Sepolcro ( foto Basilica Madonna dei Martiri)
Sepolcro ( foto Basilica Madonna dei Martiri)
Viva la storia di Molfetta!

E' la "Domenica in albis", tra scarcella e indulgenza

Riti antichi, ormai persi, che rivivono nei ricordi e nelle fonti storiche


La Domenica successiva alla Pasqua è detta in Albis (dal latino «in Albis» sottinteso «vestibus», vestiti di bianche vesti) perché anticamente i neo battezzati erano condotti in quel giorno al battistero e lì deponevano le vesti bianche che per tutta la settimana pasquale avevano indossato, avendo ricevuto il Battesimo il Sabato Santo.

A Molfetta i neo battezzati deponevano le vesti bianche presso il Santuario della Madonna dei Martiri e per solennizare tale cerimonia, i familiari preparavano cibarie e un dolce casalingo detto scarcella, fatto di pasta frolla ripieno di marmellata e ricoperto di giuleppe e di énsìne. Al dolce si dava la forma o di un cuore, o di una stella, o di una colomba: il cuore era simbolo dell'amore cristiano verso il neo battezzato; la stella simboleggiava il Lumen Christi ossia la luce di Cristo; la colomba rappresentava lo Spirito Santo che, nel momento della somministrazione del Battesimo, scende sul battezzato, rigenerandolo con i suoi doni. Questo simbolismo continua ancora oggi. Il dolce veniva consumato sul posto, dopo aver cantato questi versi in vernacolo:
Gloria, gloria, scìnn'o Pregatoreie
scimme o chemménde
la scarcédde ind'o vénde
a mengià re coese dulce
a mengià re d'oeve du ciucce
(Gloria, gloria, scendi al Purgatorio andiamo al convento la scarcella nel ventre a mangiare le cose dolci a mangiare le uova del ciuco)
Il canto vuole significare che nel giorno della gloria, la Pasqua, il Signore scese nel limbo per «scarcerare» le anime. Infatti scarcella deriverebbe dal verbo scarcerare, che in riferimento al Battesimo, vuole indicare l'uomo che viene scarcerato dal peccato originale.
Oggi giorno tale tradizione ha assunto una diversa connotazione. Infatti, la scarcella è diventata un dolce della tradizione pasquale molfettese che si consuma a casa.

Oltre alla festa della scarcella, in questa domenica si celebra la festa dell'indulgenza. Questa festa ha avuto origine nel lontanto 1485, quando Papa Innocenzo VIII (al secolo Giambattista Cibo), già vescovo di Molfetta dal 1472 al 1480, per promuovere maggiore devozione e culto verso la Vergine dei Martiri, nel primo anno del suo Pontificato, fece dono dell'indulgenza plenaria sancita con la Bolla pontificia del 1°giugno 1485.




Brano tratto da "Feste, ricorrenze e memorie" a Molfetta, di Cosmo Tridente
  • Pasqua
Altri contenuti a tema
Molfetta in trasferta a Polla, intervista a Ivan Romano Molfetta in trasferta a Polla, intervista a Ivan Romano Uno scatto della città in mostra per raccontare riti e tradizioni popolari
Smentite le voci di un cambio programma della Processione dei Misteri Smentite le voci di un cambio programma della Processione dei Misteri Invece l'inizio della processione dell'Addolorata sarà anticipata di un'ora
Pasqua: gli auguri del Vescovo Domenico Cornacchia Pasqua: gli auguri del Vescovo Domenico Cornacchia Un messaggio tra pace e non violenza nel nome di don Tonino
Processione Addolorata, venerdì 7 la diretta video su MolfettaViva Processione Addolorata, venerdì 7 la diretta video su MolfettaViva Grazie all'Arciconfraternita della Morte una regia tecnica trasmetterà le immagini in tutto il mondo
Anche Pasqua con i tuoi: spesi 68 euro a famiglia Anche Pasqua con i tuoi: spesi 68 euro a famiglia I risultati del dossier "La Pasqua degli italiani" della Coldiretti
Domenica di Pasqua: il messaggio del Vescovo Domenica di Pasqua: il messaggio del Vescovo Alle 10 in Cattedrale celebrazione con Mons. Cornacchia.
Molfetta e il suo Venerdì santo. Il volume. Molfetta e il suo Venerdì santo. Il volume. Il racconto in foto di una magia senza tempo.Alle 19 nel Museo Diocesano.
Michele de Bari e Lucilla Cuman vincono il concorso fotografico Pasqua 2015 Michele de Bari e Lucilla Cuman vincono il concorso fotografico Pasqua 2015 L'iniziativa voluta dallo studio fotografico di Antonio D'Agostino
© 2001-2018 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.