Ciò che resta del cordaio
Ciò che resta del cordaio

Ciò che resta della fabbrica del cordaio: LE FOTO

Abbandono, rifiuti e calcinacci tra vecchie macchine di lavorazione e funi

È stato per anni, tanti anni, uno dei luoghi simbolo della città di Molfetta legato in particolare all'attività marinara.

Oggi la fabbrica delle corde, il cordaio, è solo un luogo abbandonato a sé e ad avventori occasionali che talvolta non si limitano solo a passare di lì.

Come si può chiaramente vedere dalle foto fornite dagli uomini del G.E.P.A., nella struttura dove era collocata l'antica bottega sono ancora presenti alcuni macchinari, qualche matassa di vecchie funi e tutt'attorno tanta spazzatura e calcinacci sparsi. Si distingue, addirittura, un contatore dell'energia elettrica divelto.

La stradina in cui venivano stesi i cavi e le funi da lavorare, e che collega la zona della Madonna dei Martiri (in direzione dell'imbocco del nuovo porto) a Cala San Giacomo, è parzialmente impraticabile a causa delle erbacce e dei rifiuti che continuano a proliferare.

Non è solo l'abbandono di un'antica attività artigianale; è anche l'abbandono di un pezzo della storia cittadina.
Ciò che resta del cordaioCiò che resta del cordaioCiò che resta del cordaioCiò che resta del cordaioCiò che resta del cordaioCiò che resta del cordaio
  • fabbrica cordaio
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.