Pistola
Pistola

Adesso è il momento di dire basta

Riflessioni tra rapine, scippi e colpi di pistola

Quando ti puntano una pistola contro è un po' come morire. Il sangue si gela, il cuore sembra fermarsi, manca il respiro, il sudore è freddo e le parole stentano ad uscire.

Quando ti puntano una pistola (o meglio, un kalashnikov) mentre, in un caldo venerdì pomeriggio di luglio, hai appena varcato l'uscio del portone di casa per uscire con il tuo cane e la tua unica colpa è abitare nel portone accanto a una banca che sta per essere rapinata. Quando ti puntano una pistola (o meglio, un kalashnikov), mentre in un caldo venerdì pomeriggio di luglio, sei in giro, sulla tua bicicletta e sei di intralcio a un gruppo di banditi che stanno per rapinare con un furgone bianco a folle velocità una banca a pochi metri dalla strada su cui stavi solo facendo una passeggiata. Quando ti puntano una pistola mentre sei dietro al bancone della tua tabaccheria, rilevata da poco con i risparmi di un genitore andato per una vita in mare, in quello che sembra, fino a quel momento, il solito lunedì mattina di lavoro. Quando vedi sparare, senti il tonfo dei colpi mentre stai trascorrendo la solita serata estiva in periferia, tra una capatina all'oratorio o alla villetta da poco riaperta oppure stai cercando refrigerio sul balcone di casa, magari vista mare e tramonto di una bellezza disarmante.

Bè, in questi casi, è come morire due volte. Perché non c'è solo la paura, il terrore, lo shock e lo spavento che ti pietrificano anche nei giorni successivi e, forse, a vita. Ma perché avviene in quei posti che mai avresti pensato. Perché sei semplicemente a casa tua. Nelle tue strade, nei luoghi che frequenti, nel tuo luogo di lavoro. Nella tua città.

Allora, è arrivato il momento di dire basta. Basta a questa escalation criminale che da venerdì ha gettato Molfetta nel panico.
Si diranno tante cose, si cercheranno i colpevoli che verranno trovati perché crediamo, fortemente, nel lavoro dei nostri Carabinieri.

La verità, tuttavia, è che i cittadini meritano una risposta. La verità è che questa risposta deve venire subito. Deve arrivare dal Prefetto, prima di tutto. Indubbi i tagli, resta il fatto che ormai è evidente che serve un numero più elevato di Carabinieri. Molfetta è cresciuta a dismisura in questi decenni, impensabile che non ci sia un numero di militari proporzionale a gestire l'intero territorio.

La risposta deve arrivare dalla politica. Tutta. Senz'altro è il Sindaco il punto di riferimento. Ma ciò non serve. Occorre dire basta ai giochini delle poltrone e dei voltagabbana, del salto di partito e colore, dei canti in Consiglio Comunale.
Bisogna fare cerchio comune. Soprattutto per evitare le derive populiste che tutto ciò potrebbe comportare, le derive del "Perché non è ancora successo a loro…".

Molfetta esige delle risposte. Molfetta, città della pace
  • Criminalità
  • Rapina
  • molfetta
  • SCIPPO
  • pistola
Altri contenuti a tema
Rapina all'ufficio postale di via Cormio a Molfetta Rapina all'ufficio postale di via Cormio a Molfetta Sul posto Carabinieri e i sanitari del 118 per accertamenti e soccorso
Colpo al centro commerciale nella notte. Nel mirino il bancomat Colpo al centro commerciale nella notte. Nel mirino il bancomat Da quantificare il bottino del furto avvenuto intorno all'01.30. Sul posto i Carabinieri
1 Paura in centro a Molfetta, donna rapinata in via Rattazzi Paura in centro a Molfetta, donna rapinata in via Rattazzi I rapinatori hanno agito a bordo di un ciclomotore. Sul posto l'intervento dei Carabinieri
23 Tentano uno scippo. Non riuscendo minacciano di investire una coppia Tentano uno scippo. Non riuscendo minacciano di investire una coppia Il fatto è accaduto ieri sera nei pressi di via Roma ai danni di una coppia molfettese
36 Tenta di scippare delle ragazze, poi la colluttazione con un presente. Notte da shock in Villa comunale Tenta di scippare delle ragazze, poi la colluttazione con un presente. Notte da shock in Villa comunale Sul posto subito i Carabinieri
22 Scippa una ragazza, poi si dà alla fuga: in Piazza Vittorio Emanuele paura e attimi concitati Scippa una ragazza, poi si dà alla fuga: in Piazza Vittorio Emanuele paura e attimi concitati Il malvivente è riuscito a far perdere le tracce. Un agente della Polizia Locale ha tentato di inseguirlo
Ultim'ora: rapina ad un supermercato in pieno centro Ultim'ora: rapina ad un supermercato in pieno centro Pochi minuti fa l'atto criminoso in via Rattazzi
3 Allarme sicurezza alle "crtecchj" di Ponente Allarme sicurezza alle "crtecchj" di Ponente Le vecchie stalle terra di nessuno. E i furti sono all'ordine del giorno
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.