Il carcere di Trani
Il carcere di Trani
Cronaca

Agguato in piazza Paradiso, i due cugini scelgono il silenzio davanti al Gip

I due omonimi Vito Magarelli, di 34 e 48 anni, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere

Hanno scelto di non rispondere alle domande del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani, Lucia Anna Altamura. Sono stati interrogati ieri mattina i due cugini omonimi, Vito Magarelli, di 34 e 48 anni, colpiti martedì da un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per il tentato omicidio di Leonardo Squeo.

I fatti di cui i due cugini, entrambi con precedenti, sono accusati risalgono alla sera del 10 agosto scorso, quando nella centralissima piazza Paradiso, nei pressi di via Immacolata, il 44enne Squeo fu colpito all'addome da vari colpi di arma da taglio e poi da un colpo d'arma da fuoco al piede. Il ferito riuscì a trascinarsi in via Bixio, dove poi, raggiunto da alcuni conoscenti, fu trasportato in ospedale, mentre sul luogo dell'accaduto arrivarono i Carabinieri della locale Compagnia.

Ed è proprio attraverso le serrate indagini dei militari della Sezione Operativa, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Trani, che si è riusciti, grazie anche alla visione delle immagini della videosorveglianza, a identificare i presunti colpevoli, conoscenti della vittima, con cui quella sera ci sarebbe stata - hanno ricostruito gli inquirenti - una discussione per «futili motivi» degenerata nella violenza. I due uomini, accusati di tentato omicidio, sono finiti nel carcere di Trani.

I due cugini (il 48enne, accusato anche di porto abusivo di oggetti atti ad offendere, difeso dall'avvocato Andrea Calò, e il 34enne, colpevole pure di porto abusivo di arma, difeso dall'avvocato Michele Salvemini, nda) hanno scelto la stessa strategia: non rispondere, non fare alcuna ammissione e non replicare alle accuse.
  • Michele Salvemini
  • Andrea Calò
  • Vito Magarelli
Altri contenuti a tema
Ferimento Squeo: reato derubricato per il 34enne. Ma resta in carcere Ferimento Squeo: reato derubricato per il 34enne. Ma resta in carcere Il Tribunale ha escluso il tentato omicidio derubricandolo in lesioni. Resta l'accusa di porto abusivo di arma
Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» I due omonimi Vito Magarelli sono in carcere. Oggi compariranno davanti al gip Altamura per l’interrogatorio di garanzia
Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Ricostruito dai Carabinieri il tentato omicidio di Leonardo Squeo: in manette due cugini omonimi, di 48 e 34 anni
Omicidio Parisi, riconosciuta la premeditazione: 22 anni a Farinola Omicidio Parisi, riconosciuta la premeditazione: 22 anni a Farinola L'uomo fu ucciso nel 2019 e il suo delitto fu premeditato. Lo hanno stabilito i giudici della Corte d'Assise del Tribunale di Trani
Colpo da 15mila euro al Compro Oro: due condanne, un'assoluzione Colpo da 15mila euro al Compro Oro: due condanne, un'assoluzione Per quel fatto Gianfranco Del Rosso è stato condannato a 4 anni e 2 mesi. Assolto, invece, Domenico Gigante
Droga in viaggio sull'asse Italia-Albania. Ai domiciliari un 29enne Droga in viaggio sull'asse Italia-Albania. Ai domiciliari un 29enne L'albanese Erind Garubi, coinvolto nella maxi operazione "Kulmi", era in carcere dal 30 giugno scorso
"Halloween", Cassazione annulla sentenza di condanna: 32enne torna in libertà "Halloween", Cassazione annulla sentenza di condanna: 32enne torna in libertà Accolto il ricorso presentato dall'avvocato Michele Salvemini. Inammissibili i ricorsi presentati per altre 8 persone
Omicidio Parisi: rinviato a giudizio Farinola. La difesa chiede il rito abbreviato Omicidio Parisi: rinviato a giudizio Farinola. La difesa chiede il rito abbreviato I familiari della vittima si sono costituiti parte civile, i legali dell'omicida hanno chiesto l'abbreviato: la nuova legge lo impedisce
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.