposito di auto rubate. Erano pronte per furti e rapine I Carabinieri di Molfetta scovano un deposito di auto rubate. Erano pronte per furti e rapine Trovate una Fiat Panda, una BMW X3 3.0 ed una BMW serie 5 SW. Rinvenuti anche due picconi, un’ascia e chiodi a tre punte
Furti di auto e mezzi pesanti a Molfetta, i resti rinvenuti ad Andria Furti di auto e mezzi pesanti a Molfetta, i resti rinvenuti ad Andria Operazione dei Carabinieri, in manette un 64enne ed un 43enne. Recuperati tre furgoni ed un autoarticolato con a bordo una gru
Ordigno sul cofano: distrutta un'Alfa Romeo Giulietta Ordigno sul cofano: distrutta un'Alfa Romeo Giulietta L'attentato alle ore 15.15 in via San Francesco d'Assisi. I Carabinieri hanno già le idee chiare
Litigano, poi parte un colpo di pistola. "Protagonisti" due pregiudicati Litigano, poi parte un colpo di pistola. "Protagonisti" due pregiudicati Si tratterebbe di padre e figlio di 65 e 35 anni, proseguono le indagini dei Carabinieri
2 Tutti i dettagli dell'arresto di Fulvio Spadavecchia a Molfetta Tutti i dettagli dell'arresto di Fulvio Spadavecchia a Molfetta I particolari diffusi dall'Arma dei Carabinieri in una nota
3 Fotografi tedeschi derubati nel parcheggio di un supermercato di Molfetta Fotografi tedeschi derubati nel parcheggio di un supermercato di Molfetta Rubata tutta l'attrezzatura fotografica. Il triste appello di Sarah per ritrovare le foto
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.