La Foto Vincenzo Bisceglie" />
La "Quarantana". Foto Vincenzo Bisceglie
Viva la storia di Molfetta!

La Quaresima a Molfetta

Dalle "quarantane" alle macellerie chiuse: tutte le tradizioni che furono

Durante i primissimi tempi del Cristianesimo, cominciò a praticarsi dai fedeli un periodo di preparazione per disporsi sempre meglio a quello che è il mistero centrale della Redenzione del Cristo.

Dapprima si iniziò con un periodo di un solo giorno; poi questo periodo si andò sempre più allungando, comprendendo 6 settimane, e così si ebbe la Quaresima (dal latino "Quadragesimae") cioè 40 giorni di preparazione al Mistero Pasquale. La Quaresima comporta per i fedeli due distinte pratiche religiose: il digiuno e la penitenza. In passato, durante il periodo quaresimale, non era consentito che un solo pasto al giorno. La pratica del digiuno era in passato obbligatoria e chi vi contravveniva andava incontro a seri guai.

La Quaresima a Molfetta é sempre stata molto sentita ed iniziava con l'esposizione nella città vecchia della Quarantana (rito da qualche anno ripristinato nella nostra città grazie alla "Associazione Passione e Tradizione Molfetta"). Si trattava di una fantoccia ingobbita, vestita di nero, che veniva appesa ad una corda il mercoledi delle Ceneri di ogni anno e rimaneva in mostra per tutto il periodo della Quaresima. La Quarantana e tutti i riti legati ad essa sono di chiara derivazione pagana. Molto probabilmente essa è assimilata agli "oscilla" che erano appesi agli alberi nelle feste dedicate a Dioniso, il cui culto fu importato dai coloni greci che si insediarono nel Sud Italia. Gli oscilla erano esposti al vento, elemento naturale divinatorio, che li faceva muovere allontanando così gli spiriti malefici. Funzione apotropaica svolta anche dalla Quarantana che oscilla allo spirare del vento.

Con il passare del tempo è avvenuto un curioso sincretismo tra culto pagano, culto cattolico e tradizioni locali. Il melograno, simbolo di rinascita legato al culto di Dioniso, è stato sostituito da un'arancia, il frutto dell'inverno che va via, nella quale sono conficcate sette penne di gallina, tante quante sono le settimane della Quaresima: ogni settimana che passa, una penna veniva estratta sino al giorno di Pasqua.

Allo scadere di ogni settimana si toglieva una penna per cui, con il sopraggiungere della settimana santa, l'arancia restava completamente spennata e la fantoccia veniva incendiata alla presenza della folla esultante. Per la mancanza di mezzi informativi quali calendari, radio e televisione, le madri mandavano i bambini per strada ad osservare la Quarantana per contare le penne rimaste le quali avrebbero dovuto indicare le settimane che mancavano alla Pasqua.

Un tempo l'apparizione della Quarantana per le strade, rappresentava l'inizio dei digiuni e delle astinenze rituali.

Da tutte le mense venivano banditi la carne e i salumi. Al loro posto era ammesso il consumo di verdure, pesce e baccalà, quest'ultimo, cotto sui carboni e condito con olio crudo, limone e pepe. A Molfetta le macellerie anticamente rimanevano chiuse, tranne un giorno a settimana in cui il macellaio era autorizzato dal clero a distribuire la carne ai malati ed i tegami venivano lavati più volte così da poter togliere qualsiasi odore della carne.

Anche le case venivano accuratamente pulite e rassettate, e le donne della famiglia si adoperavano affinché nelle abitazioni non ci fosse nemmeno un granello di polvere. Utilizzavano la cenere per pulire gli ambienti e non tralasciavano alcunché, tutto doveva essere in ordine. Erano considerati dei riti di purificazione che venivano svolti in vista delle celebrazioni in onore del Cristo Risorto.
  • quaresima
Altri contenuti a tema
Conclusa la processione dei "Cinque Misteri" a Molfetta Conclusa la processione dei "Cinque Misteri" a Molfetta Alle ore 18 in Cattedrale la liturgia della passione e morte di Gesù con il Vescovo
"Volti quaresimali": la Quaresima di Molfetta diventa esperienza multisensoriale "Volti quaresimali": la Quaresima di Molfetta diventa esperienza multisensoriale L'evento nel programma dell'Arciconfraternita della Morte
Molfetta entra nella Quaresima con la processione della Croce Molfetta entra nella Quaresima con la processione della Croce In serata nelle Chiese il rito delle ceneri
Vandalizzata una Quarantana nel centro storico Vandalizzata una Quarantana nel centro storico Il gesto si sarebbe consumato forse questa notte
Mostre e concerti in Settimana Santa Mostre e concerti in Settimana Santa Continuano le iniziative nell'ambito delle attività di promozione di "Quaresima 2015"
Alle 17 la processione dell’Addolorata Alle 17 la processione dell’Addolorata I confratelli con "il muccio" e le consorelle con il velo
Giornata diocesana della Gioventù e Via Crucis Giornata diocesana della Gioventù e Via Crucis Appuntamento sabato 28 marzo
Al via la rassegna Vexilla. canti della Settimana Santa Al via la rassegna Vexilla. canti della Settimana Santa Prima settimana di eventi del programma “Quaresima 2015”, musica, arte e laboratori in città
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.